12/29/2009

121 - Palm Springs


Scrivo dalla stanza dell'albergo a Palm Springs.
Sto seduta sul letto e il marito affianco a me dorme... e non son nemmeno le 22!
Considerando che siamo entrati nel ristorante per cenare che erano le 18 circa, ci sta tutta.....

Siamo partiti stamattina da san diego e dopo circa 2 ore e mezza siamo arrivati alla funicolare
Purtroppo molti californiani (e non solo) sono in vacanza, quindi abbiamo fatto il biglietto per salire con orario 2:20 pm (siamo arrivati prima di mezzogiorno!). Abbiamo ingannato il tempo alla meno peggio e finalmente abbiamo preso sta funicolare. Il percorso per salire e' veramente bellissimo!
Paesaggio da paura. Rocce da paura. Funicolare da paura!

Sopra abbiamo passeggiato... non eravamo attrezzati per tutta la neve che c'era!!!
Io Puma scamosciate e il marito Nike di quelle di retina.... ma ci siamo fatti una bella passeggiata, con tanto di cadute che alla fine mi sono trovata la neve fin dentro le mutande!
Poi siamo riscesi, siamo venuti in albergo, siamo usciti e abbiamo cenato a orario americano.

Quindi alle 20:30 eravamo praticamente gia' in pigiama e abbiamo studiato cosa andare a vedere domani... ci aspetta la Death Valley!

Ora son le 10:10 pm... e sento che il sonno sta per avere la meglio!!

Happy holiday!!

12/23/2009

119 - stendino!

12/22/2009

118 - decorazioni per natale

Quest'anno non abbiamo fatto l'albero di Natale.
Ad essere sincera, l'alberdo di Natale che avevamo a Roma non e' che mi piacesse molto... era l'albero del marito di quando era piccolo, che ha ereditato in quanto primogenito... insieme al set di "palline" di vetro.. che in realta' tutto sono tranne che palline, cioe' hanno forme strane, tipo pesce, carota, coniglio e similari.
E siccome sono "di famiglia" lui ci tiene e bisogna sempre metter su quest'albero spelacchiato con ste palline di vetro che non son palline e se mi cadono mentre le metto su sento dentro la mia testa i rimproveri degli avi ... mentre il fratello del marito ha potuto comprare un bellissimo albero folto e lo decora con palline a forma di palla belle grandi blu e argento.... (scusa amore per lo sfogo!).
Cmq quest'anno nemmeno questo, dato che l'alberello e' rimasto a roma.
Ci siam portati dietro solo il presepe, peruviano, comprato in viaggio di nozze.
E l'ho montato davanti al camino (camino ovviamente spento).

Poi qualche giorno fa ho comprato le luci da mettere fuori.
Il marito era un po' titubante perche' nella nostra viuzza nessuno le aveva messe, ma dopo che lo abbiamo fatto noi, altre due case hanno messo le luci fuori!
E si, e' un natale un po' cosi'.. come il nostro presepe!

12/20/2009

117 - panda cam!

per una connessione di click e di link puramente casuale, mi sono imbattuta nella webcam del panda dello zoo di san diego e... me ne sono innamorata!
soprattutto del cucciolo di panda!

quindi avevo deciso di fare un semplice post con un semplice link alla webcam... ma mi sono poi ricordata di avere un marito dalle conoscenze informatiche abbastanza avanzate... e me lo sono fatto mettere qui a destra! :-)

che cariiiiiino!

116 - sunny

Ieri e' stata una giornata fantastica dal punto di vista metereologico... basta dire che ci siam messi fuori in terrazzino a fare le videochiamate con i nostri genitori e i nostri amici in italia... sfoggiando maglietta a maniche corte e pantaloncino corto (per suscitare un po' di sana invidia dopo aver letto su repubblica.it della simpatica ondata di mal tempo in italia)!

Dopodiche' siamo usciti, siamo andati a La Jolla, ci siam comprati giornale e "caramel brule' latte" e siamo andati nel parco lungo mare, a leggere e a goderci il panorama (e il passeggio). E sul giornale c'era un articoletto che diceva che le persone che abitano nei paesi piu' soleggiati son generalmente piu' felici di quelle che abitano nei posti meno soleggiati.
Ahhhh, ho pensato, vero, come si sta bene qui!

Solo che... alla cinquantesima mamma che mi e' passata davanti con tanto di carrozzino e pargolo sotto i 3 anni (una buona parte delle mamme sfoggiava il carrozzino-passeggino, contentente ben 2 pargoli, di cui uno di pochi mesi e l'altro di un anno e pochi mesi), beh' dicevo.. alla cinquantesima mamma mi e' venuta un'irresistibile tentazione di iniziare a giocare a "lancia il pargoletto dal dirupo a strapiombo sul mare"!

hihihihihihihihi!!!

12/18/2009

115 - il posto preferito



Questo e' il mio posto preferito a San Diego.
Si trova esattamente qui:
View Larger Map
ed e' dove la laguna incontra il mare!

La laguna e' un'area protetta, non accessibile al pubblico. Ma c'e' una strada che la costeggia, e spesso con la mia bici passo di li'... ed e' bello vedere sempre anatre o aironi, che vivono tranquilli :-)
La laguna poi sfocia in mare... ma dipende dalla marea! Perche' a volte e' il mare che risale la laguna!
Ed e' proprio sotto quel ponte che c'e' l'incrocio delle acque.
Passo sempre li' quando devo prendere il bus, e ogni volta il paesaggio e' leggermente diverso!
Sul fronte mare poi... una volta c'e' una spiaggia larghissima, una volta la spiaggia e' completamente sommersa!
Da quest'altra parte invece ci son sempre gabbiani, gabbianelle, cormorani e.. scoiattoli!

Eh si... ristoro per gli occhi e per il cuore!

114 - piccole tradizioni



le piccole tradizioni hanno un sapore speciale...
per cui ho iniziato la tradizione 'giovedi' pasta fatta in casa",
e cosi' dopo un giovedi' "gnocchi", un giovedi' "cannelloni", ieri e' stato il turno del giovedi' "fettuccine"!
e dopo 3 giovedi' posso concludere che non e' cosi' complicato come sembra, ne' ci vuole chissa' quanto tempo... e' solo una questione di buona volonta'!

e visto che mi ci trovavo, ho pure sfornato qualche biscottino!

12/16/2009

113 - 3 mesi

3 mesi che siamo qui.

Prima di partire eravamo sul "mmm, tra 3 anni massimo torniamo a roma".

Appena arrivati eravamo sul "no, ma chi ce lo fa fare a tornare a roma, si sta tanto bene qui!".

Ora e' una via di mezzo, almeno per me.

Qui si sta benissimo, sotto tanti punti di vista.
Ma a volte mi chiedo come potrebbe essere la mia vita alla lunga.
Col tempo forse riusciro' a farmi degli amici, ma le nostre famiglie saranno sempre lontane,
i nostri natali saranno sempre a tu per tu!

Qui in America e' abbastanza comune questa cosa... cioe' mediamente gli americani si spostano una volta ogni 7 o 8 anni... quindi le famiglie spesso son lontane.

Non so, forse e' il Natale che si avvicina.... forse e' l'atmosfera natalizia che manca... forse e' la PMS...

La mia qualita' di vita e' nettamente migliorata... pero' a volte quando guardo quelle donne "homeless" mi chiedo se mai potrebbe capitarmi qualcosa del genere... essere terribilmente soli e senza niente.

Sicuramente fin quando ci sara' un marito che mi ama, non mi accadra'! :-)


12/15/2009

112 - alla cassa

I supermercati sono un pochino diversi dai nostri...
sono graaaaaandi, vendono delle cose a me ancora sconosciute e non vendono cose che invece vorrei trovarvi.... ma a parte tutto questo, anche quello che accade alla cassa e' diverso!

allora, come prima cosa oltre alla cassiera c'e' sempre l'imbustatrice, cioe' una tipa (a volte un tipo) che prende le cose e le mette nelle buste.
non mi piace molto questa cosa...
innanzitutto perche' le cose nelle buste andrebbero divise come dico io (e non come pare a loro!) e poi perche' usano una quantita' di buste impressionante... ma sono pagate da chi le buste le mette in commercio? non lo so.... fatto sta che fortunatamente in tutti i supermercati si vendono anche le buste di stoffa per la spesa, cosi' ne abbiamo comprate due e me le porto dietro quando vado al supermercato, sono abbastanza grandi e di solito mi bastano!

anche la cassiera e' un po' diversa dalla tipica cassiera che abbiamo in italia... dato che sempre (e dico sempre) ti dice "salve, come va oggi?"
certo, la cosa e' puramente formale, credo faccia parte del contratto, non che a lei glie ne importi molto di come io stia... ma pur sempre meglio di un grugnito!

ma veniamo al pagamento....
se si utilizzano i contanti e bisogna avere il resto in monetine, queste vengono fuori da una sorta di macchinetta che sta li' sulla cassa, mentre il resto in banconote viene consegnato dalla commessa... perche'? boh, forse per bypassare l'errore umano nel conteggio delle monetine?
fatto sta che non si assiste mai a scene del tipo "ora non ho spicci... mario, che c'hai da cambia' ?" o altro.

se invece si utilizza la carta, ecco che entra il gioco il cash-back!
dopo aver strisciato la carta e digitato il pin appare il testo "cash-back?"
all'inizio non sapevo cosa fosse, ma ho poi scoperto che serve per "prelevare"...
e siccome ieri dopo aver fatto la spesa dovevo andare a prelevare in banca, ho deciso di provarlo.
ho digitato "yes", e la schermata successiva mi chiedeva se volevo 20 o 40 dollari. perfetto, proprio quello che mi serviva!
cosi' con la carta ho pagato la spesa + 20 dollari, e la commessa mi ha dato lo scontrino e la banconota da 20.
non l'avevo mai usato, ma in fondo e' molto comodo per prelevare piccole somme.
come dice il marito pero', il tutto e' nato per far spendere di piu' :-)

12/14/2009

111 - bye bye Miho!

Oggi ho salutato Miho.

Miho e' una ragazza giapponese. Ci siamo conosiute a scuola di inglese. Mi e' subito piaciuta perche' si distingueva dalle altre... non era li' per far presenza per avere il visto, non era li' per parlare con altre persone giapponesi in giapponesi, ma era li' per studiare inglese!
(come direbbe giuliana: la secchia ha trovato un'altra secchia!)

E cosi' un po' alla volta a scuola abbiamo iniziato a parlare, a raccontarci con il nostro inglese stentato come funzionano le cose in italia, come funzionano in giappone, come in america...
E attraverso le sue parole sono un po' entrata nella sua vita in estremo oriente... cosi' diversa da quella mia in italia, cosi' simile per altri versi.

Una delle cose che piu' mi ha colpito e' che nella sua famiglia (e deduco in generale in giappone) il primo figlio maschio e' quello che deve occuparsi dei genitori quando diventano anziani, cioe' vivere insieme e prendersi cura, come i genitori si son presi cura di lui quando era bambino. Nella sua famiglia, pero', il primo figlio maschio (che e' il suo fratello minore) e' gia' sposato e ha due figli piccoli, mentre lei (che ha circa la mia eta') non e' sposata... e siccome lei ha fatto la sua scelta, cioe' si e' laureata (e' farmacista) e ha deciso di dedicare la sua vita al lavoro (?) e non a fare la moglie, tocchera' a lei prendersi cura dei sui genitori e tra qualche anno andra' a vivere da loro.
Lei dice che da una parte si sente "forzata", ma dall'altra parte e' cosi', e' sempre stato cosi', ed e' giusto che sia cosi'.

Un'altra cosa che mi ha colpito e' che lei ha deciso di venire qui a San Diego a studiare inglese perche' a volte a Tokyo in farmacia entravano turisti che chiedevano cose in inglese e lei non capiva.. cosei' ha deciso di mollare tutto e tutti, ed e' venuta qui da sola per un anno a studiare.
Mi ha raccontato che all'inizio non capiva niente ed era sola, ma e' riuscita a farsi diversi amici, ha viaggiato, ha visto posti.... non e' ancora soddisfatta del suo inglese, ma senza dubbio e' migliorata!

Dopo aver lasciato la scuola, ci siamo viste 3 volte (per pranzo o per un te) e ogni volta abbiamo parlato parlato parlato... io con il mio accento italiano, lei con il suo accento giapponese, con le frasi a meta', con i gesti esplicativi, con i numeri fatti a mano... ma siam riuscite a capirci (non sempre pero'!) e cmq a ridere....

E oggi e' l'ultimo giorno che ci siamo viste. Tra qualche giorno lei torna in giappone.
E mi manchera', perche' in questi 3 mesi lei e' stata la persona piu' simile a un'amica che ho avuto (a parte Lindsey).

Bye bye Miho!

12/13/2009

110 - mai avresti detto che....

venerdi' notte ad un certo punto mi son semi-svegliata e ho visto che il maritino non ero a letto.
mi son riaddormentate.
poi mi son risvegliata "dopo quanto non so" e il marito non era a letto.
sperando che non fosse uscito per il famoso pacchetto di sigarette, mi son alzata dal letto per andarlo a cercare... l'ho trovato che giocava al pc in un attacco di insonnia, ma l'ho convinto a tornare a letto, almeno a "provare" di dormire. e cosi' e' stato.

sabato mattina mi racconta che aveva scoperto nottetempo non so che per mettere i risultati delle corse su twitter e su facebook, ma su facebook non gli piaceva, invece twitter si ecc...

sabato a ora di pranzo sentiamo i miei e a un certo punto mia mamma, rivolta a mio marito, fa "ma cosa cavolo facevi alle 3 di notte su facebook???"

[mai avresti detto che tua suocera oltre oceano ti avrebbe beccato in una scappatella notturna sul facebook! ahahahahah!]

12/11/2009

109 - smoking and littering

Altre due cose da rilevare.

Alle fermate del bus, non e' consentito fumare per un raggio di circa 9 metri!
E questo e' fantastico! Se uno vuole fumare, si allontana, e gli altri respirano aria pulita!

Invece lungo le strade se si viene beccati a buttare rifiuti si prende una multa che puo' arrivare fino a 1000 dollari.
E cosi' le strade son pulite...


12/10/2009

108 - tipe da palestra!

In questo periodo sto intensificando la mia attivita' ginnica e sto cercando di andare in palestra tra le 3 e le 6 volte a settimana... dipende da come capita!
In particolare sto frequentando la lezione del mattino (alle 9:30) che si svolge nel gymnasium (detto volgarmente campo da basket).
E' interessante come lezione, perche' il concetto e' lo stesso per tutti i 5 giorni della settimana, ma ogni volta c'e' un'istruttrice diversa che fa lezione in modo diverso (essenzialmente si alternano intervalli di lavoro aerobico con intervalli di "muscolatura").
Siamo almeno 50 persone ogni volta, ma poco a poco sto iniziando a mettere a fuoco i soggetti, in modo poi da scegliermi una vittima adatta con cui attaccare bottone.
Solo che fin'ora ho messo a fuoco solo le tipe con cui non vorrei proprio attaccare bottone!

Al primo posto della classifica c'e' tetta-woman!
A volte le persone non si regolano proprio... vuoi rifarti il seno? rifattelo! ma per carita' non perdere il senso della misura!
Tetta-woman e' magrissima e ha delle tette enormi! Ma sono sproporzionate proprio! La proporzione e' la stessa di due ciliegie messe su uno stuzzicadenti! la guardo e mi chiedo come faccia a far lezione con quel peso sul davanti!
In effetti potrei attaccare bottone con un "how much do they wheigh?"

Al secondo posto troviamo wonder-woman!
Quando l'istruttrice ci fa correre lungo il perimetro della palestra per scaldarci e tutte corriamo con un passo tranquillo (chi piu' chi meno), wonder-woman corre tipo al triplo della velocita'! Sembra che stia facendo i 100 metri veloci! ha una corsia interna tutta per lei!
Quando poi iniziamo a far lezione ognuna al suo posto, lei ha il posto fisso di fronte all'istruttrice. E quando per esempio l'istruttrice fa "ok, ora bevete se avete sete" e per un attimo tutte ci fermiamo, lei continua imperterrita.
In aggiunta a questo, veste sempre con dei completini abbinati e ha sempre i capelli sciolti (ma son belli folti e lunghi fin sotto le spalle.. come fa?).
Ieri per la prima volta l'ho vista in viso ed era tutta truccata.
Potrei attaccare bottone con un "how can you do that?"

Al terzo posto c'e' un-wonder-woman!
Invece di correre, cammina. Invece di alzare i pesi, alza le braccia senza pesi. Insomma, fa tutto in maniera molto soft. E va via tipo 20 minuti prima della fine della lezione. Inoltre si veste semper uguale. Ha sempre l'espressione scazzata. E' l'esatto opposto di wonder-woman!
Potrei esordire con un "why are you here?"

Al quarto posto c'e' jappo-woman!
E' una donna dai caratteri orientali. Avra' sui 40 anni, ma si veste con dei pantaloncini cortissimi, in perfetto stile jappo. Non che non se lo possa permettere, ma... oggi abbiamo dovuto fare gli addominali a coppia (una di fronte l'altra) e io avevo lei... e non era proprio un bel vedere!
"Don't you think you should wear longer pants?"

Al quinto posto c'e' nelly-furtado!
No, non lei in persona, ma la fotocopia.... la cosa strana e' che per circa meta' lezione mentre tutte noi facciamo una cosa, lei fa degli esercizi di sua invenzione.
"Why are you here?" anche per lei!

A parte tutto... nelly furtado sembra abbastanza simpatica, e' sempre sorridente...
E poi c'e' una ragazza incinta, che ha un bel pancione, e nonostante cio' fa un sacco di sport, e sempre molto simpatica.
E poi c'e' una ragazza bionda che ha le tette piu' piccole delle mie (e quindi e' simpatica!).
E poi c'e' una signora che ha sui 50 anni e cerca di fare tutto...
Insomma, c'e' anche bella gente.

Datemi tempo e attacco bottone con tutte e 50!

12/09/2009

107 - diamo a cesare quel che e' di cesare



Negli ultimi post ho tolto un bel po' di punti all'america, tra il risponditore automatico che gli devi parlare in modo perfetto, lo stendino che sembra un miraggio e la sanita' cara....

Ma diamo a cesare quel che e' di cesare.

Ci sono piccole cosette, ma davvero piccole, che pero' mi son detta "ma perche' in italia non ce l'abbiamo?"
La prima cosa e' lo scottex ridotto.
Ridotto nel senso che ha lo strappo a meta' rispetto allo scottex italiano. Sembra una cavolata? Non lo e'! Perche' quasi sempre ne serve esattamente la meta' rispetto allo strappo italiano! E quando serve lo strappo classico, basta prenderne due. Insomma, credo che la vita dello scottex in questo modo sia quasi del doppio, a parita' di quantita' di materiale!

La seconda cosa sono le bustine "per il frigo". Da noi bisogna impiccarsi a far girare il laccettino bianco per aprire o per chiudere (a meno che non si usino i simpatici cosi dell'ikea)... qui invece tutte le bustine hanno "l'apri e chiudi", non so se si capisce dalla foto.... cosi' come spesso anche molti formaggi o affettati, cosi' non c'e' bisogno di travasarli.

La terza cosa e' la carta oleata... sono sicura che da noi in Italia c'era, mi ricordo che mia nonna la usava... ebbene, qui c'e'... ma devo ancora chiarirmi le idee su quando va usata! :-)

La quarta cosa e' il vuoto a rendere! Anche questo c'era quando ero piccola, ma ora non c'e' piu'... o almeno, non e' molto diffuso! Invece qui abbiamo scoperto che quando si comprano alcune bibite il prezzo esposto e' al netto, poi alla cassa ti caricano qui 5 o 10 centesimi in piu', ma si possono riavere indietro riportando le bottiglie! Ci siamo attrezzati quindi di apposito raccoglitore e tra qualche giorno credo che andremo a fare la prima consegna!
Quelle cose altrimenti le avremmo cmq buttate nella raccolta differenziata... ma forse riavere indietro dei soldi e' un piccolo incentivo per stare piu' attenti!




12/08/2009

106 - a due passi dal canyon

Si fa presto a dire "San Diego".... ma c'e' San Diego e San Diego.
Voglio dire... la citta' e' cosi' vasta e cosi' diversa che non si puo' chiamare tutta con lo stesso nome... anche se ufficialmente e' la stessa citta'!
Le zone sono molto diverse tra di loro:
Downtown e' il classico centro, con grattacieli e vetrine (http://pictureperfectsandiego.com/files/2008/10/downtown-san-diego.jpg);
Old Town e' il vecchio centro della citta', molto messicaneggiante (http://www.inetours.com/San_Diego/Images/StHistPrk/Bazaar_6077.jpg);
Hillcrest e' la zona piu' "free" con negozi di vestiti usati, di libri usati, e barbieri gay (http://azfoo.net/places/lasd/17_HillcrestSanDiego.jpg);
La Jolla e' la zona piu' "inn", con case a ridosso del mare, negozietti e ristorantini
Pacific Beach e' per chi vuole mettersi in vetrina sulla spiaggia (tra gente che corre, gente che nuota, gente che fa surf, gente che va in bici) (http://sdurban.com/blog/uploaded_images/IMG_7094-770445.JPG).

Ma oltre tutto questo, San Diego e' piena di parchi-riserve-canyon naturali...
Posti che non sono "di passaggio", posti tranquilli, in cui si va a passeggiare, a fare sport, a osservare la natura....
E per esempio abbiamo scoperto di avere questo canyon a 5 minuti da casa.. quindi nel week end siamo andati a fare la passeggiata di rito.
E non c'e' niente da vedere in realta', se non la natura... ma da' una strana sensazione pensare che a pochi passi dalle case e dalle strade ci siano queste zone "naturali", in cui il paesaggio e' rimasto come era fino a non molti anni fa (a parte i tralicci dell'alta tensione che si vedono in questa foto!) ...

105 - quanto costa...

Ho aperto repubblica.it e ho trovato questo articolo:
Dice che "La spesa pro-capite italiana per la sanità è pari a 2.686 dollari" mentre "In testa alla classifica della spesa sanitaria ci sono gli Stati Uniti, con 7.290 dollari".

Uhm... sinceramente fino a qualche giorno fa non me ne ero resa realmente conto... qui abbiamo l'assicurazione e, per i servizi coperti, paghiamo solo 10 dollari di tasca nostra.
Ma l'altro giorno sono andata a vedere l'estratto conto dell'assicurazione e ho scoperto, per esempio, che l'isterosalpingografia qui costa tipo 4 volte quello che puo' costare a Roma in una struttura "privata convenzionata".... Mentre rispetto a una struttura pubblica a Roma il prezzo e' 40 volte tanto.... certo, se vai a Roma nel pubblico non so quanto ci si metta a fare quest'esame (io non ero riuscita a prenotarla nemmeno col privato), mentre qui l'ho fatta subito senza problemi....
Ma la differenza di costo e' considerevole.

Noi ok abbiamo l'assicurazione, ma come si farebbe senza??
Cioe', come fa chi non ce 'ha?
Ok, ce l'hanno quasi tutti... o meglio, di solito chi lavora ce l'ha... ma gli altri?


104 - l'omino biscottino / gingerbread man cookie














Ieri mi sono tuffata nell'esperimento "omino biscottino", dato che e' un dolce tipico natalizio da queste parti.

Ad essere sincera, Sara mi aveva dato la ricetta un paio di anni fa, ma non l'avevo mai messa in pratica, perche' mi ero spaventata di fronte alla ricerca della melassa ... (in realta' penso che se l'avessi cercata tipo da Castroni sicuramente l'avrei trovata).

Ma qui l'omino biscottino e' quasi peggio di babbo natale: ovunque ti giri, lo vedi!
E cosi' ho recuperato una ricetta, ho comprato la melassa e mi son messa all'opera.
La melassa in realta' mi ha un po' spaventata.. non capivo cosa fosse. Ma dopo aver consultato wikipedia ho scoperto che deriva dalla lavorazione dello zucchero...
Quindi sembra alquanto "naturale" come prodotto.

La ricetta che ho usato e' questa qui: http://simplyrecipes.com/recipes/gingerbread_man_cookies/

Non son venuti male.... ma la cosa piu' divertente poi e' stata fare i faccini decorativi!

12/07/2009

103 - non piove mai, ma quando piove, piove!


Nel week end il cielo e' stato per lo piu' coperto.
E stanotte ad un certo punto mi son svegliata sentendo il rumore della pioggia.

E quando stamattina son suonate le sveglie, pioveva ancora.
Abbiamo cmq trovato la forza psico-fisica necessaria per uscire dal letto e il marito e' andato a lavoro (in questi casi, benediciamo gli americani che si sono inventati il garage collegato con la casa).
Io son rimasta a casa.
Avrei voluto fare delle cose: comprare un po' di carne o di pesce, andare in banca, andare in palestra, andare dal ferramenta... ma anche semplicemente andare a buttare la spazzatura o andare a ritirare la posta.
Mi son detta "esco appena smette".
Solo che non ha mai smesso (e ora sono le 5:30pm, e' tutto buio, e dubito che smetta ora).
Cosi' son rimasta a casa: ho navigato, ho scritto, ho studiato (tra l'altro, ho chiamato il DMV da skype e dopo 33 minuti di attesa ho parlato con l'operatore!!).... sono stata molto seduta al tavolo in salotto, di fronte alla finestra grande.
E ogni volta che ho alzato lo sguardo ho visto la pioggia cadere.
Poi e' arrivato anche il vento.. abbastanza forte, che le piantine si inclinano terribilmente.
E il rumore del vento si sente attraverso la canna del camino.
Ora e' tutto buio e non si vede fuori... ma si sente il rumore della pioggia e del vento.

Mi chiedo quando smettera'... e mi chiedo se la casa di legno riuscira' a leggere tutta questa umidita'! E tutto questo vento!

Cmq fuori avevo lasciato un vasetto porta candela, ho notato che a poco a poco si sta riempiendo d'acqua... per cui quando smette vi diro' quanti millimetri di pioggia son caduti!

Vado a farmi un te caldo! :'|

P.S. aggiunto foto con acqua raccolta!

12/04/2009

102 - Lindsey and the story of stuff

Lindsey e' la mia insegnante di inglese.
Prima di conoscerla ero preoccupata, perche' il maritino (che si era offerto volontario di trovarmi una persona americana con cui fare conversazione) mi aveva detto che si trattava di una ragazza americana, studentessa universitaria, sui 25 anni.
E nella mia testa mi ero immaginata la tipica americana svampita, con i capelli biondo platino, le tette rifatte, tutta vestita di rosa shocking e con un cane sottobraccio.
Invece la prima volta che l'ho vista (nella caffetteria dove facciamo lezione) mi ha fatto pensare a Phoebe di "Friends" e mi e' risultata simpatica a pelle!

A mano a mano che i nostri incontri vanno avanti la sto conoscendo un po' di piu' ed ho scoperto che ha un grande rispetto per l'ambiente, la natura ecc, ne e' proprio affascinata... per esempio si incanta quando vede degli animali attorno a noi (cani o uccellini o qualsiasi altro essere animato), cerca di essere vegetariana, cerca di non inquinare, si sposta in bici o in bus, non beve l'acqua in bottiglia nemmeno quando va in messico dove l'acqua e' "diversa", e ogni volta ci sta male, ma dice che se continua a poco a poco si abituera'.... e poi non ha la tv, e legge un sacco...
Insomma, un tipo "green".

Fatto sta che mi ha consigliato di vedere questo video:
Si capisce abbastanza bene (anche se dura ben 20 minuti).
Il video parla un po' della "storia delle cose", cioe' da dove vengono e dove vanno a finire. Dice che molte delle cose che compriamo non ci servono realmente, ma siamo indotti a pensare che ci servano. Dice che siamo un po' schiavi della pubblicita'. Dice che stiamo distruggendo la natura ecc. Insomma, si, le solite cose che gia' si sanno.
Ma a un certo punto dice anche che il 99% delle cose che compriamo dopo 6 mesi e' diventato spazzatura. Questa cosa mi sembra terribile.
Insomma, alla fine il messaggio e' di riciclare, ma soprattutto di comprare meno.

Quindi ho deciso di rispolverare il verde che e' in me.
Certo, qualcosa gia' faccio: differenzio tutta la spazzatura differenziabile, mi sposto in bici o con i mezzi, uso la busta di stoffa per fare la spesa....
Ma si puo' fare di piu'... per esempio comprare lo stendino.. innaffiare con l'acqua di lavaggio delle verdure, ecc... pero' la cosa piu' difficile di tutte e' comprare meno...
Non che io sia fanatica dello shopping.... ma a volte in effetti compro cose che potrei non comprare...

Diciamo che e' il proposito dell'anno nuovo: buy less!

12/03/2009

101 - il risponditore automatico (una storia a livelli)

In Italia quando si telefona a un gestore di servizi o ente o quel che sia, spesso ci si imbatte nel risponditore automatico... e le opzioni sono "digitare 1 per...., digitare 2 per...., digitare 3 per...." e se bisogna inserire il numero utente lo si fa da tastiera.
Magnifico.

In California quando si telefona a un gestore di servizi o ente o quel che sia, anche ci imbatte nel risponditore automatico... ma le cose sono diverse!
Per esempio questo e' quello che accade per prenotare la prova di guida per prendere la patente.

All'inizio e' facile "For English press 1, for Spanish press 2".
E vabe', premo 1.
Poi inizia la prima prova: "To select an option, please say: vehicle registration, driving license, other form, make appointment, visit DMV office"
E ok, dico "Make appointment".
Dirlo e' facile, ma farsi capire da un risponditore automatico non e' cosi' semplice!
Quindi lui inizia con "Sorry, but I can't understand".
E ti ripete tutta la pappa.
Cmq di solito al primo o al piu' al secondo tentativo (metti che intanto sto mangiando o son distratta) riesco a superare il livello!
Nel secondo livello il risponditore automatico mi chiede se il mio appointment e' per un "behind-the-wheel driving test" o per un "office visit". All'inizio mi impiccavo nel dire "behind-the-wheel" con tanto di h aspirata, poi ho capito che basta dire "driving test", che e' molto piu' semplice.
E anche il secondo livello (con al massimo due tentativi) lo supero!
Nel terzo livello il risponditore automatico mi chiede se ho gia' il permesso temporaneo... e qui vado in scioltezza con un bel "yes!" facendo intanto uno stacchetto di danza.
Ma nel quarto livello il bastardo mi chiede (giustamente) se il tutto e' per un "automobile" o per un "motorcycle"... semplice, "automobile", solo che lui non mi capisce mai!
Tra l'altro ho anche chiesto alla mia tutor di inglese di correggermi la pronuncia di "automobile", ma mi ha detto che lo dico bene... fatto sta che il risponditore automatico non mi capisce, ma al terzo tentativo per fortuna mi dice "say automobile or press 1, say motorcycle or press 2".
E ce voleva tanto?
Premo 1 e accedo al quinto livello!
Nel quinto livello non ci sono cavoli! Il risponditore mi chiede di dettargli il codice del mio permesso... e io lo faccio, ma lui "sorry, but I can't understand" e mi chiede di ripetere. E poi "sorry, but I'm having some trouble understanding you" e mi chiede di ripetere. E poi "sorry, but I didn't get that"... alla fine mi dice che passera' la mia telefonata al primo operatore disponibile (alleluja). Questo quando va bene... quando va male, mi ributta al livello 1, che rabbia!
Cmq dopo avermi salutata dicendomi che mi avrebbe passato l'operatore, interviene un'altra voce, la quale mi comunica che il tempo di attesa per parlare con l'operatore e' di piu' di 10 minuti!!!! Quindi mi invita a richiamare piu' tardi.
Ora... ho chiamato merc scorso 2 volte.
Poi giov era il giorno del ringraziamento, ven sab e dom era chiuso.
Lun ho chiamato 2 volte.
Mart ho chiamato 2 volte.
Ieri ho chiamato 1 volta.
Oggi ho chiamato tipo 4 volte.

Il risultato e' che il quinto livello e' ancora insuperabile per me, sto spendendo tutto il credito telefonico e soprattutto... e' frustrante!!!!

Credo che domani chiedero' l'aiuto del marito.
Se neanche lui riesce, chiedero' un extra alla tutor!

12/02/2009

100 - stendino-nostalgia

Quando eravamo nella fase "ricerca casa" eravamo rimasti colpiti dal fatto che tutti avessero in casa lavatrice e asciugatrice.... non avevamo dato il giusto peso alla cosa, semplicemente avevamo pensato "i soliti americani... hanno il sole tutto l'anno, ma usano l'asciugatrice!".

Non ci eravamo resi conto che se tutti hanno l'asciugatrice e nessuno usa lo stendino, forse uno stendino non e' cosi' semplice da trovare!

Abbiamo preso casa e il set lavatrice-asciugatrice era compreso nel prezzo. Abbiamo iniziato ad ambientarci, a conoscere i negozi della zona, ma lo stendino non l'abbiamo trovato in nessun tipo di negozio...
Uhm... allora abbiamo iniziato a cercarlo on-line, tipo sui siti dei negozi che si trovano qua in zona (magari non ce l'hanno esposto o non ci abbiamo fatto caso, abbiamo pensato).
E abbiamo trovato questi due:

Certo, meglio di niente... ma quanta roba ci si riesce effettivamente a stendere sopra?
A guardarli, sembrano fatti per stendere giusto due cosette....

Alla fine il marito ha trovato, sempre on-line, uno stendino vero! Come quello che avevamo noi in italia! Da paura!
La differenza e' che in italia l'avevo comprato di fronte casa (dai cinesi) a 10 euro... qui costa 53 dollari piu' la spedizione!

Ma io dico.... c'hanno il sole tutto l'anno... se i panni li stendessero anziche' metterli nell'asciugatrice ci metterebbero quasi meno tempo ad asciugarsi... risparmierebbero un sacco di elettricita'... i panni non farebbero tutte le grinze schifose che fanno con l'asciugatrice (e poi devi stirare per forza!)... ma ci vuole tanto?

Sono un po' riluttante a spendere tutti quei soldi per uno stendino... quando il mio l'ho lasciato a casa... mai avrei immaginato una cosa del genere!!

12/01/2009

99 - scritto da un uomo!

Non e' la prima volta che leggo un libro e mi trovo a pensare "e' proprio scritto da un uomo!".

La prima volta e' stata mentre leggevo "L'ombra del vento" di Zafon, dove (attenzione, sta per essere svelata parte della trama! saltare al paragrafo successiva!) ci sono queste ragazzine che restano incinte la prima volta che fanno sesso... vabe', da una parte penso che sono io che ho la fissa e che rosico un po', dall'altra penso che sia una delle grandi paure dell'uomo, mettere incinta qualcuna la prima volta che ci si fa sesso... e passi pure. Ma soprattutto mi ricordo che lei scopre di essere incinta tipo 2 giorni dopo aver fatto sesso... il che e' impossibile, e le donne lo sanno.

La seconda volta l'ho pensato mentre leggevo "Slam" (tradotto con "tutto per una ragazza" o qualcosa del genere) di Hornby... dove (attenzione, idem come sopra!) lei resta incinta appena lo fanno senza precauzioni.. ma cmq molto piu' realistico di Zafon.

E ora sto leggendo "I pilastri della terra" di Follet.
Ok, io di solito non leggo i libri di Follet o di Grisham... non sono il mio genere... ma in casa girano spesso perche' sono invece il genere preferito del marito, quindi qualche volta prendo qualcosa in prestito... e questo a mio marito era piaciuto, quindi l'ho traslocato perche' avevo deciso di leggerlo, nonostante le 1000 pagine.
L'ho iniziato ieri... e dopo un paio di giorni ho letto una sessantina di pagine... oggi la storia era arrivata a un punto tristissimo.. in poche parole (fino a pagina 60) accade piu' o meno questo:
ambientazione medievale, famiglia poverissima formata da marito, moglie, figlio di 14 anni e figlia di 7. Lui resta senza lavoro, e iniziano a vagare a piedi di villaggio in villaggio alla ricerca di un lavoro, intanto arriva l'inverno, soffrono il freddo, vengono derubati del maiale che avevano allevato con enormi sacrifici e che sarebbe stata la loro fonte di sostentamento per l'inverno.. la moglie, che e' incinta, a un certo punto partorisce mentre sono in viaggio, nel bosco, al freddo, di notte, con il villaggio piu' vicino a 1 giorno di cammino... con enorme sofferenza nasce sto bambino, ma la moglie continua a perdere sangue e poi muore... sconforto generale, tra le lacrime la seppelliscono.. il marito decide di abbandonare il bimbo appena nato perche' non sa come sfamarlo... il bimbo piange... gli altri figli son disperati... ma dopo aver camminato qualche ora si pente, allora tornano indietro, ma il bimbo e' sparito.. allora lui inizia a vagare come un matto nella foresta, e' disperato, si sente in colpa, i figli non ce la fanno a stargli dietro e sono stanchi, lui non mangia da due giorni, a un certo punto si sente svenire, e intanto pensa a come fara' a sfamare i figli... e io li' triste e disperata....
senonche' a un certo punto mentre lui e' mezzo svenuto appare la "gnocca" della situazione, che lo vede, gli si mette davanti, si spoglia, gli si sdraia sopra... e fanno sesso... con tanto di gemiti e urla... dopo poche ore che la moglie e' morta, che il bambino e' sparito, con tutta la stanchezza addosso e con i figli che dormono a due passi....
che altro pensare se non "e' proprio scritto da un uomo!"?

ma voglio dargli un'altra possibilita', visto che l'ho traslocato... ma giuro che se poi viene fuori che la gnocca e' rimasta incinta, lo butto nella spazzatura!

11/25/2009

98 - brevi

la ragazza della caffetteria ormai mi saluta per nome
(Monica ovviamente)

-------------------

oggi e' una bellissima giornata di sole
(ma sono tutte cosi' in realta')

------------------

domani e' Thanksgiving e ci aspetta un week end lungo
(4 giorni, evviva)

-----------------

ho smesso di prendere l'acido folico
(dopo 2 anni e mezzo)

------------------

ho superato i quiz per la patente
(zero errori)

------------------

andare in palestra al mattino mi mette di buon umore
(ma mi distrugge fisicamente)

------------------

mi mancano 3 pagine e finisco Harry Potter
(vado a leggere!)

11/23/2009

97 - il trapano e i 3 porcellini


In California le case non sono in cemento armato, ne' in mattoni.
Le case sono di legno e carton-gesso.

A parte che la cosa ci da ancora strane sensazioni... siamo stati a lungo dubbiosi su come appendere le cose al muro, quelle cose che da noi in Italia avremmo appeso usando gli stop (detti anche fischer), messi nel muro precedentemente forato dal trapano.
Domande del tipo "ma dobbiamo usare il trapano? ma dobbiamo mettere le punte da legno? ma come faranno gli altri?" ci frullavano per la testa, quando abbiamo infine trovato un negozio tipo Brico.. e abbiamo chiesto delucidazioni al commesso!
Lui molto gentile ci ha portato in un angolo del negozio dove c'erano tipo dei pannelli spessi 1 cm e ci fa "questa e' la vostra parete"... e noi li' stavamo per svenire...
In pratica ci ha spiegato che le pareti sono formate da due di questi pannelli messi a una certa distanza tra di loro a formare un'intercapedine di circa.. boh... 5 cm tipo... e in questo intercapedine ogni 16 pollici passa un pilastro di legno (ovviamente).
Ci ha quindi spiegato che per le cose piu' leggere gli stop si possono mettere sul pannellino, per quelle piu' pesanti bisogna capire dove sta la trave e forare la trave.
Ok... e come facciamo a mettere gli stop nel pannellino (che e' una sorta di carton gesso)?
Semplice.. si prende lo stop, si punta sulla parete e si da' un bel colpo deciso per farlo entrare... e poi si avvita la parte restante... basta poco, che ce vo'?

A dirlo e' facile... poi vivere dentro una casa cosi' fa un po' effetto...
Quindi la sera eravamo li' che ci rimuginavamo ancora sopra e il marito fa:
"e col trapano allora che ci facciamo?"
e io "vabe', ormai lo abbiamo portato... teniamolo da parte, non si sa mai, puo' sempre tornare utile...."
e lui "certo che qui in california la favola dei 3 porcellini non sembra essere arrivata!"



11/22/2009

96 - nonostante cio'

nonostante cio', so che sono una persona fortunata.
perche' ci sono tante altre persone come me, che pero' non hanno la possibilita' di fare qualcosa.
ci sono tante altre persone per le quali il problema e' piu' grande, e che quindi si trovano davanti a scelte piu' difficili... o addirittura per le quali il problema e' cosi' grande che nulla si puo' fare.
ne sono consapevole di questo.
non mi sto piangendo addosso, volevo solo dire che a volte si e' fortunati, ma non si e' consapevoli di esserlo.

e l'altro giorno ho visto una cosa che mi ha fatto riflettere.
ho visto una donna sui 40 credo che faceva jogging, anche se abbastanza lentamente.
fin qui tutto normale.
ho solo pensato "che brave le donne americane, fanno molto piu' sport che da noi"
poi lo sguardo mi e' sceso piu' in basso, e ho visto che portava i soliti pantaloncini corti da sport che portano quasi tutte le donne qui in california quando fanno sport (decisamente sopra il ginocchio! ma abbastanza sotto il sedere, non volgari insomma).
ho pensato "che brava.... fa sport e pure con i pantaloncini corti, io ancora non ce l'ho il coraggio di metterli cosi' corti"
poi lo sguardo mi e' sceso piu' in basso e ho visto che quella donna aveva una gamba sola... l'altra era una protesi!
e li' ho pensato "ammazza che donna!".

per come sono io, a parte che i pantaloncini cosi' corti non ho ancora il coraggio di metterli, ma se avessi una gamba sola ... non credo che avrei tutta questa forza... forza morale dico, di prendere, mettere dei pantaloncini, e uscire fuori.
chissa' attraverso quanto dolore e' passata, quanta sofferenza.
ma ne e' venuta fuori.

e quindi... niente... penso sia un bell'esempio di forza morale!

11/20/2009

95 - care amiche che...

care amiche (reali e virtuali) che siete rimaste incinte "inavvertitamente" o al più al terzo tentativo non mirato.... sappiate che, oltre a un bel carico di stress+speranze assassine+pianti+pensieri cattivi+delusioni, vi siete risparmiate anche un bel gruzzoletto di soldini-soldoni!

e quando guardate il/la/i vostro/a/i mostriciattolo/a/i negli occhi... o quando vi guardate la pancia nell'ombelico (?), sentitevi non fortunate, ma triplamente fortunate!

e ricordatevelo anche quando sarete lì in sala parto a strapparvi i capelli... o quando nel cuore della notte qualcuno vi sveglia con urla strazianti... o quando le vostre giornate si dividono tra dare-la-pappa e pulire-la-cacca! ricordatevi che almeno tutto ciò lo avete avuto aggratisse, come si dice a roma!

non chiedo altro!


e voi, piccolo ovolino e piccolo spermatozoino, ma quanto cavolo ce dovete fà aspettà?
e dajje! e dateve na mossa pure voi!
che quà già c'avemo li capelli bianchi!
e mò restamo pure senza un sordo!
v'avemo pure portato ar mare... e che volete de ppiù?
ahòòò... e dajjèèèèè!

11/19/2009

94 - fermate il tempo


Ci sono periodi nella vita in cui non faccio altro che pensare "speriamo che passi in fretta", o "vorrei essere già a dopodomani", o "non vedo l'ora che arrivi natale" o "ma quando finisce oggi?".

Invece oggi vorrei fermare il tempo.
O almeno rallentarlo.
Perchè lo so che, purtroppo, non sarà sempre così.

Mi son svegliata col marito, gli ho preparato il pranzetto, ho messo un pò a posto in cucina.
Mi son vestita e sono uscita, in bici, poco dopo di lui.
Sono andata in palestra e ho fatto la lezione delle 9:30, nel gymnasium, che in pratica è il campo da basket, credo sia la lezione più frequentata che hanno, perchè bisogna prenotarsi e c'è un limite massimo di 85 persone. Eravamo cmq una cinquantina credo. E' stato un bel modo per mettersi in moto. Poi doccia e pedalata fino a casa. Colazione fuori (finalmente abbiamo il tavolino fuori). Rapida chattata sul web. E poi ho ripreso di nuovo la bici e sono andata al mare.. anzi, sono andata nella riserva naturale, che ci passo sempre vicino ma dentro non ero andata mai.
E' bella... in pratica c'è la laguna, il mare e un montarozzo sul mare, con una serie di percorsi trekking. E c'era pure un sacco di gente!
Ho camminato un'ora e mezza e ho fatto delle foto.
Poi ho ripedalato fino a casa e ho pranzato.
Sto sbrigando le "quotidianità" su internet, e appena finisco mi metto fuori a studiare per la patente e a leggere Harry Potter (abbiate fede, sto finendo il primo libro! che vergogna!).
Appena scende il buio, ho da stirare un pò di cose.
E poi preparerò una bella cenetta per due, e passerò la serata col maritino, a parlare, a ridere, a vedere friends.

Ma lo so che non sarà sempre così.
Che anche qui arriverà l'inverno, che lo stress tornerà a impadronirsi di me, che qualche problema verrà fuori, che nel week end mi tornerà il ciclo, che i cattivi pensieri sono sempre in agguato.

Quindi... fermate il tempo!

11/18/2009

93 - (dis)avventure con i mobili

Ora che è tutto finito (si fa per dire...), vi racconto un pò come è andata con i mobili.

Da Roma a livello di mobili avevamo preso solo il letto, una cassettiera e la sedia girevole da studiolo.... dato che non sapevamo cosa avremmo trovato in casa e cosa no, se saremmo andati in affitto o se avremmo comprato, le dimensioni della casa ecc.
E quando abbiamo preso questa casa dentro c'erano solo i mobili di bagno e cucina.
E' iniziata così la ricerca di un tavolo con due sedie e di un divano (proprio l'arredamento minimo).
Dopo un primo week end di giri per negozi di mobili avevamo acquistato:
- divano da ikea in offerta del 50% perchè lo stavano togliendo dal catalogo (e che ovviamente ci piaceva),
- tavolo da plummers scontato di 100 dollari perchè c'era un minuscolo graffio.
Eravamo felici e contenti.

Nei giorni successivi ci consegnarono prima il divano (e spacchettandolo il giorno dopo... sorpresa! il bracciolo era tutto sprofondato!) e poi il tavolo (e spacchettandolo... sorpresa! c'era un graffio enorme!).

Sono seguite quindi disavventure di vario tipo (al telefono con Ikea, di persona da Ikea, prendere appuntamento per far venire a ritirare il divano, casini per il rimborso soldi, far tornare al negozio il tavolo....), e avevamo ricominciato daccapo con la ricerca del tavolo (quello che avevamo preso era l'ultimo esemplare, gli altri sarebbero arrivati a febbraio) e la ricerca del divano (ovviamente anche da ikea quel divano era finito).
Intanto precedentemente quando eravamo andati da plummers eravamo stati colpiti da un divano...

Abbiamo quindi ripreso a girare per negozi, ma qualunque cosa trovassimo pensavamo sempre a quel tavolo (quello graffiato) e a quel divano (quello di plummers).

Senza tirarla troppo per le lunghe, la cosa è andata a finire così:

- per il tavolo: quando ce l'avevano portato, avevo fatto una foto al graffio enorme... quando poi siamo tornati in negozio per dare un'occhiata agli altri tavoli, il responsabile del negozio (molto gentile) parlando ci ha chiesto di mandargli la suddetta foto, dato che anche lui c'era rimasto male di questo graffio... glie l'abbiamo mandata, lui ha dedotto che la responsabilità è stata dei trasportatori, quindi ci ha fatto consegnare di nuovo quel tavolo (graffiato) e ci ha dato parola scritta che a febbraio ce lo sostituisce con uno dei tavoli nuovi che arriveranno, allo stesso prezzo!

- per il divano: eravamo un pò indecisi... il divano ci aveva colpito molto per la forma (nettamente diversa dall'80% dei divani che si vedono in giro, muniti di portabibita e reclinabili!), ma non ci convinceva molto perchè di pelle (e non di tessuto) e perchè in pronta consegna c'era solo nero... ma continuavamo a pensarci... e così data l'urgenza del divano e dato che potevamo inglobarlo nella consegna del tavolo (e pagare una sola consegna) l'abbiamo preso!

Ora hanno appena portato il tutto....
Seguiranno foto!

11/16/2009

92 - quotidianità

Mattina
PRIMA: sveglia alle 7, lavaggio e vestizione (mentre il marito faceva colazione), colazione e preparazione del pranzo da portare in ufficio (mentre il marito faceva lavaggio e vestizione).. eventualmente innaffiaggio vasi e riordino cucina.
ORA: sveglia alle 8:20 circa (insieme al marito), e mentre lui si lava e si veste io gli preparo il pranzo da portare in ufficio, segue colazione insieme.

Lavoro e spostamenti
PRIMA: un'oretta per arrivare in ufficio (per entrambi), dopodichè lavoro-lavoro-lavoro fino alle.. boh, diciamo mediamente alle 19 (il marito anche un pò più tardi)... al seguito, un'oretta per tornare a casa.
ORA: il marito impiega 10 minuti per arrivare in ufficio... io non devo andare a lavorare, cmq il martedì e il venerdì vado a lezione di inglese... ci impiego quasi 2 ore ad andare e altrettante a tornare.. quindi il numero settimanale di ore passate sugli autobus è lo stesso, la differenza è che riesco sempre a sedermi e a leggere, oppure ad ascoltare gli altri che parlano inglese.

Sport
PRIMA: 2 volte a settimana ( a volte 3), portandosi il borsone dietro sull'autobus dal mattino
ORA: sto provando ad assestarmi sulle 5 volte a settimana (di cui 2 volte però pilates, cioè non lavoro aerobico)... solitamente non di sera, portando il borsone nel cestino della bici.

Bici
PRIMA: solo la domenica, solo in primavera ed autunno (dato il traffico bestiale di roma e dato il clima poco adatto in estate Grassettoe in inverno)
ORA: praticamente tutti i giorni, per andare a prendere il bus o per andare in palestra o al supermercato (il tempo è sempre bello e le strade hanno la pista ciclabile)

Faccende domestiche
PRIMA: rigorosamente il sabato e la domenica (lavare, stirare, spolverare, fare la spesa etc)
ORA: in mezzo alla settimana

Week-end
PRIMA: in gran parte dedicato alle faccende domestiche e alla famiglia
ORA: dedicato al turismo e al relax

Serate con gli amici
PRIMA: molto volentieri, appena possibile
ORA: :-(

11/12/2009

90 - ore 5:45 spinning!

Il marito mi aveva avvertita che qui in california sono un pò fissati con lo sport.

E infatti quando vado in giro, nelle ore più calde (che a settembre erano veramente calde) c'è sempre qualcuno che o corre o va in bici (nel senso sportivo del termine).
Ora che sto andando in palestra, qualsiasi orario io vada c'è sempre un bel pò di gente, anche a ora di pranzo.
L'altro giorno ho fatto caso che la palestra apre il mattino alle 5:30.
Uhm. E poi ho fatto caso che la prima lezione di spinning c'è alle 5:45.
Siccome per fare spinning bisogna prenotare, e la prenotazione si fa da internet, sono andata a vedere per curiosità quanta gente andasse alle 5:45 del mattino a fare spinning... e così ho scoperto che quella lezione è sempre full booked! Per ora di pranzo le prenotazioni son già finite e c'è anche una waiting list, che non so come funziona.
Mi chiedo come cavolo facciano ...

E stamattina che mi son svegliata accidentalmente da sola, ho guardato l'ora e ho visto che erano le 5:30, ed ho pensato "meno male, altre 3 ore di sonno" e subito dopo ho pensato "qualcuno sta andando in palestra.... anzi, un'intera classe di spinning sta andando in palestra..."

E mi son riaddormentata... che io a fare spinning ci vado alle 5:30 pm! :-P

11/10/2009

89 - est and west

quando ero ragazzina, est è sempre stato il mare (vivendo in abruzzo), mentre ovest è sempre stata la montagna: il sole sorgeva sul mare e tramontava dietro i monti. semplice.

andando a vivere a roma, l'est e l'ovest hanno perso di significato!
alla faccia del castrum romano... se a roma prendi una strada che va verso est, alla fine ti ritrovi ad andare verso sud, se non addirittura verso ovest! quindi parallele e perpendicolari son sparite, così come l'orientarsi in base al sole (e chi lo vede mai a roma)!
e quando vedevamo in tv jack bauer dire "l'uscita est" o "andiamo a ovest" pensavamo fosse un matto!

arrivando qui in california invece (almeno a san diego) ci siamo accorti che per molte cose sono usati i punti cardinali... a partire dalle strade: la I5 north e la I5 south, la 56 est e la 56 west (non come la A1 direzione milano o la A1 direzione napoli, o la A25 direzione roma o la A25 direzione pescara).
ecco.. mentre il nord e il sud non mi creano nessun problema (north = los angeles, south = mexico), l'est e l'ovest mi mandano in tilt!
perchè, avendo ripreso ad usare est e ovest, li ho ripresi così come li avevo lasciati... mentre qui è al contrario! se mi dicono west, io penso all'entroterra! e invece no, west è il mare! e se leggo est penso al mare, mentre invece qui è il deserto!
l'immagine dei film western appunto, in cui questi vanno nel far west, che corrisponde al deserto, allo stesso modo mi confonde....
così come mi confonde pensare che il giappone è ... a ovest!! o meglio, l'estremo oriente è a ovest!!! mentre new york è a est!!!

mi sento dall'altra parte del mondo! :-(

11/09/2009

88 - domenica mattina

svegliarsi con calma
fare colazione in pigiama
rimontare le bici davanti al garage con il sole del mattino (sempre in pigiama)
vestirsi al volo e andare a Del Mar (http://en.wikipedia.org/wiki/Del_Mar,_California)
pranzare in una sorta di pub dove tutti guardano la partita dei san diego chargers
dopo pranzo andare a buttarsi sul prato a ridosso del mare
godersi il sole
guardare i surfisti
e poi a casa a bere un te caldo

87 - traslochiam traslochiam!


venerdì mattina sono arrivati i pacchi da roma!
che bello, ho pensato!

e così ven mattina ho iniziato a spacchettare i vestiti... e quasi subito mi son resa conto che tutto non sarebbe entrato nell'armadio, dato che questo è più piccolo di quello che abbiamo a roma!
quindi mi son iniziata un pò a innervosire, perchè non sapevo cosa mettere dove!
dopo consulto telefonico col marito, ho lasciato perdere, visto che cmq dovevo uscire!

sabato abbiamo ripreso insieme.
ci siamo autoconvinti che dopo aver vissuto due mesi con pochissimi vestiti, non ne abbiamo certo bisogno di così tanti per andare avanti.
e quindi ci siam messi di santa pazienza a fare un'ulteriore selezione (dopo quella fatta a roma) e abbiamo riempito uno scatolone con vestiti da dare via!
poi abbiamo deciso cosa poteva essere messo in una scatola in garage (le cose da montagna!) e cosa si poteva mettere in varie scatole un pò meno a portata di mano.

ci siamo dedicati poi agli scatoloni della cucina.... ovviamente il marito ha detto "ma queste cose prima di usarle dovremmo lavarle"... e così il marito scartava e io lavavo!
e dopo aver scartato tutto, il salotto era sommerso di carta e di scatoloni!
quindi ci siam messi ad appiattire le scatole e a piegare la carta....

e per ora camera e cucina stanno a posto... ma abbiamo ancora una serie di scatoloni in garage!
pant pant!


86 - foto rubata

11/05/2009

85 - camminare, camminare!

Ora che non ho più la macchina, quando voglio uscire mi tocca camminare.
Il che è pure piacevole. Fin quando non si esagera.

Martedì avevo la lezione di inglese, a ora di pranzo.
Quindi ho chiesto un passaggio al marito al mattino, che mi ha scaricata alla fermata del bus vicino il suo ufficio, e poi dopo una serie di passaggi in autobus sono arrivata al parco.
Ovviamente, passeggiata nel parco.
Poi, sempre a mezzo di autobus, sono andata a far lezione di inglese.
E infine, sempre con gli autobus, sono arrivata alla fermata del bus più vicina a casa.

Da lì, ho camminato fino a casa: 3.5 km, di cui il primo quarto è una salita degna di un alpinista! :D
(seguirà foto la prossima volta). E dopo 41 minuti sono arrivata a casa.
Non contenta di ciò, dopo una mezzoretta sono uscita per andare in palestra: 25 minuti, metà in salita metà in discesa.
Ho fatto la lezione di spinning (60 minuti).
E sono ovviamente tornata a casa a piedi (stranamente, ci ho messo ben 30 minuti,,, 5 di più rispetto all'andata).

Ieri mi sono svegliata e non sentivo nessun dolore.
Fin quando non ho deciso di andare a piedi al supermercato a comprare il latte (25 minuti a piedi) e dopo i primi 5, in salita, le mie gambe già non ce la facevano più! :|

Mi sa che per quando tornerò in italia avrò due polpacci degni di un culturista!

p.s. oggi pomeriggio prevedo di tornare in palestra! :-)

11/04/2009

84 - gulp!

ieri stavo tornando a casa tranquilla, quando ho visto questo cartello!
gulp!


83 - Monica and Michael

Alla fine, ho ceduto.

Un pò è stato come tornare indietro nel tempo, a quando avevo 6/10 anni, che le persone mi chiedevano il nome, io rispondevo tranquilla "Marica", e loro "Come? Maria?", e io "No, Marica", e loro "Ah, Monica", e io "No, no, MARICA!", e loro "Ah, Marica... ma è il diminutivo di qualcosa? Tipo Maria-Carmela?" e io "No, è Marica e basta"...
E invece, quello ancora oggi, quando qualcuno mi chiede il nome e lo sta scrivendo su qualsiasi tipo di documento, alla domanda "Nome?" la risposta è sempre "Marica con la C".

Cmq... quando qui mi chiedono il nome e io rispondo "Marica", non mi capiscono mai.
Tipo in caffetteria funziona che fai la fila alla cassa, ordini, loro ti chiedono il nome, poi tu paghi e ti metti da una parte ad aspettare, mentre loro ti preparano il tutto.. e quando è pronto ti chiamano. Ora... ho constatato sulla mia pelle che se io dico "Marica" non so cosa loro capiscano, ma soprattutto non so cosa scrivano sull'ordine, e poi infine non so come lo leggono... e non esistendo lo scontrino e tutto, ogni volta quando urlano qualcosa di incomprensibile e non si avvicina nessuno, vado a chiedere.
Anche nei documenti scritti le cose non vanno meglio... in ambito medico mi è capitato di riempire i moduli con su scritto "Marica" e poi di sentirmi chiamare "Marcia".... che non suona affatto carino!!

Il marito non se la passa meglio... se il suo nome è scritto, viene puntualmente letto come "Michelle", diciamo alla francese!
E se io dico che mio marito si chiama "Michele", ovviamente nessuno afferra il nome.

Quindi, ho ceduto.
D'ora in poi io mi chiamo Monica e mio marito si chiama Michael (almeno, non nei documenti ufficiali).
Ho scoperto che la vita è più semplice.
Ieri in caffetteria hanno capito benissimo il nome e hanno saputo ripeterlo!
E se dico Michael, tutti capiscono (almeno) che parlo di un uomo!

Nice to meet you! ;-)

11/02/2009

82 - il tempo a san diego

E' stato un po' traumatico abituarsi al tempo (inteso di tempo atmosferico) qui a san diego, ma alla fine a nostre spese abbiamo imparato!

Il giorno fa caldo, fa veramente caldo, si puo' girare in pantaloncini, maglietta e sandali e si sta bene. Ho visto che di giorno la massima e' di circa 74 gradi fahrenheit, che sono 24.5 celsius.
Ma quando tramonta il sole, le cose cambiano totalmente. E si sta bene con pantalone lungo e maglia a maniche lunghe. Le minime toccano i 54 fahrenheit, che sono circa 12 celsius.

Per cui all'inizio noi, come due sprovveduti, vedendo le belle giornate calde uscivamo in pantaloncini e infradito e andavamo in giro... perche' da noi quando di giorno si sta bene in pantaloncini e infradito, poi fino a ora di cena almeno si sta bene in pantaloncini e infradito.
Qui invece alle 19 se sei vestito in quella maniera... son cavoli! E quindi dopo un paio di volte in cui ci siamo surgelati abbiamo imparato la lezione, e anche se fuori il sole splende, se si prevede di rientrare dopo il tramonto (che ora in pratica e' alle 17) e' indispensabile portarsi qualcosa dietro!
Vestirsi a cipolla!

Quindi la giornata tipo prevede: durante il di, pantaloncino e maglietta; durante la sera/notte il riscaldamento acceso per un paio di ore!

81 - un po' di aggiornamenti

ci son state un po' di novita' e con il blog son rimasta decisamente indietro... quindi un po' di aggiornamenti!

Casa: finalmente, abbiamo casa. Dopo un paio di giorni per dare una pulita generale, finalmente mercoledi' scorso abbiamo traslocato a casa.
Avevamo comprato un divano letto, che ci e' arrivato poprio mercoledi' scorso, e da roma ci eravamo portati un paio di lenzuola, una coperta e un asciugamano. I primi giorni abbiamo cenato in piedi, ma nel week end abbiamo comprato 2 sedie per la cucina, 2 sedie per il giardino, un tavolino per il giardino, e un tavolo per la cucina (che pero' ci consegnano giovedi'), oltre a una serie di aggeggini, quali microonde, frullatore, phon, secchio della spazzatura, tappetini per il bagno, portasapone ecc... tutta una serie di cavolate, che quando le hai non pensi che siano cosi' importanti... pero' lo sono!
Ora di grosso ci manca un divano per il salotto... e poi aspettare che arrivi il nostro container, con tutte le nostre cose!
La zona e' molto tranquilla, la casa e' silenziosa... e un po' alla volta ci stiamo abituando a quelli che sono i rumori della casa, quelli che dopo un po' vanno in sottofondo, ma che all'inizio ti fanno drizzare le antennine (cos'e' questo rumore, da dove viene, che si e' rotto qualcosa, ecc).
E' bellissimo avere il garage incorporato nella casa e comunincante con la casa stessa... cercare parcheggio dopo una lunga giornata di lavoro e dopo aver impiegato 1 ora per tornare a casa, e' ormai un lontano ricordo!

Inglese: dopo 4 settimane, ho lasciato la scuola. Non che non mi fossi trovata bene, ma mi e' sembrata poco produttiva. In classe eravamo in 20 (alcuni giorni anche di piu'), di qui 16 coreani... con l'accento coreano... e il marito mi ha vivamente consigliato (prima che prendessi l'accento coreano pure io) di cercare qualcos'altro... e cosi' abbiamo trovato questa ragazza americana, una studentessa universitaria, che insegna inglese privatamente. Mi vedo con lei 2 volte a settimana, 1 ora ogni volta, e mi fa parlare, leggere, correggere gli errori e tutto... piu' produttivo e alla fine spendo meno rispetto a quanto avrei speso per la scuola, senza contare che ho piu' tempo libero. Mi e' dispiaciuto pero' lasciare la mia "compagna di banco", ma ci siamo scambiati i contatti e dovremmo vederci venerdi' a pranzo!

Cibo: vicino casa c'e' un grandissimo centro commerciale, ci son 2 supermercati, di cui uno interamente biologico-ecologico, vale a dire con frutta e verdura solo biologica, detersivi ecologici, assorbenti riciclabili, e soprattutto cereali, riso, pasta ed altre cose da comprare a peso, cioe' sfusi, senza gli imballaggi per capirci. Figo. nel week end abbiamo fatto una bella spesa, e anceh se non ho ancora i miei strumenti, voglio ricominciare a preparare un po' di cibo sano!

Lavoro: parliamo di quello del marito, ovviamente. Sta lavorando un sacco, la sera torna sempre tardi e la mattina a volte va prima delle nove... ma mi sembra cmq soddisfatto, anche se stanco...
Per quanto riguarda me invece... devo aspettare sia che mi danno il Social Security Number (che entro 10 giorni dovrebbe arrivare) sia il permesso di lavoro (che puo' richiere altri 2 mesi....). Una volta che saro' a posto burocraticamente, vedremo.... nel centro commerciale ci sono una pasticceria francese, una cioccolateria, una libreria... una cosa del genere andrebbe benissimo per iniziare... giusto per praticare la lingua e riportare 2 soldi a casa....

Salute: stiamo bene! Ci hanno pure fatto il vaccino per l'influenza! :) Ma non so per quale tipo di influenza.... cmq in poco piu' di un mese e mezzo che stiamo qui, io ho gia' subito 3 prelievi di sangue, 1 vaccino, 1 visita dermatologica e 1 ginecologica, mentre il marito vanta 1 prelievo, 1 vaccino e 1 visita oculistica.
Stamattina inoltre ho fatto finalmente l'isterosalpingografia... non ci posso credere... a roma sembrava impossibile fare questo esame (e infatti da meta' luglio che volevo farlo, non ci son riuscita), mentre qui... dopo un mese e mezzo che siamo arrivati, gia' fatto!
Per fortuna le tube sono aperte, quindi spero di poter mettere una croce sopra la fecondazione in vitro.... vedremo cosa ci aspetta!

10/28/2009

80 - home sweet home



79 - gita a L.A.

Venerdi' pomeriggio siamo partiti per Los Angeles.
Il maritino la sera aveva la Human Race, prenotata a giugno credo...
Quindi anche se ci avevano appena dato le chiavi di casa nuova, siam partiti (gli impegni sono impegni!).
Due orette scarse da San Diego a Los Angeles (nonostante il traffico del venerdi' all'uscita da lavoro), ma poi una volta giunti in prossimita' di L.A. un traffico assurdo! Dopo aver preso il pacco gara, siam andati verso l'albergo (tipo 1 ora per fare 10 miglia), ci siam sistemati, ci siam riposati 5 minuti e poi siam usciti di nuovo, per andare a fare la maratona.
Siam andati a letto alle 2 alla fine... parlando della casa nuova che ci aspettava...
Sabato mattina siamo andati in giro per Hollywood e Beverly Hills (sempre parlando della casa nuova che ci aspettava), e cosi' dopo pranzo siamo ripartiti... tanto L.A. e' sempre li' a portata di mano!

Devo dire che non mi ha fatto proprio una bella impressione L.A.
A parte i grattacieli illuminati di notte con dietro la luna... non so...
E' vero che non siamo stati in centro, e' vero che ci siamo stati poco... ma per quel che ho visto, mi e' piaciuta di piu' San Diego.
A Hollywood il walk of fame (dove ci sono le stelle dedicate ai divi) nel tratto centrale e' superpulito ecc, poi a mano a mano che si va verso le estremita'... diventa tutto sporco... con negozi strani... gente strana...
Beverly Hills invece e' tutta pulita e verde con negozi supercostosi e case da paura... davvero da paura.... e mentre in macchina passavamo davanti queste case da sogno, mi son chiesta quale cavolo di lavoro facesse il padre di Brenda e Brenton per permettersi quella villettina a Beverly Hills con moglie a carico e due figli all'universita'!

10/23/2009

78 - cosa mi manca dell'Italia

1 - gli amici

2 - il cibo

3 - il bidet

10/22/2009

77 - G.R.A. vs I5 (and I805)

Più tempo passo qui a San Diego, più sono stupita dalla velocità e dall'efficienza delle cose.

Già ho detto che per trovare casa ci abbiam messo 2 giorni (poi vabè, abbiamo dovuto aspettare i soldi dall'italia, ma quello è un altro discorso).
Per la macchina anche siam riusciti a risolvere in giornata (una volta ottenuta la patente!).
E tante altre piccole cose...
Per esempio l'altro giorno eravamo in banca e mio marito ha chiesto all'agente quanti giorni impiegano i bonifici da un conto a un altro... e il tipo era come se non riuscisse a capire la domanda.. ci faceva "ma intendi dall'italia verso gli USA?" e noi "no, no", e lui "allora intendi dagli USA verso l'italia?" e noi "no!".. alla fine capisce e fa "ah, ma è nello stesso momento!", e noi "ooohhhhh!".
Oppure ora dobbiamo fare le volture di gas, elettricità e acqua... è bastata una telefonata, e il giorno stesso fanno la lettura e il cambio di intestatario!
Oppure per far fare un controllo alla macchina: appuntamento per il giorno dopo e macchina riconsegnata dopo 5 ore! (inoltre il negozio aveva anche un servizio di macchine in affitto!).

Invece io personalmente avevo deciso di andare dal dermatologo.
Ho chiamato martedì, mi han dato appuntamento per oggi.
Sono arrivata un pò prima, mi han fatto accomodare e... come la lancetta dei minuti si è spostata sull'ora del mio appuntamento, tac mi han chiamata!
Il dottore è stato gentilissimo ecc.. alla fine mi fa "ora dovrai fare delle analisi del sangue, e poi tra 3 giorni ti richiamiamo con i risultati"... io gli ho chiesto come fosse possibile.... non le avevo ancora fatte le analisi del sangue e dentro di me pensavo "chissà quanto ci metterò a farle..."... beh, pensavo ancora di stare in italia! Il dottore mi fa "non ti preoccupare, ora ti do la prescrizione, vai al piano sotto, ti fanno il prelievo e poi mi daranno loro direttamente i risultati"
E io "ooooohhhhhh"!
E così nell'arco di mezzora ho fatto visita e prelievo.
Senza file e niente.
E non devo nemmeno andare per ritirare le analisi!
(se ripenso a quando andavo alla asl la mattina alle 7:30 per prendere il numeretto e poi uscivo non prima delle 10... )
Che velocità!

E anche spostarsi a san diego... nonostante le distanze enormi, con la macchina si raggiunge presto ogni posto, perchè c'è laI5 (che è una interstatale) che percorre da nord a sud tutta la città (e oltre, fino a los angeles.. san francisco e prob oltre), con la sorella I805 (formano una sorta di Y rovesciata). Quindi da qualsiasi punto non ci si mette molto a prendere queste highway, che son tipo le nostre autostrade (ma con almeno 5 corsie per lato).. e una volta presa la highway è fatta! le uscite sono tante, i tempi si accorciano.
A roma invece c'abbiamo il raccordo.... che ha 3 corsie quando dice bene..
La funzione è la stessa, però il concetto è diverso... perchè se io sto dentro roma e devo spostarmi, o mi allungo fino al raccordo, ne faccio un tratto e poi rientro... oppure se son troppo distante dal raccordo son costretta a far le strade "normali".. col traffico...
Certo a roma è improponibile fare un'autostrada in mezzo alla città!
Però queste due strade così diverse mi son sembrate una bella metafora dello stile di vita a roma (e in italia) contro quello a san diego (e in california).
Qui tutto mi sembra diretto e veloce, senza giri inutili, senza file, senza attese.

L'altro lato della medaglia è che... se hai soldi, se hai un'assicurazione, se hai una credit history, allora puoi fare tutto... altrimenti non credo sia un bel vivere!

10/21/2009

76 - comprato casa

Oggi abbiamo comprato casa.
Pero' e' strano, perche' in pratica non e' successo niente: non siamo andati da nessuna parte ne' abbiamo firmato nessun foglio.
Semplicemente abbiamo firmato una marea di fogli a mano a mano da un mese a sta parte.
E nei vari fogli si era stabilito il giorno della vendita.
E venerdi' avremo le chiavi di casa.
Quindi... abbiamo comprato casa, ma dobbiamo aspettare ancora due giorni!
Ieri sera intanto abbiamo fatto l'ispezione finale!

Non vedo l'ora di lasciare l'albergo... non che non si stia bene, ma non e' mai come casa!
All'inizio pero' non avremo il letto, non avremo pentole\posate\bicchieri ecc, non avremo internet, non avremo la tv... ma sara' la nostra casetta!
Approfittero' dell'ultima settimana di macchina in affitto (pagata) per fare un po' di giri e comprare un po' di cose....
E andro' in giro con il portatile per cercare qualche rete wireless aperta! :)
Probabilmente faro' la tessera in biblioteca.. magari li' hanno l'accesso a internet!

Manca poco!

10/20/2009

75 - alone and lonely




Qualche giorno fa, la teacher ci ha spiegato la differenza tCorsivora alone e lonely.Alone è quando sei fisicamente solo.
Lonely è quando ti senti solo.

Stamattina mentro ero alla fermata del bus mi sono accorta che nello spazio (abbandonato) tra la strada e l'hotel c'era un animale.
Era completamente immobile.
Che animale era? Mi è sembrato un incrocio tra un coniglio gigante e un asino nano.
Probabilmente ha un nome.
Mi è sembrato alone and lonely.
Porello.
Come sarà arrivato lì?
Si sarà perso?
L'avranno abbandonato?
Ma soprattutto.. come ne sarà uscito?
Forse ci era arrivato notte tempo quando tutto era tranquillo... ma poi si sarà svegliato circondato da macchine...
Incrocio le dita per lui!

10/19/2009

74 - lo sconto

Sabato io e il marito siamo andati a far la spesa.
Girando per gli scaffali, abbiamo trovato queste bibite energetiche tipo gatorade in offerta.
Il prezzo intero era 2.17 dollari, ma prendendone 10 il prezzo totale veniva 10 dollari!
Siccome ultimamente siamo "sport-oriented" e siccome ogni tanto capita di bere queste cose, abbiamo ceduto e ne abbiamo comprate 10, tanto prima o poi si bevono.
Felici e contenti.

Fin quando oggi sono andata in un altro supermercato per cercare una cosa che mi serviva e... ho visto le stesse identiche bibite con prezzo di listino 1.07 dollari! Senza nessuno sconto! :-|

Eh no, cari americani, cosi' non va bene!
Non potete illuderci di farci uno sconto di 1.17 dollari a bottiglia, mentre in realta' lo sconto e' di 0.07!

10/18/2009

73 - car

E abbiamo comprato la macchina questo week end!

Gia' 3 settimane fa eravamo andati alla ricerca di una macchina, ne avevamo trovata una che ci piaceva (o meglio, che piaceva al marito), ma poi ci eravamo resi conto che non potevamo comprarla solo con la patente italiana... ci avevano fatto un po' di storie, e soprattutto avevamo scoperto che l'assicurazione e' molto piu' alta se non si ha la patente californiana...
Inoltre i soldi erano ancora in italia e ci avrebbero messo un po' ad arrivare... altro problemino!
E cosi' abbiamo rinunciato e il marito si e' impegnato per prender la patente.
Una volta ottenuta la patente e arrivati i soldi, sabato siam tornati nello stesso concessionario e... c'era ancora quella macchina! :-)

E cosi' ora abbiamo una macchina tutta nostra.. piu' quella presa in affitto, che da qui a fine mese sara' la mia macchina! :)

Dopodiche' si vedra'... sto gia' prendendo contatti e informazioni per iniziare a lavorare all'uncinetto da novembre in poi.. visto che la fermata di autobus piu' vicina a casa sara' a tipo 3 miglia... :(

Ma per fortuna arrivera' la bici!

72 - palestra

E finalmente ci siamo iscritti in palestra!

Siamo andati a vedere questa palestra ad inizio di ottobre... l'avevo trovata sul web, sito molto figo, abbastanza vicino a futura casa... per cui siamo andati a vederla dal vivo.. e ci ha fatto una bellissima impressione!
l'altro giorno ho fatto la lezione di prova... e alla fine abbiamo deciso di iscriverci tutti e due, visto che ognuno di noi due potra' fare quello che vuole: io sono piu' orientata verso le lezioni, lo spinning, lo yoga e il pilates... invece il marito sul nuoto, squash e forse badmington (o come si scrive!).
ci avevano detto che se ci fossimo iscritti entro il 17 ottobre ci avrebbero fatto lo sconto sull'iscrizione... poi qualche giorno fa ci hanno mandato una mail proponendoci un ulteriore sconto...
e quando poi ci siamo iscritti, ci hanno anche abbuonato i giorni da qui a fine ottobre!
un affare!

e cosi' venerdi' pomeriggio sono andata, e ho fatto la mia prima lezione di bosu! l'insegnante e' tranquilla, la capisco, mi ha detto di fare quel che potevo, che la lezione era abbastanza pesante... io ho fatto del mio meglio e mi e' piaciuta molto...
ieri stavo bene, ma oggi... qualsiasi movimento io faccia, ho dei muscoli che mi fanno male!!
ahhia!
pero' vuol dire che han lavorato! :)

a parte tutte le cose che si possono fare in questa palestra (quelle che ho detto + tennis + basket), la cosa fighissima son gli spogliatoi!
le "panche" non son di legno o di metallo, ma sono tipo puff rivestiti di pelle.
gli armadietti son muniti di chiavetta e di spilla da balia, per appuntarla ai vestiti.
le docce sono singole, con tanto di porta!
e dentro la doccia ci sono bagnoschiuma, shampoo, balsamo e crema idratante.
gli asciugamani son distribuiti da loro.
... insomma, da paura!

ora pero' tocca fare sport!