12/29/2009

121 - Palm Springs


Scrivo dalla stanza dell'albergo a Palm Springs.
Sto seduta sul letto e il marito affianco a me dorme... e non son nemmeno le 22!
Considerando che siamo entrati nel ristorante per cenare che erano le 18 circa, ci sta tutta.....

Siamo partiti stamattina da san diego e dopo circa 2 ore e mezza siamo arrivati alla funicolare
Purtroppo molti californiani (e non solo) sono in vacanza, quindi abbiamo fatto il biglietto per salire con orario 2:20 pm (siamo arrivati prima di mezzogiorno!). Abbiamo ingannato il tempo alla meno peggio e finalmente abbiamo preso sta funicolare. Il percorso per salire e' veramente bellissimo!
Paesaggio da paura. Rocce da paura. Funicolare da paura!

Sopra abbiamo passeggiato... non eravamo attrezzati per tutta la neve che c'era!!!
Io Puma scamosciate e il marito Nike di quelle di retina.... ma ci siamo fatti una bella passeggiata, con tanto di cadute che alla fine mi sono trovata la neve fin dentro le mutande!
Poi siamo riscesi, siamo venuti in albergo, siamo usciti e abbiamo cenato a orario americano.

Quindi alle 20:30 eravamo praticamente gia' in pigiama e abbiamo studiato cosa andare a vedere domani... ci aspetta la Death Valley!

Ora son le 10:10 pm... e sento che il sonno sta per avere la meglio!!

Happy holiday!!

12/23/2009

119 - stendino!

12/22/2009

118 - decorazioni per natale

Quest'anno non abbiamo fatto l'albero di Natale.
Ad essere sincera, l'alberdo di Natale che avevamo a Roma non e' che mi piacesse molto... era l'albero del marito di quando era piccolo, che ha ereditato in quanto primogenito... insieme al set di "palline" di vetro.. che in realta' tutto sono tranne che palline, cioe' hanno forme strane, tipo pesce, carota, coniglio e similari.
E siccome sono "di famiglia" lui ci tiene e bisogna sempre metter su quest'albero spelacchiato con ste palline di vetro che non son palline e se mi cadono mentre le metto su sento dentro la mia testa i rimproveri degli avi ... mentre il fratello del marito ha potuto comprare un bellissimo albero folto e lo decora con palline a forma di palla belle grandi blu e argento.... (scusa amore per lo sfogo!).
Cmq quest'anno nemmeno questo, dato che l'alberello e' rimasto a roma.
Ci siam portati dietro solo il presepe, peruviano, comprato in viaggio di nozze.
E l'ho montato davanti al camino (camino ovviamente spento).

Poi qualche giorno fa ho comprato le luci da mettere fuori.
Il marito era un po' titubante perche' nella nostra viuzza nessuno le aveva messe, ma dopo che lo abbiamo fatto noi, altre due case hanno messo le luci fuori!
E si, e' un natale un po' cosi'.. come il nostro presepe!

12/20/2009

117 - panda cam!

per una connessione di click e di link puramente casuale, mi sono imbattuta nella webcam del panda dello zoo di san diego e... me ne sono innamorata!
soprattutto del cucciolo di panda!

quindi avevo deciso di fare un semplice post con un semplice link alla webcam... ma mi sono poi ricordata di avere un marito dalle conoscenze informatiche abbastanza avanzate... e me lo sono fatto mettere qui a destra! :-)

che cariiiiiino!

116 - sunny

Ieri e' stata una giornata fantastica dal punto di vista metereologico... basta dire che ci siam messi fuori in terrazzino a fare le videochiamate con i nostri genitori e i nostri amici in italia... sfoggiando maglietta a maniche corte e pantaloncino corto (per suscitare un po' di sana invidia dopo aver letto su repubblica.it della simpatica ondata di mal tempo in italia)!

Dopodiche' siamo usciti, siamo andati a La Jolla, ci siam comprati giornale e "caramel brule' latte" e siamo andati nel parco lungo mare, a leggere e a goderci il panorama (e il passeggio). E sul giornale c'era un articoletto che diceva che le persone che abitano nei paesi piu' soleggiati son generalmente piu' felici di quelle che abitano nei posti meno soleggiati.
Ahhhh, ho pensato, vero, come si sta bene qui!

Solo che... alla cinquantesima mamma che mi e' passata davanti con tanto di carrozzino e pargolo sotto i 3 anni (una buona parte delle mamme sfoggiava il carrozzino-passeggino, contentente ben 2 pargoli, di cui uno di pochi mesi e l'altro di un anno e pochi mesi), beh' dicevo.. alla cinquantesima mamma mi e' venuta un'irresistibile tentazione di iniziare a giocare a "lancia il pargoletto dal dirupo a strapiombo sul mare"!

hihihihihihihihi!!!

12/18/2009

115 - il posto preferito



Questo e' il mio posto preferito a San Diego.
Si trova esattamente qui:
View Larger Map
ed e' dove la laguna incontra il mare!

La laguna e' un'area protetta, non accessibile al pubblico. Ma c'e' una strada che la costeggia, e spesso con la mia bici passo di li'... ed e' bello vedere sempre anatre o aironi, che vivono tranquilli :-)
La laguna poi sfocia in mare... ma dipende dalla marea! Perche' a volte e' il mare che risale la laguna!
Ed e' proprio sotto quel ponte che c'e' l'incrocio delle acque.
Passo sempre li' quando devo prendere il bus, e ogni volta il paesaggio e' leggermente diverso!
Sul fronte mare poi... una volta c'e' una spiaggia larghissima, una volta la spiaggia e' completamente sommersa!
Da quest'altra parte invece ci son sempre gabbiani, gabbianelle, cormorani e.. scoiattoli!

Eh si... ristoro per gli occhi e per il cuore!

114 - piccole tradizioni



le piccole tradizioni hanno un sapore speciale...
per cui ho iniziato la tradizione 'giovedi' pasta fatta in casa",
e cosi' dopo un giovedi' "gnocchi", un giovedi' "cannelloni", ieri e' stato il turno del giovedi' "fettuccine"!
e dopo 3 giovedi' posso concludere che non e' cosi' complicato come sembra, ne' ci vuole chissa' quanto tempo... e' solo una questione di buona volonta'!

e visto che mi ci trovavo, ho pure sfornato qualche biscottino!

12/16/2009

113 - 3 mesi

3 mesi che siamo qui.

Prima di partire eravamo sul "mmm, tra 3 anni massimo torniamo a roma".

Appena arrivati eravamo sul "no, ma chi ce lo fa fare a tornare a roma, si sta tanto bene qui!".

Ora e' una via di mezzo, almeno per me.

Qui si sta benissimo, sotto tanti punti di vista.
Ma a volte mi chiedo come potrebbe essere la mia vita alla lunga.
Col tempo forse riusciro' a farmi degli amici, ma le nostre famiglie saranno sempre lontane,
i nostri natali saranno sempre a tu per tu!

Qui in America e' abbastanza comune questa cosa... cioe' mediamente gli americani si spostano una volta ogni 7 o 8 anni... quindi le famiglie spesso son lontane.

Non so, forse e' il Natale che si avvicina.... forse e' l'atmosfera natalizia che manca... forse e' la PMS...

La mia qualita' di vita e' nettamente migliorata... pero' a volte quando guardo quelle donne "homeless" mi chiedo se mai potrebbe capitarmi qualcosa del genere... essere terribilmente soli e senza niente.

Sicuramente fin quando ci sara' un marito che mi ama, non mi accadra'! :-)


12/15/2009

112 - alla cassa

I supermercati sono un pochino diversi dai nostri...
sono graaaaaandi, vendono delle cose a me ancora sconosciute e non vendono cose che invece vorrei trovarvi.... ma a parte tutto questo, anche quello che accade alla cassa e' diverso!

allora, come prima cosa oltre alla cassiera c'e' sempre l'imbustatrice, cioe' una tipa (a volte un tipo) che prende le cose e le mette nelle buste.
non mi piace molto questa cosa...
innanzitutto perche' le cose nelle buste andrebbero divise come dico io (e non come pare a loro!) e poi perche' usano una quantita' di buste impressionante... ma sono pagate da chi le buste le mette in commercio? non lo so.... fatto sta che fortunatamente in tutti i supermercati si vendono anche le buste di stoffa per la spesa, cosi' ne abbiamo comprate due e me le porto dietro quando vado al supermercato, sono abbastanza grandi e di solito mi bastano!

anche la cassiera e' un po' diversa dalla tipica cassiera che abbiamo in italia... dato che sempre (e dico sempre) ti dice "salve, come va oggi?"
certo, la cosa e' puramente formale, credo faccia parte del contratto, non che a lei glie ne importi molto di come io stia... ma pur sempre meglio di un grugnito!

ma veniamo al pagamento....
se si utilizzano i contanti e bisogna avere il resto in monetine, queste vengono fuori da una sorta di macchinetta che sta li' sulla cassa, mentre il resto in banconote viene consegnato dalla commessa... perche'? boh, forse per bypassare l'errore umano nel conteggio delle monetine?
fatto sta che non si assiste mai a scene del tipo "ora non ho spicci... mario, che c'hai da cambia' ?" o altro.

se invece si utilizza la carta, ecco che entra il gioco il cash-back!
dopo aver strisciato la carta e digitato il pin appare il testo "cash-back?"
all'inizio non sapevo cosa fosse, ma ho poi scoperto che serve per "prelevare"...
e siccome ieri dopo aver fatto la spesa dovevo andare a prelevare in banca, ho deciso di provarlo.
ho digitato "yes", e la schermata successiva mi chiedeva se volevo 20 o 40 dollari. perfetto, proprio quello che mi serviva!
cosi' con la carta ho pagato la spesa + 20 dollari, e la commessa mi ha dato lo scontrino e la banconota da 20.
non l'avevo mai usato, ma in fondo e' molto comodo per prelevare piccole somme.
come dice il marito pero', il tutto e' nato per far spendere di piu' :-)

12/14/2009

111 - bye bye Miho!

Oggi ho salutato Miho.

Miho e' una ragazza giapponese. Ci siamo conosiute a scuola di inglese. Mi e' subito piaciuta perche' si distingueva dalle altre... non era li' per far presenza per avere il visto, non era li' per parlare con altre persone giapponesi in giapponesi, ma era li' per studiare inglese!
(come direbbe giuliana: la secchia ha trovato un'altra secchia!)

E cosi' un po' alla volta a scuola abbiamo iniziato a parlare, a raccontarci con il nostro inglese stentato come funzionano le cose in italia, come funzionano in giappone, come in america...
E attraverso le sue parole sono un po' entrata nella sua vita in estremo oriente... cosi' diversa da quella mia in italia, cosi' simile per altri versi.

Una delle cose che piu' mi ha colpito e' che nella sua famiglia (e deduco in generale in giappone) il primo figlio maschio e' quello che deve occuparsi dei genitori quando diventano anziani, cioe' vivere insieme e prendersi cura, come i genitori si son presi cura di lui quando era bambino. Nella sua famiglia, pero', il primo figlio maschio (che e' il suo fratello minore) e' gia' sposato e ha due figli piccoli, mentre lei (che ha circa la mia eta') non e' sposata... e siccome lei ha fatto la sua scelta, cioe' si e' laureata (e' farmacista) e ha deciso di dedicare la sua vita al lavoro (?) e non a fare la moglie, tocchera' a lei prendersi cura dei sui genitori e tra qualche anno andra' a vivere da loro.
Lei dice che da una parte si sente "forzata", ma dall'altra parte e' cosi', e' sempre stato cosi', ed e' giusto che sia cosi'.

Un'altra cosa che mi ha colpito e' che lei ha deciso di venire qui a San Diego a studiare inglese perche' a volte a Tokyo in farmacia entravano turisti che chiedevano cose in inglese e lei non capiva.. cosei' ha deciso di mollare tutto e tutti, ed e' venuta qui da sola per un anno a studiare.
Mi ha raccontato che all'inizio non capiva niente ed era sola, ma e' riuscita a farsi diversi amici, ha viaggiato, ha visto posti.... non e' ancora soddisfatta del suo inglese, ma senza dubbio e' migliorata!

Dopo aver lasciato la scuola, ci siamo viste 3 volte (per pranzo o per un te) e ogni volta abbiamo parlato parlato parlato... io con il mio accento italiano, lei con il suo accento giapponese, con le frasi a meta', con i gesti esplicativi, con i numeri fatti a mano... ma siam riuscite a capirci (non sempre pero'!) e cmq a ridere....

E oggi e' l'ultimo giorno che ci siamo viste. Tra qualche giorno lei torna in giappone.
E mi manchera', perche' in questi 3 mesi lei e' stata la persona piu' simile a un'amica che ho avuto (a parte Lindsey).

Bye bye Miho!

12/13/2009

110 - mai avresti detto che....

venerdi' notte ad un certo punto mi son semi-svegliata e ho visto che il maritino non ero a letto.
mi son riaddormentate.
poi mi son risvegliata "dopo quanto non so" e il marito non era a letto.
sperando che non fosse uscito per il famoso pacchetto di sigarette, mi son alzata dal letto per andarlo a cercare... l'ho trovato che giocava al pc in un attacco di insonnia, ma l'ho convinto a tornare a letto, almeno a "provare" di dormire. e cosi' e' stato.

sabato mattina mi racconta che aveva scoperto nottetempo non so che per mettere i risultati delle corse su twitter e su facebook, ma su facebook non gli piaceva, invece twitter si ecc...

sabato a ora di pranzo sentiamo i miei e a un certo punto mia mamma, rivolta a mio marito, fa "ma cosa cavolo facevi alle 3 di notte su facebook???"

[mai avresti detto che tua suocera oltre oceano ti avrebbe beccato in una scappatella notturna sul facebook! ahahahahah!]

12/11/2009

109 - smoking and littering

Altre due cose da rilevare.

Alle fermate del bus, non e' consentito fumare per un raggio di circa 9 metri!
E questo e' fantastico! Se uno vuole fumare, si allontana, e gli altri respirano aria pulita!

Invece lungo le strade se si viene beccati a buttare rifiuti si prende una multa che puo' arrivare fino a 1000 dollari.
E cosi' le strade son pulite...


12/10/2009

108 - tipe da palestra!

In questo periodo sto intensificando la mia attivita' ginnica e sto cercando di andare in palestra tra le 3 e le 6 volte a settimana... dipende da come capita!
In particolare sto frequentando la lezione del mattino (alle 9:30) che si svolge nel gymnasium (detto volgarmente campo da basket).
E' interessante come lezione, perche' il concetto e' lo stesso per tutti i 5 giorni della settimana, ma ogni volta c'e' un'istruttrice diversa che fa lezione in modo diverso (essenzialmente si alternano intervalli di lavoro aerobico con intervalli di "muscolatura").
Siamo almeno 50 persone ogni volta, ma poco a poco sto iniziando a mettere a fuoco i soggetti, in modo poi da scegliermi una vittima adatta con cui attaccare bottone.
Solo che fin'ora ho messo a fuoco solo le tipe con cui non vorrei proprio attaccare bottone!

Al primo posto della classifica c'e' tetta-woman!
A volte le persone non si regolano proprio... vuoi rifarti il seno? rifattelo! ma per carita' non perdere il senso della misura!
Tetta-woman e' magrissima e ha delle tette enormi! Ma sono sproporzionate proprio! La proporzione e' la stessa di due ciliegie messe su uno stuzzicadenti! la guardo e mi chiedo come faccia a far lezione con quel peso sul davanti!
In effetti potrei attaccare bottone con un "how much do they wheigh?"

Al secondo posto troviamo wonder-woman!
Quando l'istruttrice ci fa correre lungo il perimetro della palestra per scaldarci e tutte corriamo con un passo tranquillo (chi piu' chi meno), wonder-woman corre tipo al triplo della velocita'! Sembra che stia facendo i 100 metri veloci! ha una corsia interna tutta per lei!
Quando poi iniziamo a far lezione ognuna al suo posto, lei ha il posto fisso di fronte all'istruttrice. E quando per esempio l'istruttrice fa "ok, ora bevete se avete sete" e per un attimo tutte ci fermiamo, lei continua imperterrita.
In aggiunta a questo, veste sempre con dei completini abbinati e ha sempre i capelli sciolti (ma son belli folti e lunghi fin sotto le spalle.. come fa?).
Ieri per la prima volta l'ho vista in viso ed era tutta truccata.
Potrei attaccare bottone con un "how can you do that?"

Al terzo posto c'e' un-wonder-woman!
Invece di correre, cammina. Invece di alzare i pesi, alza le braccia senza pesi. Insomma, fa tutto in maniera molto soft. E va via tipo 20 minuti prima della fine della lezione. Inoltre si veste semper uguale. Ha sempre l'espressione scazzata. E' l'esatto opposto di wonder-woman!
Potrei esordire con un "why are you here?"

Al quarto posto c'e' jappo-woman!
E' una donna dai caratteri orientali. Avra' sui 40 anni, ma si veste con dei pantaloncini cortissimi, in perfetto stile jappo. Non che non se lo possa permettere, ma... oggi abbiamo dovuto fare gli addominali a coppia (una di fronte l'altra) e io avevo lei... e non era proprio un bel vedere!
"Don't you think you should wear longer pants?"

Al quinto posto c'e' nelly-furtado!
No, non lei in persona, ma la fotocopia.... la cosa strana e' che per circa meta' lezione mentre tutte noi facciamo una cosa, lei fa degli esercizi di sua invenzione.
"Why are you here?" anche per lei!

A parte tutto... nelly furtado sembra abbastanza simpatica, e' sempre sorridente...
E poi c'e' una ragazza incinta, che ha un bel pancione, e nonostante cio' fa un sacco di sport, e sempre molto simpatica.
E poi c'e' una ragazza bionda che ha le tette piu' piccole delle mie (e quindi e' simpatica!).
E poi c'e' una signora che ha sui 50 anni e cerca di fare tutto...
Insomma, c'e' anche bella gente.

Datemi tempo e attacco bottone con tutte e 50!

12/09/2009

107 - diamo a cesare quel che e' di cesare



Negli ultimi post ho tolto un bel po' di punti all'america, tra il risponditore automatico che gli devi parlare in modo perfetto, lo stendino che sembra un miraggio e la sanita' cara....

Ma diamo a cesare quel che e' di cesare.

Ci sono piccole cosette, ma davvero piccole, che pero' mi son detta "ma perche' in italia non ce l'abbiamo?"
La prima cosa e' lo scottex ridotto.
Ridotto nel senso che ha lo strappo a meta' rispetto allo scottex italiano. Sembra una cavolata? Non lo e'! Perche' quasi sempre ne serve esattamente la meta' rispetto allo strappo italiano! E quando serve lo strappo classico, basta prenderne due. Insomma, credo che la vita dello scottex in questo modo sia quasi del doppio, a parita' di quantita' di materiale!

La seconda cosa sono le bustine "per il frigo". Da noi bisogna impiccarsi a far girare il laccettino bianco per aprire o per chiudere (a meno che non si usino i simpatici cosi dell'ikea)... qui invece tutte le bustine hanno "l'apri e chiudi", non so se si capisce dalla foto.... cosi' come spesso anche molti formaggi o affettati, cosi' non c'e' bisogno di travasarli.

La terza cosa e' la carta oleata... sono sicura che da noi in Italia c'era, mi ricordo che mia nonna la usava... ebbene, qui c'e'... ma devo ancora chiarirmi le idee su quando va usata! :-)

La quarta cosa e' il vuoto a rendere! Anche questo c'era quando ero piccola, ma ora non c'e' piu'... o almeno, non e' molto diffuso! Invece qui abbiamo scoperto che quando si comprano alcune bibite il prezzo esposto e' al netto, poi alla cassa ti caricano qui 5 o 10 centesimi in piu', ma si possono riavere indietro riportando le bottiglie! Ci siamo attrezzati quindi di apposito raccoglitore e tra qualche giorno credo che andremo a fare la prima consegna!
Quelle cose altrimenti le avremmo cmq buttate nella raccolta differenziata... ma forse riavere indietro dei soldi e' un piccolo incentivo per stare piu' attenti!




12/08/2009

106 - a due passi dal canyon

Si fa presto a dire "San Diego".... ma c'e' San Diego e San Diego.
Voglio dire... la citta' e' cosi' vasta e cosi' diversa che non si puo' chiamare tutta con lo stesso nome... anche se ufficialmente e' la stessa citta'!
Le zone sono molto diverse tra di loro:
Downtown e' il classico centro, con grattacieli e vetrine (http://pictureperfectsandiego.com/files/2008/10/downtown-san-diego.jpg);
Old Town e' il vecchio centro della citta', molto messicaneggiante (http://www.inetours.com/San_Diego/Images/StHistPrk/Bazaar_6077.jpg);
Hillcrest e' la zona piu' "free" con negozi di vestiti usati, di libri usati, e barbieri gay (http://azfoo.net/places/lasd/17_HillcrestSanDiego.jpg);
La Jolla e' la zona piu' "inn", con case a ridosso del mare, negozietti e ristorantini
Pacific Beach e' per chi vuole mettersi in vetrina sulla spiaggia (tra gente che corre, gente che nuota, gente che fa surf, gente che va in bici) (http://sdurban.com/blog/uploaded_images/IMG_7094-770445.JPG).

Ma oltre tutto questo, San Diego e' piena di parchi-riserve-canyon naturali...
Posti che non sono "di passaggio", posti tranquilli, in cui si va a passeggiare, a fare sport, a osservare la natura....
E per esempio abbiamo scoperto di avere questo canyon a 5 minuti da casa.. quindi nel week end siamo andati a fare la passeggiata di rito.
E non c'e' niente da vedere in realta', se non la natura... ma da' una strana sensazione pensare che a pochi passi dalle case e dalle strade ci siano queste zone "naturali", in cui il paesaggio e' rimasto come era fino a non molti anni fa (a parte i tralicci dell'alta tensione che si vedono in questa foto!) ...

105 - quanto costa...

Ho aperto repubblica.it e ho trovato questo articolo:
Dice che "La spesa pro-capite italiana per la sanità è pari a 2.686 dollari" mentre "In testa alla classifica della spesa sanitaria ci sono gli Stati Uniti, con 7.290 dollari".

Uhm... sinceramente fino a qualche giorno fa non me ne ero resa realmente conto... qui abbiamo l'assicurazione e, per i servizi coperti, paghiamo solo 10 dollari di tasca nostra.
Ma l'altro giorno sono andata a vedere l'estratto conto dell'assicurazione e ho scoperto, per esempio, che l'isterosalpingografia qui costa tipo 4 volte quello che puo' costare a Roma in una struttura "privata convenzionata".... Mentre rispetto a una struttura pubblica a Roma il prezzo e' 40 volte tanto.... certo, se vai a Roma nel pubblico non so quanto ci si metta a fare quest'esame (io non ero riuscita a prenotarla nemmeno col privato), mentre qui l'ho fatta subito senza problemi....
Ma la differenza di costo e' considerevole.

Noi ok abbiamo l'assicurazione, ma come si farebbe senza??
Cioe', come fa chi non ce 'ha?
Ok, ce l'hanno quasi tutti... o meglio, di solito chi lavora ce l'ha... ma gli altri?


104 - l'omino biscottino / gingerbread man cookie














Ieri mi sono tuffata nell'esperimento "omino biscottino", dato che e' un dolce tipico natalizio da queste parti.

Ad essere sincera, Sara mi aveva dato la ricetta un paio di anni fa, ma non l'avevo mai messa in pratica, perche' mi ero spaventata di fronte alla ricerca della melassa ... (in realta' penso che se l'avessi cercata tipo da Castroni sicuramente l'avrei trovata).

Ma qui l'omino biscottino e' quasi peggio di babbo natale: ovunque ti giri, lo vedi!
E cosi' ho recuperato una ricetta, ho comprato la melassa e mi son messa all'opera.
La melassa in realta' mi ha un po' spaventata.. non capivo cosa fosse. Ma dopo aver consultato wikipedia ho scoperto che deriva dalla lavorazione dello zucchero...
Quindi sembra alquanto "naturale" come prodotto.

La ricetta che ho usato e' questa qui: http://simplyrecipes.com/recipes/gingerbread_man_cookies/

Non son venuti male.... ma la cosa piu' divertente poi e' stata fare i faccini decorativi!

12/07/2009

103 - non piove mai, ma quando piove, piove!


Nel week end il cielo e' stato per lo piu' coperto.
E stanotte ad un certo punto mi son svegliata sentendo il rumore della pioggia.

E quando stamattina son suonate le sveglie, pioveva ancora.
Abbiamo cmq trovato la forza psico-fisica necessaria per uscire dal letto e il marito e' andato a lavoro (in questi casi, benediciamo gli americani che si sono inventati il garage collegato con la casa).
Io son rimasta a casa.
Avrei voluto fare delle cose: comprare un po' di carne o di pesce, andare in banca, andare in palestra, andare dal ferramenta... ma anche semplicemente andare a buttare la spazzatura o andare a ritirare la posta.
Mi son detta "esco appena smette".
Solo che non ha mai smesso (e ora sono le 5:30pm, e' tutto buio, e dubito che smetta ora).
Cosi' son rimasta a casa: ho navigato, ho scritto, ho studiato (tra l'altro, ho chiamato il DMV da skype e dopo 33 minuti di attesa ho parlato con l'operatore!!).... sono stata molto seduta al tavolo in salotto, di fronte alla finestra grande.
E ogni volta che ho alzato lo sguardo ho visto la pioggia cadere.
Poi e' arrivato anche il vento.. abbastanza forte, che le piantine si inclinano terribilmente.
E il rumore del vento si sente attraverso la canna del camino.
Ora e' tutto buio e non si vede fuori... ma si sente il rumore della pioggia e del vento.

Mi chiedo quando smettera'... e mi chiedo se la casa di legno riuscira' a leggere tutta questa umidita'! E tutto questo vento!

Cmq fuori avevo lasciato un vasetto porta candela, ho notato che a poco a poco si sta riempiendo d'acqua... per cui quando smette vi diro' quanti millimetri di pioggia son caduti!

Vado a farmi un te caldo! :'|

P.S. aggiunto foto con acqua raccolta!

12/04/2009

102 - Lindsey and the story of stuff

Lindsey e' la mia insegnante di inglese.
Prima di conoscerla ero preoccupata, perche' il maritino (che si era offerto volontario di trovarmi una persona americana con cui fare conversazione) mi aveva detto che si trattava di una ragazza americana, studentessa universitaria, sui 25 anni.
E nella mia testa mi ero immaginata la tipica americana svampita, con i capelli biondo platino, le tette rifatte, tutta vestita di rosa shocking e con un cane sottobraccio.
Invece la prima volta che l'ho vista (nella caffetteria dove facciamo lezione) mi ha fatto pensare a Phoebe di "Friends" e mi e' risultata simpatica a pelle!

A mano a mano che i nostri incontri vanno avanti la sto conoscendo un po' di piu' ed ho scoperto che ha un grande rispetto per l'ambiente, la natura ecc, ne e' proprio affascinata... per esempio si incanta quando vede degli animali attorno a noi (cani o uccellini o qualsiasi altro essere animato), cerca di essere vegetariana, cerca di non inquinare, si sposta in bici o in bus, non beve l'acqua in bottiglia nemmeno quando va in messico dove l'acqua e' "diversa", e ogni volta ci sta male, ma dice che se continua a poco a poco si abituera'.... e poi non ha la tv, e legge un sacco...
Insomma, un tipo "green".

Fatto sta che mi ha consigliato di vedere questo video:
Si capisce abbastanza bene (anche se dura ben 20 minuti).
Il video parla un po' della "storia delle cose", cioe' da dove vengono e dove vanno a finire. Dice che molte delle cose che compriamo non ci servono realmente, ma siamo indotti a pensare che ci servano. Dice che siamo un po' schiavi della pubblicita'. Dice che stiamo distruggendo la natura ecc. Insomma, si, le solite cose che gia' si sanno.
Ma a un certo punto dice anche che il 99% delle cose che compriamo dopo 6 mesi e' diventato spazzatura. Questa cosa mi sembra terribile.
Insomma, alla fine il messaggio e' di riciclare, ma soprattutto di comprare meno.

Quindi ho deciso di rispolverare il verde che e' in me.
Certo, qualcosa gia' faccio: differenzio tutta la spazzatura differenziabile, mi sposto in bici o con i mezzi, uso la busta di stoffa per fare la spesa....
Ma si puo' fare di piu'... per esempio comprare lo stendino.. innaffiare con l'acqua di lavaggio delle verdure, ecc... pero' la cosa piu' difficile di tutte e' comprare meno...
Non che io sia fanatica dello shopping.... ma a volte in effetti compro cose che potrei non comprare...

Diciamo che e' il proposito dell'anno nuovo: buy less!

12/03/2009

101 - il risponditore automatico (una storia a livelli)

In Italia quando si telefona a un gestore di servizi o ente o quel che sia, spesso ci si imbatte nel risponditore automatico... e le opzioni sono "digitare 1 per...., digitare 2 per...., digitare 3 per...." e se bisogna inserire il numero utente lo si fa da tastiera.
Magnifico.

In California quando si telefona a un gestore di servizi o ente o quel che sia, anche ci imbatte nel risponditore automatico... ma le cose sono diverse!
Per esempio questo e' quello che accade per prenotare la prova di guida per prendere la patente.

All'inizio e' facile "For English press 1, for Spanish press 2".
E vabe', premo 1.
Poi inizia la prima prova: "To select an option, please say: vehicle registration, driving license, other form, make appointment, visit DMV office"
E ok, dico "Make appointment".
Dirlo e' facile, ma farsi capire da un risponditore automatico non e' cosi' semplice!
Quindi lui inizia con "Sorry, but I can't understand".
E ti ripete tutta la pappa.
Cmq di solito al primo o al piu' al secondo tentativo (metti che intanto sto mangiando o son distratta) riesco a superare il livello!
Nel secondo livello il risponditore automatico mi chiede se il mio appointment e' per un "behind-the-wheel driving test" o per un "office visit". All'inizio mi impiccavo nel dire "behind-the-wheel" con tanto di h aspirata, poi ho capito che basta dire "driving test", che e' molto piu' semplice.
E anche il secondo livello (con al massimo due tentativi) lo supero!
Nel terzo livello il risponditore automatico mi chiede se ho gia' il permesso temporaneo... e qui vado in scioltezza con un bel "yes!" facendo intanto uno stacchetto di danza.
Ma nel quarto livello il bastardo mi chiede (giustamente) se il tutto e' per un "automobile" o per un "motorcycle"... semplice, "automobile", solo che lui non mi capisce mai!
Tra l'altro ho anche chiesto alla mia tutor di inglese di correggermi la pronuncia di "automobile", ma mi ha detto che lo dico bene... fatto sta che il risponditore automatico non mi capisce, ma al terzo tentativo per fortuna mi dice "say automobile or press 1, say motorcycle or press 2".
E ce voleva tanto?
Premo 1 e accedo al quinto livello!
Nel quinto livello non ci sono cavoli! Il risponditore mi chiede di dettargli il codice del mio permesso... e io lo faccio, ma lui "sorry, but I can't understand" e mi chiede di ripetere. E poi "sorry, but I'm having some trouble understanding you" e mi chiede di ripetere. E poi "sorry, but I didn't get that"... alla fine mi dice che passera' la mia telefonata al primo operatore disponibile (alleluja). Questo quando va bene... quando va male, mi ributta al livello 1, che rabbia!
Cmq dopo avermi salutata dicendomi che mi avrebbe passato l'operatore, interviene un'altra voce, la quale mi comunica che il tempo di attesa per parlare con l'operatore e' di piu' di 10 minuti!!!! Quindi mi invita a richiamare piu' tardi.
Ora... ho chiamato merc scorso 2 volte.
Poi giov era il giorno del ringraziamento, ven sab e dom era chiuso.
Lun ho chiamato 2 volte.
Mart ho chiamato 2 volte.
Ieri ho chiamato 1 volta.
Oggi ho chiamato tipo 4 volte.

Il risultato e' che il quinto livello e' ancora insuperabile per me, sto spendendo tutto il credito telefonico e soprattutto... e' frustrante!!!!

Credo che domani chiedero' l'aiuto del marito.
Se neanche lui riesce, chiedero' un extra alla tutor!

12/02/2009

100 - stendino-nostalgia

Quando eravamo nella fase "ricerca casa" eravamo rimasti colpiti dal fatto che tutti avessero in casa lavatrice e asciugatrice.... non avevamo dato il giusto peso alla cosa, semplicemente avevamo pensato "i soliti americani... hanno il sole tutto l'anno, ma usano l'asciugatrice!".

Non ci eravamo resi conto che se tutti hanno l'asciugatrice e nessuno usa lo stendino, forse uno stendino non e' cosi' semplice da trovare!

Abbiamo preso casa e il set lavatrice-asciugatrice era compreso nel prezzo. Abbiamo iniziato ad ambientarci, a conoscere i negozi della zona, ma lo stendino non l'abbiamo trovato in nessun tipo di negozio...
Uhm... allora abbiamo iniziato a cercarlo on-line, tipo sui siti dei negozi che si trovano qua in zona (magari non ce l'hanno esposto o non ci abbiamo fatto caso, abbiamo pensato).
E abbiamo trovato questi due:

Certo, meglio di niente... ma quanta roba ci si riesce effettivamente a stendere sopra?
A guardarli, sembrano fatti per stendere giusto due cosette....

Alla fine il marito ha trovato, sempre on-line, uno stendino vero! Come quello che avevamo noi in italia! Da paura!
La differenza e' che in italia l'avevo comprato di fronte casa (dai cinesi) a 10 euro... qui costa 53 dollari piu' la spedizione!

Ma io dico.... c'hanno il sole tutto l'anno... se i panni li stendessero anziche' metterli nell'asciugatrice ci metterebbero quasi meno tempo ad asciugarsi... risparmierebbero un sacco di elettricita'... i panni non farebbero tutte le grinze schifose che fanno con l'asciugatrice (e poi devi stirare per forza!)... ma ci vuole tanto?

Sono un po' riluttante a spendere tutti quei soldi per uno stendino... quando il mio l'ho lasciato a casa... mai avrei immaginato una cosa del genere!!

12/01/2009

99 - scritto da un uomo!

Non e' la prima volta che leggo un libro e mi trovo a pensare "e' proprio scritto da un uomo!".

La prima volta e' stata mentre leggevo "L'ombra del vento" di Zafon, dove (attenzione, sta per essere svelata parte della trama! saltare al paragrafo successiva!) ci sono queste ragazzine che restano incinte la prima volta che fanno sesso... vabe', da una parte penso che sono io che ho la fissa e che rosico un po', dall'altra penso che sia una delle grandi paure dell'uomo, mettere incinta qualcuna la prima volta che ci si fa sesso... e passi pure. Ma soprattutto mi ricordo che lei scopre di essere incinta tipo 2 giorni dopo aver fatto sesso... il che e' impossibile, e le donne lo sanno.

La seconda volta l'ho pensato mentre leggevo "Slam" (tradotto con "tutto per una ragazza" o qualcosa del genere) di Hornby... dove (attenzione, idem come sopra!) lei resta incinta appena lo fanno senza precauzioni.. ma cmq molto piu' realistico di Zafon.

E ora sto leggendo "I pilastri della terra" di Follet.
Ok, io di solito non leggo i libri di Follet o di Grisham... non sono il mio genere... ma in casa girano spesso perche' sono invece il genere preferito del marito, quindi qualche volta prendo qualcosa in prestito... e questo a mio marito era piaciuto, quindi l'ho traslocato perche' avevo deciso di leggerlo, nonostante le 1000 pagine.
L'ho iniziato ieri... e dopo un paio di giorni ho letto una sessantina di pagine... oggi la storia era arrivata a un punto tristissimo.. in poche parole (fino a pagina 60) accade piu' o meno questo:
ambientazione medievale, famiglia poverissima formata da marito, moglie, figlio di 14 anni e figlia di 7. Lui resta senza lavoro, e iniziano a vagare a piedi di villaggio in villaggio alla ricerca di un lavoro, intanto arriva l'inverno, soffrono il freddo, vengono derubati del maiale che avevano allevato con enormi sacrifici e che sarebbe stata la loro fonte di sostentamento per l'inverno.. la moglie, che e' incinta, a un certo punto partorisce mentre sono in viaggio, nel bosco, al freddo, di notte, con il villaggio piu' vicino a 1 giorno di cammino... con enorme sofferenza nasce sto bambino, ma la moglie continua a perdere sangue e poi muore... sconforto generale, tra le lacrime la seppelliscono.. il marito decide di abbandonare il bimbo appena nato perche' non sa come sfamarlo... il bimbo piange... gli altri figli son disperati... ma dopo aver camminato qualche ora si pente, allora tornano indietro, ma il bimbo e' sparito.. allora lui inizia a vagare come un matto nella foresta, e' disperato, si sente in colpa, i figli non ce la fanno a stargli dietro e sono stanchi, lui non mangia da due giorni, a un certo punto si sente svenire, e intanto pensa a come fara' a sfamare i figli... e io li' triste e disperata....
senonche' a un certo punto mentre lui e' mezzo svenuto appare la "gnocca" della situazione, che lo vede, gli si mette davanti, si spoglia, gli si sdraia sopra... e fanno sesso... con tanto di gemiti e urla... dopo poche ore che la moglie e' morta, che il bambino e' sparito, con tutta la stanchezza addosso e con i figli che dormono a due passi....
che altro pensare se non "e' proprio scritto da un uomo!"?

ma voglio dargli un'altra possibilita', visto che l'ho traslocato... ma giuro che se poi viene fuori che la gnocca e' rimasta incinta, lo butto nella spazzatura!