1/03/2010

122 - Death Valley


La strada per arrivare alla Death Valley e' stata molto lunga, ma ne e' valsa la pena!

La Death Valley e' il punto piu' basso (una cinquantina di metri sotto il livello del mare) e il piu' caldo dell'America del Nord.
D'estate le temperature superano i 50 gradi, ma d'inverno sono piu' fresche.

Il 30 siamo arrivati che il sole stava per tramontare, e siamo riusciti appena a vedere uno dei punti di interesse (il bello e il brutto dell'inverno: il clima e' mite, ma le giornate sono corte!).
Siamo quindi andati in albergo e poi a cena presto.
Il 31 siamo usciti la mattina presto e abbiamo fatto un bel giretto! L'albergo e' strategicamente posizionato al centro rispettto ai vari punti di interesse, quindi quelli "centrali" siamo riusciti a vederli tutti:
le distese di sale, i canyon nelle montagne, le rocce colorate (purtroppo le foto non rendono giustizia ai colori pastello che abbiamo visto!), le dune di sabbia....
Geologicamente e' un posto interessantissimo e avrei tanto voluto avere con me il geologo dello studio di roma!!!!
Paesaggi stupendi e cosi' diversi.....
E il tutto cosi' "isolato" dal resto del mondo (basti pensare che il cellulare non prende affatto... e quando siamo ripartiti il segnale e' tornato dopo ben 2 ore di guida!).
E quello che fa impressione poi e' leggere nei due piccoli musei (quello del visitor center e quello del borace) la storia dei pionieri che hanno attraversato per primi questa vallata e la storia degli operai che lavoravano all'estrazione del borace. Pare impossibile, eppure hanno vissuto li', in mezzo al nulla!

E dopo una giornata intera in giro... altro che aspettare la mezzanotte! Alle 21:30 eravamo gia' sotto le coperte!!!!

Veramente bello... se avessimo avuto piu' giorni ci sarebbero state altre cose da andare a vedere, isolate qui e li, ma il primo gennaio siamo ripartiti.
Partenza alle 10, pausa pranzo, pausa in una citta fantasma lungo la strada, pausa starbucks.. siamo arrivati a casa verso le 17!

Mi piacerebbe tornarci in primavera, quando le giornate son piu' lunghe e il clima un po' piu' caldo.... casomai quando qualcuno verra' a trovarci!!!

2 commenti:

Francesca ha detto...

I deserti americani sono incredibili...cosi` diversi da tutta la natura che abbiamo in Europa!
Buon Anno e ben tornati.

Marica ha detto...

si, la natura la fa da padrona qui in california!