4/26/2010

258 - garage sale

Sabato siamo andati ad un garage sale.

In pratica funziona cosi': quando il garage si riempie di cianfrusaglie che non si usano piu' e di cui ci si vuole sbarazzare, si mette un annuncio on line su qualche sito locale o si mettono dei cartelli per strada e in pratica si fa una svendita del materiale di cui ci si vuole sbarazzare.

L'idea e' geniale, perche':
- le cose continuano a vivere (e quindi si inquina di meno),
- chi vende si fa pure 2 soldi,
- chi compra trova cose a buon prezzo e solitamente in buono stato.

L'altra settimana siamo stati al nostro primo garage sale, ma eravamo arrivati tardi e ormai non c'era quasi piu' niente (eh, gli americani sono mattinieri, anche il week-end!).
Quindi sabato abbiamo messo la sveglia appositamente e alle 10 siamo arrivati al sale prescelto (ogni week-end ce ne sono diversi, ma noi ci limitiamo a quelli vicino casa). C'era un po' di tutto: giochi in scatola (sono stata tentata dallo Scarabeo, ma poi ho rinunciato con la speranza di trovare invece il Paroliere in futuro), libri, giochi per bambini, una bici, vestiti e scarpe,accessori per la cucina e per il bagno, un tappeto enorme, una lampada, piccoli mobili....

e alla fine abbiamo comprato qualcosa, qualcosa che avevamo deciso di comprare sin dai primi giorni in California ma avevamo sempre rimandato... le sedie da campeggio!! :-)
Gli americani le usano spesso e non solo in campeggio: in spiaggia e al parco sono diffusissime, ma anche quando c'e' qualche manifestazione (mi ricordo per esempio la sfilata di natale delle barche decorate con le luci) spesso se le portano dietro, per non parlare di quando fanno i pic-nic :-)
E visto che quest'estate ci aspetta il campeggio, visto che erano 2 in buone condizioni e a buon prezzo, le abbiamo prese subito.
Sono inoltre dello stesso colore della tenda!
Si ripiegano, si infilano nel porta sedia e hanno la cinghia per portarle in spalla.
Ah... ovviamente hanno il buco porta-bibita sul bracciolo! :-D

E poi ho ripensato alla nostra cantina a roma, piena di "cianfrusaglie", che non si usano piu', ma che buttare e' un peccato.... e alla cantina dell'ex casa del marito... e a casa dei miei, che e' tutta piena di oggetti non piu' utilizzati ma utilizzabili....

5 commenti:

Sara ha detto...

io adoravo la cantina di mia nonna... ogni volta che andavo lì rimanevo incantata a vedere tutti quegli oggetti appartenenti al passato: vecchie bambole di quando le mie sorelle erano piccole, scarpe di quando mia nonna era giovane, vestiti di colori vivaci, lampade, libri... che poesia!...
:-)

Anonimo ha detto...

Sì, anch'io amo i ricordi e adoro passare il tempo a rovistare ma quando poi c'è così tanta roba che non puoi neanche entrare a rovistare allora è proprio arrivato il tempo di eliminare!!!!! Basta tenere le cose che veramente ci ricordano qualcosa e buttare il resto...
ecco le garage sale sono una cosa che l'italia dovrebbe proprio importare dall'america.
Ma noi italiani siamo un pò troppo snob per comprare roba usata...peccato!

Anonimo ha detto...

Scusa ho dimenticato di firmarmi

ciao
Silvia

Marica ha detto...

poesia? insomma :-)
io le chiamo cianfrusaglie e sono per il buttare il piu' possibile :-)

si silvia, anche secondo me in italia siamo un po' troppo snob per comprare usato.... peccato!

Lucia ha detto...

Noi non avendo uno spazio per farlo, ce ne siamo inventato uno virtuale:

http://riciclone.wordpress.com/

Funzionerà ?