8/16/2010

387 - ricominciamo

E cosi sto ricominciando.
Quello che e' certo, e' che stavolta voglio essere piu' leggera, preoccuparmi il meno possibile, anzi pensare proprio ad altro, come quando vado dal dentista...

In realta', nonostante tutti i miei buoni propositi, sono rientrata nella fase "infante intollerante", vale a dire "non mi mettete un bambino davanti, che rischio di metterlo sotto con la macchina... accidentalmente" :-)
E gia' penso alle vacanze di natale, quando avro' si l'onore di conoscere 4 nuovi bambini.... ma spero di non avere l'onere di sentire i "ghirirghirighiri" e i "puffipuffipuffi" e i "gagagagagagaga" di 6 mamme (sempre con tutto il rispetto....).

A volte mi chiedo perche' non sia buon costume dire "quanto sono bella, quanto sono figa, quanto sono intelligente, ecc", ma sia tollerato sentirsi dire "quanto e' bello mio figlio, quanto e' figo, quanto e' intelligente"...
Perche' non e' normale che una magra figa vada da una cicciotella (che non vuole essere cicciottella) e le dica "uh, guarda i miei glutei, come sono definiti, guarda i miei addominali, guarda il mio interno coscia", mentre e' normale che le mamme dicano del proprio bambino "guarda che bel culetto, guarda che pancino, guarda che guanciotte"? e alla fine magari ti spara un "ma dai, prendilo in braccio", come se la magra figa dicesse alla cicciottella ... beh, non me lo fate scrivere.
Perche' non e' normale che uno laureato stia tutto il tempo a parlare della sua laurea con un altro che non ce l'ha (e non per scelta), mentre le mamme stanno tutto il tempo a parlare dei loro bambini?
Come se uno ricco perche' ha vinto alla lotteria andasse a farsi il bello con chi lavora 10 ore al giorno per mantenere famiglia.

Sono ufficialmente autorizzata a dare la colpa agli ormoni per quello che ho appena scritto.

Ma voi mamme, state attente ai vostri bambini.
E per la vostra e la mia felicita', non me li mettete in braccio se io rispondo "NO grazie" alla domanda se voglio prenderlo in braccio.
Se miracolosamente dovessi chiedere io di prenderlo in braccio, fidatevi pure.

Grazie.

8 commenti:

Emigrante ha detto...

No, non stai bene :-)

nonsisamai ha detto...

ormoni, la rovina del genere femminile!! ;)

Marica ha detto...

emigrante: ahahaha :-)

nonsisamai: meno male che c'abbiamo la scusa degli ormoni o del ciclo, cosi sappiamo a cosa dare la colpa quando stiamo un po' girate :-)

Sofficina ha detto...

Hai tutto il diritto.
Hai tutto il diritto di essere acida, hai tutto il diritto di veder rispettato il tuo disagio, hai tutto il diritto di ricordare a noi mamme di non essere bambino-centriche. Perché in certe situazioni è proprio fuori luogo, e in generale non fa bene neanche a noi (né tantomeno alla creatura).
Quindi, grazie di questo monito!
Un abbraccio

Anonimo ha detto...

l'altra sera sono andata a trovare una mia amica, ha appena partorito. La nonna mi ha messo la piccola in braccio per forza. Non ho avuto manco il tempo di dire di No. Che poi a mio agio con un bimbo cosi' piccolo non mi ci sono mai sentita.
E' finita che l'ho tenuta in braccio come fosse cristallo, sembravo l'unica impacciata della situazione. Poi l'ha messa in braccio a Strazioman, e con lui si e' addormentata subito subito! (e' proprio femmina :))

ascoltare certe mamme parlare dei loro figli e' una scocciatura, a priori, a prescindere dalla tua storia personale. Diventano davvero insopportabili. Quando poi la tua storia personale e' in un certo modo, diventano ancora piu' insopportabili.

valescrive

Marica ha detto...

sofficina, grazie delle tue parole....
cmq io non dico che tutte le mamme siano cosi (per esempio c'e' la mia ex collega Giuliana che a volte andrebbe rimproverata per il contrario :-P )... e non dico nemmeno che le mamme non dovrebbero essere orgogliose dei loro figli, anzi, ci mancherebbe... e' solo che a volte magari si esagera... certo, senza cattiveria :-)
grazie a te :-)

valeria: ahahah, ti capisco benissimo! a febbraio mi hanno messo in braccio sto cosetto per forza e non sapevo proprio come reggerlo e tutti a dirmi "no, non cosi", "no, non cola'"... e che palle! riprendetevelo!! :-)

sofficina ha detto...

è vero che non tutte le mamme sono così, ma è anche vero che l'esperienza è molto totalizzante, e a volte "ci facciamo prendere la mano". Per me ad es. è stato importante rientrare al lavoro, per riappropriarmi di uno spazio mio dove parlare di altro che non sia quanto mangia o dorme, o dei suoi progressi. Il mio blog ne sta invece ancora risentendo, trattandosi di un diario che, tra l'altro, ultimamente aggiorno anche pochino. Però, in fondo, anche lì sarebbe ora di cambiare argomento... magari ci scriverò sopra un bel post! ;-)

Marica ha detto...

:-)