9/28/2010

453 - dare i voti ai dottori

Mi riallaccio al post di oggi di nonsisamai, sulle differenze tra dottori in italia e in USA.
Come ho scritto anche tra i commenti al suo post, mi pare che qui ci sia piu' attenzione su come si sente il paziente, nel senso di sentirsi a proprio agio... c'e' piu' cura nei dettagli... tipo l'infermiera che ti prende per mano quando si accorge che stai soffrendo... o la receptionsit che ti dice "good luck"... cose cosi'...
Certo, non e' questo che fa un buon dottore, ma aiuta!

Cmq... mi sono ricordata che giovedi mi avevano dato, tra le varie scartoffie, un survey da compilare e rispedire.
In pratica mi chiedono:
- pensi che il personale del centro e' stato di aiuto e si e' mostrato interessato a te? (con voci diverse per receptionist, infermiere e dottore)
- ti sono state date spiegazioni e informazioni in misura adeguata?
- le seguenti aree erano pulite, calde e confortevoli? (specificando waiting room, operating room, recovery room e... bagno!)
- raccomanderesti questo posto a un amico?
e poi mi chiedono di dare un punteggio a tutta una serie di voci, tra cui per esempio i tempi di attesa, la competenza dello staff, l'availibility del dottore, ecc.

E sul foglio c'e' scritto che i risultati di queste risposte serviranno a migliorare la qualita' del servizio. E io ci credo! (se mai fosse migliorabile :-) )

Oltre a questo, c'era un altro foglio in cui mi si invita a dare il voto al dottore su un certo sito (che e' questo qui), per fare in modo che gli altri ne possano beneficiare.
Ed e' sempre utile vedere come e' valutato un dottore dagli altri utenti!
[in italia come si sceglie uno specialista? io mi sono sempre basata sul passaparola]

Ho quindi curiosato nel profilo del mio dottore.
Ok, ha 4.5 di media (il massimo e' 5) e sono contenta.
Ho letto le review, ho visto dove ha studiato, ecc.
Ma c'e' una cosa che mi ha lasciata perplessa!
Nella pagina "sanctions & malpractice" c'e' una nota di "professional misconduct", in base alla quale pare che il dottore nel luglio dell'anno scorso abbia mandato un email a non so chi spacciandosi per il marito di una cliente e buttando fango su degli altri specialisti :-/
Questo non intacca sulla sua prestazione prettamente professionale, ma saperlo mi fa un certo effetto...

Insomma, qui si devono comportare bene, perche' in caso contrario le cose si vengono a sapere!! :-)

15 commenti:

Anonimo ha detto...

Secondo me ci sta un motivo ben preciso dietro la survey: vogliono sapere, in media, cosa interessa di piu' al paziente e cosa meno. C'e' concorrenza tra ospedali perche' ci sono un sacco di soldi da perdere o guadagnare. (Nelle universita' c'e' una situazione analoga, vogliono dagli studenti giudizi sui docenti: perdere studenti significa perdere una fonte primaria di guadango.) Quando l'assicurazione ti manda il conticino a casa di quanto sia costata la "visita" ospedaliera, ci si rende conto di tante cose...

Comunque, a parte tutto, spero che la tua "visita" sia ben riuscita.

Marica ha detto...

sisi, senz'altro... il tutto e' finalizzato ad avere piu' clienti e quindi piu' soldi...

Valeria ha detto...

Certo in america le cose funzionano meglio...per chi ha soldi e l'assicurazione,però...ok in Italia non tutti i medici sono affidabili(guarda tutto quello che succede ogni giorno negli ospedali)e ci si basa sul passaparola...non sarebbe male creare un blog o qualcosa sulla rete che raccolga opinioni e valutazioni su ogni singolo medico,tipo come si fa per i luoghi di vacanza...spero tutto bene,un sorrisone

Giuliana ha detto...

Mi dispiace Marica...ma io mi trovo pienamente d'accordo con Anonimo...la professionalità dei medici americani è tarata in base ad un unico task...money, money, money....i nostri non stanno meglio, certo, anche questo è vero.
Ma se un americana (indipendentemente dalle leggi) viene a vivere in italia e dopo due mesi impanicata si rivolge ad un professionista, difficilmente questo gli consiglierà la pma. Magari conosciamoci...vediamo dove sta il problema...molto probabilmente è solo psicologico, poi piano piano andiamo a fondo alla cosa e cerchiamo di risolverla.
Non è questione di assicurazione e di chi paghi il conto alla fine....è una questione di buon senso!
Scusa, ma ci tenevo a dirtelo....perchè io credo in te...credo in questo tentativo e, speriamo non ce sia bisogno, negli altri che dovessero venire. Ma credo che la battaglia la vincerai te con le tue forze....non con quelle dell'assicurazione che paga il conto.
FORZA MARICA!!!
SIAMO TUTTI QUI OLTRE OCEANO A FARE IL TIFO PER TE!

gG ha detto...

...mi ricordo una storica puntata di scrubs in cui tutti andavano a vedere su sto sito fantomatico quale medico era il primo in classifica!

Anonimo ha detto...

Io vorrei sfatare il mito della "sanità pubblica" Italiana...
Siete proprio convinti che sia così semplice? Guardate che anche qui con le tasse dittatoriali imposte la paghiamo SALATISSIMA, forse anche di più dell'assicurazione in America.
La differenza? Qui i soldi se li ciucciano i politici e gli ospedali fanno schifo. Gli appuntamenti te li danno dopo mesi e fai in tempo a crepare.
Soluzione? Cliniche private! Costo? Identico a quello americano.

Oltretutto i medici bravi e i ricercatori se ne vanno all'estero...
A.

Marica ha detto...

giuliana: in italia nessun dottore consiglierebbe la pma dopo 2 mesi perche'... non si puo' fa'!
ci sono tante cose che in italia non si possono fare... e anche i tempi per farle sono diversi, cioe' in italia la prassi e' "se dopo 18 mesi di tentativi non sei riuscita a restare incinta, iniziamo a monitorare l'ovulazione", qui invece e' "se dopo 9 mesi non sei riuscita a restare incinta, facciamo qualcosa di concreto!" :-)
e cmq... qua l'assicurazione non paga un bel niente in tema di fecondazione :-(

gG: ahahahha!
[ecco cosa posso vedere, scrubs! ho provato con ugly betty ma ho abbandondato dopo 4 puntate, con grey's anatomy mi sono fermata alla sigla e ieri avevo rispolverato beverly hills 90210]

valeria: vero! si fa con i luoghi di vacanza, ma non con i dottori...

Marica ha detto...

anonimo, stai cercando di dirmi che la sanita' in italia costa piu' che in usa?
ti invito a vedere i grafici di pagina 7 e 8 di questo documento:
http://assets.opencrs.com/rpts/RL34175_20070917.pdf,
a rileggere questo mio post http://vitaasandiego.blogspot.com/2009/12/105-quanto-costa.html e il relativo articolo di repubblica che viene linkato.

Anonimo ha detto...

Marica,

(sono Anonimo n.1, non n.2) io non so dove la sanita' costi di piu', pero' penso che il quesito da proporre sarebbe di quanto dovrebbe costare (per assistito). Ricordo che qualche anno fa, in Inghilterra, c'era una migrazione sostenuta di infermieri/e verso gli USA, per via del salario migliore... ed un flusso di sanitari dall'europa dell'est verso l'Inghilterra...

Marica ha detto...

anonimo 3 coincidente con anonimo 1, in un mondo perfetto la sanita' dovrebbe essere accessibile per tutti a prezzi ragionevoli!
vediamo ora cosa succedera' con la riforma sanitaria qui in america...

Anonimo ha detto...

Marica,

e, soprattutto, non dovrebbe dipendere da quanto paghi...

mmm... mi sa che i mondi perfetti sono ancora da scoprire...

Marica ha detto...

sisi, ovvio, indipendentemente da quanto si paga! :-)

Giuliana ha detto...

A me non sembrava fossero passati nove mesi da quando hai cominciato a parlare di pma in america, e come ti ho sempre detto non mi sembrava nemmeno ci stessi provando da due anni prima di partire....viste le lunghe assenze del marito, gli stop forzati causa vaccini o i non tentavi consecutivi.
Peggio mi sento se in una situazione tanto delicata l'assicurazione non ti copre.
Ad ogni marica spero davvero tu non prenda questi miei commenti come critica, ma come un ultimo tentativo di speranza....come un modo per dire "è solo nella tua testa che non puoi"...anche se sono la meno indicata per dirti "posso solo immaginare che in realtà, quand'anche le cose stessero così....è in ogni caso difficilissimo".

Scrubs è l'unica insieme ad Ally Mcbeal che riesca a seguire (proprio perchè le puntate sono indipendenti) ed è veramentte divertente!

Marica ha detto...

Giuliana, sisi lo so che me lo dici con il cuore in mano, cioe' speranzosa :-)
ma ti assicuro che di tempo ne e' passato un bel po'...

nonsisamai ha detto...

certo che alla fine, quando stai male, che i medici ti trattino bene per i soldi o per passione, non ha cosi' tanta importanza e lo dico per esperienza. piu' di quanta avrei voluto averne purtroppo. quando stai male hai bisogno del meglio, non c'e' niente da fare. poi pensi al conto da pagare.