6/25/2010

349 - out of blog

Per una decina di giorni saro' fuori dal blog.

Ma anche irrangiungibile per e-mail.
Tantomeno mi troverete sul facebook.

E saro' irrangiungibile al cellulare (nei parchi non sempre prende... nel dubbio vedro' di non accenderlo :-)).

Mi disconnetto dal mondo.

Per comunicazioni urgenti potete contattare il marito, che lui invece non credo vorra' disconnettersi piu' di tanto.

Orso permettendo, ci si sente tra una decina di giorni.

Buone cose a tutti!

348 - flowers (parte 2)



Ecco qui altri 6 fiori!
Non sono propriamente soddisfatta, perche' in alcuni casi non avevo il giallo (l'ho sostituito con il verde) o altri colori adatti, a volte ho mischiato filati di spessore diverso con risultati poco soddisfacenti, e in altri casi ho fatto un po' di pastrocchi! :-)
Il fiore quello grande in basso e' stato particolarmente faticoso...
E di altri due fiori mi sono semplicemente copiata il pattern.


Intanto ho realizzato la prima spilla!
Ho comprato delle "back pin" con dei buchi e ho cercato di cucirci quella che sarebbe la rosa.... dietro e' venuto un bel casino, ma per fortuna non si vede :-)
L'ho attaccata alla borsa e ho iniziato a portarla in giro :-)

6/24/2010

347 - incontri!

Incontri di vario tipo da raccontare.

Martedi sono uscita con la ragazza che avevo conosciuto al meet-up della scorsa settimana. Siamo andate a balboa park, abbiamo fatto una passeggiata, e poi, siccome lei ha l'abbonamento annuale allo zoo, mi ha fatto entrare gratis.
E' un anno che dico al marito "andiamo allo zoo, andiamo allo zoo" e avevamo deciso di andarci a luglio, dopo le vacanze, quindi sono stata contenta di questo fuori programma, ma alla fine della visita mi e' rimasto addosso una sensazione di tristezza.... perche' e' vero che le gabbie sono "aperte" e che sono grandi, ma ... in confronto agli spazi a cui sono abituati questi animali sono cmq piccole :-(
E quindi ora ho letto qualcosa sullo zoo (da wikipedia e dal sito dello zoo), e ho letto dell'impegno per la conservazione delle specie, della banca dello sperma e delle uova :-), dell'inseminazione artificiale, del rilascio periodico di alcuni animali in natura...
Il problema e' alla base.... e' un controsenso riprodurre artificialmente animali che si stanno estinguendo per colpa di quello che abbiamo fatto a loro o al loro habitat... ma in extremis meglio farli riprodurre cosi e poi rilasciarli, che farli estinguere....
Una sensazione "cosi" addosso... pero' non potro' fare a meno di andare a risalutare il pandino dal vivo :-)

Ieri invece sono andata di nuovo al meet-up e mi sono portata anche un'amica!
Stavolta in tutto eravamo solo 6, cmq ho avuto modo di ascoltare gli altri parlare e di dire qualcosa a mia volta.
La passeggiata e' stata molto bella, abbiamo visto bei paesaggi e... siamo passati attraverso la spiaggia dei nudisti!
Quando l'organizzatrice ci ha detto dove stavamo andando non mi sono preoccupata piu' di tanto, dato che erano le 18:30 (ora di cena per l'americano medio) e il cielo era tutto coperto... ma invece c'erano!! Per fortuna pochi :-)
La cosa piu' buffa e' stato vedere quest'uomo che passeggiava tranquillamente nudo, ma con lo zaino sulle spalle :-)
E ho pensato inevitabilmente a quello che aveva scritto valeria tempo fa... dato che questo tipo era tutto, ma dico tutto depilato!!!! :-/

Purtroppo ho fatto poche foto, in parte perche' non volevo immortalare nudisti, in parte perche' il passo era abbastanza sostenuto.
Giusto un paesaggio e ... una casa da sogno!


6/23/2010

346 - preparativi

Ho comprato crema per il sole "versione sport", crema idratante, igienizzante per pulire le mani.

Oggi ho tirato fuori i sacchi a pelo e li ho aperti per far prendere un pò d'aria.

Un mesetto fa abbiamo comprato i tappetini e le sedie da campeggio...eh, che lusso quando non bisogna portare le cose in bici!

Ho fatto la lista delle cose da portare, cosi magari non dimentichiamo niente.

Ho riletto le regole di comportamento nel caso di incontro con l'orso.

Ho finito di sistemare il foglio excell con tutti gli indirizzi dei campeggi, ostelli, b&b e similari dove dormiremo.

E questa è la mappa!


View Larger Map

P.S. partiamo sabato!

345 - un favore a te, un favore a me

Io ti aiuto ad accompagnare i bambini nelle varie giostre del luna park... e tu mi annaffi le piante mentre sono in vacanza.

Tu mi aiuti con il materiale relativo all'immigration... e io vedo se gli zii hanno il b&b ancora libero per quando ti serve.

Tu mi aiuti con i dubbi dell'ultimo secondo relativi alla grammatica inglese... e io ti porto gli scatoloni per traslocare.


Magari i rapporti umani fossero sempre cosi, basati sulla fiducia e sul reciproco aiutarsi :-)

6/22/2010

344 - flowers



Ecco i miei primi fiori all'uncinetto! :-)
Sono molto soddisfatta, anche se alcuni non sono venuti esattamente come dovevano venire, ma realizzandoli ho capito gli errori, quindi la prossima volta andra' meglio! :-) Ho preso un libro in prestito dalla biblioteca su come fare i fiori all'uncinetto (e ai ferri) e ne ho selezionati una quindicina da realizzare.
Dovrei finirli entro venerdi sera, visto che poi partiamo.. ce la faro'?

Intanto... la copertina a quadri che avevo intenzione di realizzare per "un qualsiasi figlio di una qualsiasi amica"... beh, e' inutile essere ipocriti, ma proprio non ce la posso fare, nonostante le buone intenzioni... perche' e' bello andare in un negozio, passarci una mezzora e comprare un pensierino, ma fare una copertina no, e' troppo.
Quindi e' stata messa da parte.
Gli amigurumi... dopo aver realizzato il cocci-mostro ho capito che non sono il mio forte, ma cmq voglio provare a farne altri.
Intanto mi sono buttata sui fiori... e mi sta anche girando in testa qualche idea su come utilizzarli :-)

6/21/2010

343 - uscita pomeridiana

Sono uscita per andare al mare a prendere il sole.
Ma dopo 2 minuti in costume mi sono dovuta rivestire per il freddo.... devo capire che il posto migliore per prendere il sole non e' il mare, bensi' la piscina condominiale...

Cmq ho fatto un po' di foto.






342 - rimedi naturali contro l'incavolatura

Jovanotti a palla.
E cantarci sopra.

Safari!

6/20/2010

340 - i misteri!

Leggendo il post di ali, oltre a farmi due risate, mi e' venuta la curiosita' di controllare se co fosse qualcosa di strano anche nel mio caso.

E cosi' ho scoperto che ci sono persone che sono arrivate nel mio blog cercando le seguenti espressioni:

- come fa l'amore il bradipo,

- diego fa la cacca,

- gatti ed escrementi indesiderati,

- giappone superminigonna,

- la donna piu' vecchia del mondo ha 156 anni,

- puzzette,

- regina dei pacchi in english,

- trapano come si mette la vite,

- tre puzzette al lavoro,

- trovare marito americano san diego.



Quella del bradipo e' la mia preferita! :-)

339 - la fiera

Ieri siamo andati alla fiera.
Non sapevo di preciso di cosa si trattasse, e dopo averla vissuta posso dire che e' stata un'esperienza molto americana :-)

Siamo andati insieme alla nostra vicina di casa, i suoi due figli (maschio e femmina) e un'amica della figlia.
Gia' andando c'e' stato il primo momento di stupore, dato che abbiamo preso una navetta dal parcheggio di scambio e quando si trattava di scendere.. sorpresa!
In italia tutti si sarebbero alzati contemporaneamente e tutti avrebbero cercato di scendere per primi. Qui no. Si sono alzati quelli delle prime file e sono scesi, poi quelli delle seconde file, poi quelli delle terze ecc... in maniera perfettamente ordinata! :-)


In cosa consiste la fiera... scriverlo e' un po' come fare il riassunto di Lost (si riduce a una cavolata), ma ci siamo divertiti molto.
C'erano degli stands di vari tipi di prodotti per la casa, c'erano dei fiori in esposizione (che avevano partecipato a una competizione), c'erano alcuni che lavorano il legno, poi c'erano quelle che io chiamo "le giostre" (insomma, quelle cose da luna park), c'erano degli animali in esposione (ma animali domestici, tipo galline, oche, galli, mucche, pecore e maiali...), degli spettacoli e soprattuto tante cose da mangiare! :-)

Abbiamo camminato tantissimo, io poi ho accompagnato il ragazzino (di 9 anni) sulla ruota panoramica, mentre il marito ha accompagnato la ragazzina (di 12 anni) su una di quelle giostre che... che alla fine quando e' sceso stava per vomitare (lui, non lei)! :-)

Abbiamo visto una di quelle "gare" con delle macchine "usa e getta", il cui solo obiettivo e' quello di scassare le macchine degli altri :-)
Abbiamo mangiato (anzi, il marito ha mangiato) la pannocchia di mais e il cosciotto di tacchino, che e' quella cosa mostruosa che si vede a volte nei cartoni animati :-)

E alla fine abbiamo bevuto esattamente quella bibita che beveva Juno (nel film "Juno" per l'appunto), quel bibitone blu che io mi sono sempre chiesta cosa cavolo fosse, e che lasciava la lingua blu! Anzi, i ragazzini hanno preso la versione blu (dal blue-berry o qualcosa del genere) e poi ci hanno fatto ammirare la lingua :-), mentre io mi sono limitata a un piu' naturale rosso ciliegia.

A lot of fun :-)

6/18/2010

338 - gloom

Sono andata in palestra stamattina e fuori sul prato c'era il gruppo dei bambini piccoli, quelli del nido della palestra, tutti sui 2-3 massimo 4 anni. Bellissimi.
Erano intentissimi a guardare una tartarughina.
E io guardavo loro. E qualcosa mi si e' mosso dentro.

Sono andata a fare la spesa e sono passata davanti al centro dove fanno danza.
Fuori c'erano una decina di bambine sui 5-6 anni, con il bodino rosa, la calzamaglia bianca, i capelli raccolti in una crocchia o in una coda alta.
Erano bellissime. E io le guardavo.
E qualcosa ha continuato a muoversi.
E mi si sono inumiditi gli occhi.

Poi sono tornata a casa, ho messo la spesa a posto.
Ho fatto un giro dei blog.
E ho letto una notizia bellissima. Fantastica.
Ma non ho potuto fare a meno di piangere.

Sto bene, guardo quello che ho.
Ci provo. E' da quando "abbiamo chiuso il capitolo" che sto bene.
Ho deciso di non pensarci per un po', almeno per tutta l'estate.

Ma ci sono dei giorni che non ci riesco.

337 - una certa logica c'e'

Allora: io sto qui a casa per la maggior parte del mio tempo, cioe' anche se vado in palestra, al mare, a fare inglese, al meet-up, a fare la spesa, essenzialmente sto a casa. E ho voglia di un cagnolino. Ma non lo voglio prendere perche' il futuro e' incerto e non voglio poi lasciarlo tutto il giorno a casa da solo quando lavorero'.

Non i miei vicini di casa, ma i vicini dei vicini hanno un cagnolino, ma lo lasciano tutto il giorno a casa da solo. E questo abbaia tutto il giorno, poveretto. E nonostante io abbia la radio accesa, cmq lo sento. E mi dispiace per lui.

Insomma, io qui sola senza cane, lui li solo senza padrone.

Mi piacerebbe andare da questi vicini e proporre di tenergli il cagnolino durante il giorno. Una certa logica c'e', sia io che il cagnolino saremmo piu' contenti.
Ma il marito mi fa notare che non e' "carino" nei confronti di questi qui... dice che e' come andare e dirgli che non sono in grado di badare al loro cane.

Ma lui abbaia e a me dispiace.

336 - dal passato 2 (post per pochi)

Ieri alla radio hanno mandato questa canzone.

E' inevitabile, ogni volta che l'ascolto ripenso a quando andavamo al Qube o al Classico Village, rigorosamente con i notturni.
E a me piaceva Armandino :-)

E ovviamento ripenso a Nikla e a tutta la combriccola :-)
E per estensione ripenso ai tempi di Sacco Pastore e di via Sabrata. :-)

6/17/2010

335 - dal passato

Sara' che ieri il marito alle 9:30 pm e' uscito dicendo "devo correre in ufficio" e poi e' tornato (a quanto dice) alle 2.30 am.
Sara' che stamattina e' uscito per andare a lavoro in pantaloncini (per la prima volta) dicendo "e che cavolo, almeno mi metto i pantaloncini!" ed e' letteralmente sparito (di solito ci sentiamo almeno via chat, ma oggi e' stato sempre offline).
Sara' che gli ho pure mandato un sms a cui non ho avuto risposta.

Mi e' venuta in mente questa pubblicita'!

:-)

334 - e allora pure io! :-)

Oggi ho letto diversi post che parlano in qualche modo del rapporto di coppia, e allora pure io! :-)

Dice Lorenzo:
"Se rimaniamo insieme potremo anche volare
potremo attraversare questo mare
se rimaniamo insieme nelle diversità
insieme scopriremo la nostra unicità

se noi si resta insieme saremo la continuità
se rimaniamo insieme sarà vera libertà
per la vita che verrà (2v) tu non sarai mai sola

se rimaniamo insieme se ci diciamo tutto
se insieme seminiamo insieme coglieremo il frutto
se noi si resta insieme sarà una meraviglia
se rimaniamo insieme saremo una famiglia
per la vita che verrà (2v)
tu non sarai mai sola sotto questo cielo
io non sarò mai sono sotto questo cielo

noi rimarremo insieme se noi ci capiremo
se ci perdoneremo gli sbagli che faremo
noi rimarremo insieme se avremo volontà
se riusciremo insieme a darci libertà

per la vita che verrà
per la vita che verrà (2v) tu non sarai mai sola
sotto questo cielo, io non sarò mai solo, sotto questo cielo
per la vita che verrà (2v)
tu non sarai mai sola, MAI ! "

Questa canzone mi e' sempre piaciuta, tanto semplice quanto bella, e nasconde verita' profonde, parla di un rapporto di coppia basato sulla sincerita' e sulla liberta' reciproca. Per me e' un modello.

Tempo fa.. taaaanto tempo fa, ero gelosa. Certe cose che faceva lui non mi andavano bene, cosi come non mi andava bene il suo "non essere geloso". Diverse volte ne abbiamo discusso e ne abbiamo litigato. Non mi dimentichero' mai la scenata su via del corso :-)

Ma poi abbiamo fatto un percorso. Lui ha cercato di farmi capire, e io ho cercato di capire. E alla fine io sono riuscita a superare la mia gelosia.
Perche' non e' giusto che uno non possa frequentare delle persone a causa della gelosia ingiustificata dell'altro. Non e' giusto non poter avere amicizie con delle persone solo perche' hanno attributi sessuali diversi dai nostri. Perche' poi nascono le cose fatte di nascosto, nascono i rancori, nascono le repressioni. E io non volevo che questo succedesse.
Ho capito.

Ed e' nato un rapporto in cui lui e' andato diverse volte a trovare la sua ex in svizzera (dormendo pure a casa di lei), cosi come lei e' venuta a roma a casa nostra. Un rapporto in cui, quando lui era via da casa per mesi, io ho potuto frequentare le mie amiche cosi come i miei amici. Un rapporto in cui ho sempre potuto chiedere con tranquillita' a un amico, cosi come a un'amica, di fare due passi.
Un rapporto in cui io so (e viceversa) che se faccio qualcosa di sbagliato sono io la prima a rimetterci.

La liberta' nella coppia.

333 - il meet-up

Va bene che mi piace camminare, ma ieri credo di aver esagerato, tant'e' che oggi per salire e scendere le scale devo reggermi alla ringhiera.

Quando siamo arrivati a San Diego non sapevo cosa fosse il Meet-up, ma ogni tanto ne sentivo parlare, poi ho trovato il sito, e ho scoperto che e' un modo per incontrare persone con gli stessi interessi.
E' molto semplice: basta digitare la citta' dove si vive e a cosa si e' interessati ed escono fuori dei gruppi, ci si iscrive e poi si puo' partecipare agli incontri che vengono organizzati periodicamente.

Sotto suggerimento di Daniela (in un commento a un mio post), mi sono iscritta al gruppo "San Diego Walkers", e ieri ho fatto la mia prima uscita!

Il problema e' che ho esagerato... nonostante sapessi che durante l'incontro avremmo camminato per 5 miglia a passo sostenuto, la mattina sono cmq andata in palestra (e ho fatto un'ora di lezione.. e che lezione! c'era "ultimate burn"!), poi sono tornata a piedi dalla palestra (1.3 miglia), sono quindi andata a prendere l'autobus a piedi per andare a lezione di inglese (2.4 miglia), e dalla lezione di inglese sono andata a piedi al meet-up, dato che era a solo 1 miglio di distanza.
Sono arrivata che ero gia' stanca! :-)

Il gruppo che mi sono trovata davanti era composto da 12 persone, tutte piu' grandi di me, in particolare c'era un signore che sicuramente aveva piu' di 70 anni e che mi faceva tenerezza...
Abbiamo iniziato a camminare a passo spedito e piu' o meno a parlare.
Durante il percorso ho parlato con 4 persone e con l'organizzatrice! Un record per me! Abbiamo camminato lungo strade che non conoscevo e ho ascoltato storie di persone diverse da me, quindi l'esperienza mi e' piaciuta molto.
E il "tenero signore 70enne" alla fine ci ha spiazzato tutti dandoci uno stacco di diversi minuti su una salita ripidissima! Alla faccia dell'eta'! :-)

Alla fine pero' e' successa una cosa strana.
L'organizzatrice (dal temperamento hitleriano devo dire....), dopo aver scoperto la mia nazionalita', mi fa "ah, io conosco un ragazzo che si chiama marco, e' portoghese, ma conosce tanti italiani".
Al che ho risposto "ok....", giusto per non rispondere "kissene" :-).
Poi la vedo armeggiare col telefono, parlare con qualcuno, porgermi il telefono e dirmi "ecco, parla con marco, in italiano" :-/
PANICO!
Primo, a me non piace parlare al telefono in generale. E secondo detesto parlare al telefono con gli sconosciuti. E terzo se sono uomini la cosa mi imbarazza ancora di piu'. E quinto se lo sconosciuto e' un uomo portoghese che si dice parli italiano, la cosa mi imbarazza ancora di piu', perche' non solo non so COSA dirgli, ma nemmeno in che lingua e a che velocita' dirglielo! grrrrr!
Per fortuna la linea e' caduta un paio di volte, perche' davvero non sapevo cosa dirgli!
Il fatto che io sia italiana non vuol dire che mi fa piacere parlare o passare il mio tempo con chiunque parli italiano! Anzi, sono andata a quel meet-up per parlare inglese e conoscere americani!!!
Insomma, la cosa mi ha un po' infastidito, anche perche' poi lei si e' presa il mio numero di telefono e ha detto che l'avrebbe dato a sto marco....

La cosa positiva e' che pero' c'era un'altra ragazza che ha preso il mio numero di telefono e mi e' sembrata simpatica, anche lei alla domanda "che lavoro fai?" ha risposto "cerco lavoro" :-P, e prob settimana prossima ci vediamo :-)

6/16/2010

332 - Cocci-mostro

Dopo tanta fatica, dopo tanti "prendi e lascia", alla fine mi sono messa di impegno e ho finito il mio secondo amigurumi.
C'e' solo un problema: non e' venuto come doveva venire!
Ho seguito le istruzioni passo passo, eppure il risultato non e' quello sperato.
Doveva essere una coccinella... invece e' un incrocio tra una tartaruga e il gobbo di notre-dame....
Per cui e' stato battezzato "Cocci-mostro".


C'ero rimasta davvero male.... ma quando il marito l'ha visto se ne e' praticamente innamorato! :-)
Ha detto che nella sua bruttezza risulta dolce.
E poi ha aggiunto "proprio come te...".
...?....

Cmq gli e' piaciuto tanto che se lo e' portato a lavoro e ha deciso di tenerlo in ufficio come compagno di stanza.
Intanto mia mamma, che l'ha visto per foto, ha detto che ne vuole uno pure lei...

Viva il cocci-mostro! :-)

6/15/2010

331 - yolates

Stamattina sono andata in palestra con l'obiettivo di provare Yolates (che è un ibrido tra yoga e pilates).
Mentre fuori aspettavamo che la lezione precedente finisse, ho preso il coraggio a due mani, sono andata dall'istruttrice e le ho detto che era la prima volta che provavo la lezione e le ho chiesto se fosse un problema che non avevo mai fatto yoga prima.
Lei mi ha detto che non c'era problema (magari di comprare il tappetino apposito per la prossima volta) e che mi avrebbe tenuto sott'occhio, poi mi ha chiesto il nome.
"Marica", "What a strange name... where are you from?", "I'm from Italy...", "oh, ma io parlo italiano, che bello!",
e io "che bello! parli italiano!!!" :-D

Mi ha detto che 24 anni fa è stata in Italia per un anno (a forli)... la cosa mi ha stupito perchè parla italiano benissimo!!
Io dopo 8 anni di francese studiato a scuola mica sono in grado di parlarlo cosi :-(

La lezione è stata molto carina.
E anche faticosa, non me l'aspettavo!
Di solito gli addominali sono il mio forte durante le lezioni (ehm, relativamente agli altri muscoli...), ma oggi proprio non ce la facevo a starle dietro!
E poi lei è molto brava, riesce a seguire tutti dando consigli dove necessario.
E ogni tanto mi diceva qualcosa in italiano :-)

Contenta!

Ora devo comprare il tappetino :-P

330 - usi e costumi californiani

Domenica, andando al mare, siamo passati a comprare un costume da mare californiano per il marito (che dice che i suoi sono troppo italian style).

Entriamo in questo negozio, vediamo i vari costumi, tutti belli e colorati, lunghezza fino al ginocchio.
Ok, il marito ne prova un paio (per capire la taglia) e alla fine sceglie quello a tinta unita blu intenso.
Ma uscendo dal camerino mi fa "sai, in italia i costumi da mare hanno tutti una "retina" dentro, stile mutanda, ma questi non hanno niente....".
Controlliamo gli altri costumi appesi e sono tutti senza.
Ci guardiamo attorno per capire se da qualche parte ci fossero i costumi-slip da mettere dentro il costume-pantaloncino, ma niente.
Il marito, un po' imbarazzato, chiede quindi al commesso come funzioni la cosa e lui ci rassicura che si usano cosi, senza niente sotto.
Ok.... il marito si adeguera'....

Ma mentre poi eravamo in spiaggia mi sono guardata attorno e ho visto tutti questi uomini con il costume-pantaloncino, e ho pensato "oh my... questi sono tutti senza mutande!" :-/

6/14/2010

329 - vorrei...

A volte il mio cervello parte e inizia a fare i suoi ragionamenti, che io faccio fatica a stargli dietro...

Leggo che ogni giorno muoiono 22 mila bambini sotto i 5 anni. Leggo che i paradisi naturali stanno sparendo. I salmoni allevati vivono tutta la vita dentro dei recinti sottomarini. L'olio continua a fuoriuscire.

Il golfo del messico, la patagonia, le cascate del niagara, il tibet, il nord dell'India, l'africa centrale, il gran canyon, san francisco, la lapponia, la sicilia e la sardegna, gli stati centrali, le hawaii, i parchi nazionali, la terra del fuoco, berlino, la nuova zelanda...

Gli indiani d'america, gli indiani dell'india, i lapponi, i cileni, i samurai, i beduini, i vietnamiti...

Quante cose che non so e che vorrei sapere, quanti posti che non ho visto e che vorrei vedere, quante persone che non ho conosciuto e che vorrei conoscere.
Com'e' la vita per gli altri?

A volte vorrei davvero avere il coraggio di preparare uno zaino e partire.
Tanti sono i posti che vorrei esplorare.
Ma ormai ho la consapevolezza che non.. che non potro' farlo.
Una vita sola non basta, come dice Emigrante.

Il mio senso del dovere, la mia timidezza, le mie paure, i miei affetti (ma anche il mio conto in banca) sono la mia siepe.
I libri, le riviste, il web sono il mio vento.

Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quiete
io nel pensier mi fingo; ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s'annega il pensier mio:
e il naufragar m'è dolce in questo mare.

[L'infinito, Leopardi]

328 - diversi nel sangue

Gli americani sono diversi da noi nel sangue.
No, non sto scherzando!

Ieri sera il marito mi ha proposto di andare a donare il sangue (che a Roma ogni tanto ci andavamo), quindi siamo andati sul sito della banca del sangue di san diego per prendere qualche informazione e sotto le restrizioni abbiamo trovato:
"cannot donate if spent time that adds up to 5 years or more in European countries since 1980"!!
Cioe' se hai vissuto piu' di 5 anni in europa dal 1980 in poi non puoi donare il sangue.

Al che mio marito ha mandato una e-mail per chiedere delucidazioni, e la risposta e' stata "Unfortunately you will not be able to donate blood. This regulation comes from the FDA (Food and Drug Administration) and we are not able to change it in any way."

Ma che storia....

(in fondo alla pagina, sotto "other travel restrictions")

E' cosi anche nel resto degli USA?

6/13/2010

327 - E sono albero...

E sono albero e poi sasso
sono un gabbiano che diventa cielo
e sono pioggia e lampadina
e sono un asino che prende il volo
e sono un pesce che diventa cane
sono un cavallo che diventa sedia
una matita che disegna case
e queste case che diventan pane
e questo pane che diventa vino
e sono un vecchio che torna bambino

c'è SOLELUNA dentro di me

c'e' troppo e c'e' poco

6/11/2010

326 - non posso fare a meno di essere triste

Come ogni venerdi, e' arrivato il Time.
E in copertina c'e' un pellicano sporco di petrolio.
Lo guardo e non posso fare a meno di essere triste.
E dentro ci sono altre foto: un pellicano, un pesce, una tartaruga, un gabbiano.
Il pesce e' morto. Gli altri sono vivi, ma hanno gli occhi spaventati.

Sono andata sul sito del Time, per cercare la cover da mettere qui.
Ho trovato anche altre foto.
Mi viene quasi da vomitare.

325 - Stupore in bagno


Quando cercavamo casa qui a San Diego, diverse cose ci avevano stupito.
Sicuramente non ci aspettavamo di trovare la moquette nella maggior parte delle case, e soprattutto non ci aspettavamo, in alcune di queste case, di trovare la moquette anche in bagno!!
In particolare il "bagno tipo" ha tante piccole differenze rispetto a quello che e' il "bagno tipo" italiano: non c'e' il bidet, spesso non c'e' la porta tra il bagno e la camera, la "tazza" e' messa a parte con la sua porticina, spesso e volentieri il bagno non ha finestra, e pure se ce l'ha cmq non si apre! (per fortuna ci sono le ventole :-) ) Ah, anche il sistema vasca-doccia e' diverso, perche' si puo' regolare solo la temperatura dell'acqua, ma non l'intensita' del getto.... e il doccino estraibile e' anch'esso un miraggio lontano....
Ma tutto questo per l'Americano medio e' normale.

Quando la prima volta invitai la vicina di casa a vedere la nostra casa (dato che i precedenti proprietari avevano fatto dei lavori di ristrutturazione prima di vendere e lei non l'aveva ancora vista rinnovata), lei era tutto un "oh, che bello", soprattutto per quanto riguardava il bagno.
Ora ha deciso di ristrutturare il bagno pure lei e mi ha chiesto se puo' far vedere il nostro bagno "come modello" a chi deve fare i lavori.
Non c'e' problema. Solo che fin'ora mi ha portato dentro casa ad "ammirare" il bagno ben 4 tecnici e altri due vicini di casa (ovviamente in 6 visite diverse).
E tutti sono rimasti stupiti!

Da cosa?
Dal fatto che chi ha rinnovato il bagno ha avuto l'idea di mettere un piccolo mobiletto sopra "la tazza" (uh, ma questo si che e' comodo, oh che bella idea, lo voglio pure io), dal fatto che il lavandino ha un rubinetto unico, anziche' i due rubinetti separati caldo-freddo e poi la bocchetta dell'acqua (oh, ma cosi e' piu' semplice da pulire, lo voglio pure io!), ma la cosa che piu' ha suscitato sguardi e commenti di ammirazione e' stato l'appendi-asciugamano!!! ??? ebbene si!

Antefatto: quando siamo venuti a vivere qui siamo rimasti sorpresi che in bagno non ci fosse nessun appendi-rotolo o appendi-asciugamano, ne' tantomeno i buchi...
Per il rotolo abbiamo risolto poggiandolo sulla cassetta dell'acqua (che e' esterna), gli asciugamani da viso li poggiamo sul piano del lavandino (che e' enorme), mentre per l'aciugamano da doccia abbiamo comprato un'apposita barra di metallo, abbiamo fatto i buchi nelle mattonelle col trapano (portato dall'italia) et voila'!

E invece qui tutti sorpresi.. e mi hanno chiesto come abbiamo fatto ad appendere qualcosa dove ci sono le mattonelle.. "ehm, con il trapano!" :-)
Non credo sia un oggetto molto diffuso da queste parti...

Ora anche i vicini di casa che sono venuti ieri sera in pellegrinaggio ad ammirare il bagno hanno deciso che vogliono rinnovare il loro... spero che pero' non decidano che il nostro bagno e' anche il loro punto di riferimento!
Altrimenti inizio a far pagare l'ingresso! :-)

6/10/2010

324 - Solo in America


Affianco alla porta del garage ci sono questi due oggetti.
Quello in basso ha uno sportellino e dentro c'e' una tastierina che serve per aprire il garage digitando un apposito codice (in realta' non lo abbiamo mai usato, anzi... non abbiamo mai cambiato il codice, quindi il vecchio proprietario ci potrebbe entrare in casa :-) ).

Ma cos'e' quello sopra?
Per mesi e mesi non me ne sono curata, pensando che fosse un coso rimasto li per sbaglio... Ma finalmente lo scorso week-end l'ho visto "in uso" e ho capito! :-)
Chi vive in America probabilmente sa cosa sia, quindi voglio una risposta dagli italiani che vivono in Italia!
A cosa serve secondo voi? :-)

323 - Up and down

Ieri sera abbiamo fatto una cena a casa nostra.
Una cena di italiani, dove ognuno ha portato qualcosa, dove abbiamo parlato in italiano e riso in italiano! :-)
Abbiamo mangiato: primo, secondo, contorno, frutta e dolce, bevuto acqua e vino.
Quando tutti sono andati via, ci siamo guardati e ci siamo detti: eh si, sarebbe opportuno procurarci altre due sedie, ma soprattutto un altro divano o qualche poltroncina (abbiamo un divano egoisticamente da 2 posti ... 3 volendo...).

E stamattina invece ci siamo svegliati con la telefonata della commercialista in italia che ci ha dato una pessima notizia.
Non voglio addentrarmi nei misteri della doppia tassazione (ok paghiamo in italia le tasse su quello che abbiamo guadagnato in italia, ok paghiamo in USA le tasse su quello che abbiamo guadagnato in USA... ma perchè dobbiamo pagare in italia le tasse su quello che abbiamo guadagnato in USA?).... quello che mi da fastidio è che è vero che l'azienda ci ha pagato il trasloco, ma ora ci ritroviamo a pagare le tasse in italia sul valore del trasloco...
Insomma, non so come funzionano ste cose... so solo che dobbiamo pagare una barca di soldi! :-(

6/09/2010

322 - Aging parte 2

Sarebbe piu' opportuno definirlo "rinco....to" a dir la verita'.

Ieri sera torna il marito a casa e mi dice che stasera avremo ospiti a cena, bene.
Il problema e' che saremo in 6, ma noi abbiamo solo 4 sedie.
Come fare?
Alla fine il marito chiama la vicina di casa e le chiede se ci puo' prestare due sedie, lei risponde che non c'e' problema.
Di ritorno dal supermercato vado da lei. Mi fa vedere le sue sedie della cucina, ma sono di legno, pesanti ed anche troppo alte per il nostro tavolo. Le chiedo se non ha qualche sedia piu' leggera, di quelle che si piegano. Al che mi risponde "si, posso darti quelle del tavolo in giardino" indicando fuori dalla cucina.
E in quel momento penso (ma non lo dico) "Porca banana ladra! Anche noi abbiamo le sedie del tavolo in giardino!!!!! Come abbiamo fatto a non pensarci?????"

Ma troppo complicato spiegare che sia io che mio marito siamo completamente rinco!
Prendo le sedie e ringrazio.
Domani le diro' che a cena eravamo in 8! :-(

321 - Aging

Ogni tanto vedo un capello bianco nuovo.
Ma la cosa non mi spaventa.
Se mai dovessi cambiare idea, posso pur sempre tingerli.

A volte mi accorgo che le "rughe di espressione" si fanno sempre piu' persistenti.
Ma non mi preoccupo.
Forse e' ora di passare alla crema antirughe.

E' il cervello quello che mi preoccupa.
Mi ricordo che a settembre, prima di partire, avevamo fatto una foto al contatore dell'acqua, in modo da avere a portata di mano la lettura dell'acqua quando ci sarebbe servita.
Ma questa foto ora non sta da nessuna parte.
Le possibilita' sono 3: o mi sono inventato tutto e la foto non e' stata fatta, o e' stata fatta ma non mi ricordo con cosa e quindi dove sta la foto, oppure avevamo deciso di farla ma poi non l'abbiamo fatta e il mio cervello si ricorda "l'intenzione".
Cosi come quando ripenso ai viaggi in peru', india e giappone non mi ricordo i nomi dei posti! Cioe' alcuni si, ma altri no. Se poi mi metto davanti alla cartina e li leggo me li ricordo subito, ma il cervello inizia a fare cilecca.
Oppure entro in una stanza per fare qualcosa e poi faccio tutt'altro, e me ne rendo conto solo dopo (come faceva mia mamma e io la prendevo in giro).

Per il cervello non si sono inventati nulla?

6/08/2010

320 - Qualcuno accenda il sole, please

Qualcuno accenda il sole, please.
Oppure soffi via le nuvole, please!!!

Insomma, e' da aprile che la maggior parte dei giorni ci sono nuvole, nuvole e nuvole.
E almeno piovesse, cosi che non dovrei dare l'acqua alle piante. Nemmeno quello.
Solo questo strato persistente di nuvole.

Si, ci sono state belle giornate, ma mi sembra che quelle brutte siano decisamente di piu', e da aprile a oggi le temperature non sono cambiate.
Mentre in Italia e' scoppiato il caldo e le amiche vanno al mare...

Oh, sono in California... VOGLIO IL SOLE!!!

6/07/2010

319 - PE, FE e vivere tra le nuvole

Vagando tra gli annunci di lavoro a volte ho trovato tra i requisiti la PE registration.
Sarebbe "professional engineer registration", quindi la nostra iscrizione all'albo.
Ho cercato un po' di che si tratta, e ho scoperto che per ottenerla bisogna fare un esame (ok), preceduto da tipo 4 anni di esperienza certificata presso un PE registrato (valgono i miei anni di lavoro in italia?) e preceduto da un FE exam, che sarebbe fundamentals of engineering exam (ok).

Quello che sto cercando di capire in questi giorni e' se l'iscrizione all'albo mi serva effettivamente per lavorare, o se sia come in italia....(....).
Ho mandato stamattina una e-mail a quello che e' l'ordine degli ingegneri con un paio di domande.
Fatto sta che il sti esami (PE e FE) posso pure farli, non ho paura... ho pure visto che sono quiz a risposta multipla e che il prossimo appello c'e' a fine ottobre. 4 mesi buoni di studio/ripasso, non c'e' problema.
Ma ho poi scoperto che per fare il FE exam bisogna farsi riconoscere la laurea.
Io non ho mai pensato che forse sarebbe il caso di farmi tradurre/riconoscere la laurea... a volte vivo un po' tra le nuvole... potevo averci gia' pensato!
E in un sito apposito ho letto che per farsi riconoscere la laurea bisogna fare in modo che l'ateneo presso cui ci si e' laureati spedisca una serie di documenti a quello che e' l'ordine degli ing. californiano.
Ecco, questo mi fa decisamente paura....

Tutto sta nel capire se mi serve sto PE.

318 - a pranzo dai milionari

Dopo aver ricevuto l'invito a pranzo da questo ex-capo del marito e sapendo che il suddetto ha un sacco di soldi, siamo andati a controllare su zillow il valore della sua casa (ormai siamo zillow addicted) ... e cosi abbiamo scoperto che la casa gli e' costata 3 anni fa 4.4 milioni di dollari!
(anche se in realta' ora e' valutata solo 3.6 milioni...)
(e la cosa "buffa" e' che siccome in california le tasse sulla casa sono l'1% annuo del prezzo pagato all'acquisto, sto tipo ogni anno si paga 44 mila dollari solo di tasse sulla casa....).

Della casa in realta' abbiamo visto ben poco. Fuori giardino e piscina, e diversi tavolini con sedie o poltroncine per creare diversi ambienti (il tavolo dove abbiamo mangiato, tavolo tondo per 8 persone, era di pietra lavica dipinto a mano comprato in sicilia e fatto spedire col corriere, con tanto di base di metallo massiccia...).
Da fuori abbiamo visto la guest-house e la pool-house (per le feste in piscina.. ehm...). Dentro casa abbiamo visto di passaggio solo una delle cucine e i salotti... non so quanti, con queste vetrate enormi sui giardini, e poi statue finto-romane, affreschi, tavoli, sedie, tappeti, quadri ecc...
Non ci hanno fatto vedere le camere (le 5 camere con 6 bagni) perche' sopra c'era un po' di disordine... posso immaginare! :-)

Insomma, un altro mondo.
Tutto il mio rispetto per l'americano "che si fa da se" e raggiunge pure sti livelli.

Ho poi controllato se brad pitt abitasse davvero li (non che mi interessi piu' di tanto), ma non ho trovato notizie al riguardo.
Ho pero' trovato che "Forbes reported Rancho Santa Fe (la zona in questione) as having the third most expensive ZIP code in the United States, and most expensive in California, with a median home sale price of $2,585,000." (da wikipedia).

Americani!

6/05/2010

317 - un po' di... uff....

Insomma, mi sembrava di aver raggiunto un certo livello di tranquillita', un modo di passare le giornate in modo sereno e non troppo improduttivo.

Ma questa sera abbiamo a cena un collega indiano del marito (che ho conosciuto anni e anni fa) e domani andremo a pranzo da un ex capo del marito (che non ho mai conosciuto).
E gia' prima di questi incontri sono iniziate le domande "ma Marica cosa fa? ma non lavora? ma come mai? no, dovrebbe lavorare!".

Nella mentalita' americana credo sia inconcepibile il mio status... qui tutti fanno qualcosa...

Insomma, ora mi ha preso un po' di angoscia.. uff....
Avevo dimenticato quest'ansia di dover fare/dover essere.

6/04/2010

316 -

"...principe dei nembi
Che abita la tempesta e ride dell'arciere;
Ma esule sulla terra, al centro degli scherni,
Per le ali di gigante non riesce a camminare."

Ok, e' un pellicano e non un albatros, ma questa foto mi ha fatto pensare a questa poesia.


facciamoci un esame di coscienza

6/03/2010

315 - baseball




Domenica siamo andati a vedere una partita di baseball, non tanto per scelta ma in quanto ci siamo ritrovati un biglietto gratis.. e allora ne abbiamo comprato un altro!

Che dire.. le mie nozioni sul baseball derivano dai Peanuts (nel senso di charlie brown e compagnia), quindi mi aspettavo che qualcuno lanciasse la palla e qualcun altro cercasse di colpirla.
Beh, si, essenzialmente e' questo, ma c'e' anche dell'altro... dell'altro che non ho capito, per cui a un certo punti tutti esultavano o tutti facevano "boooo".... se mai ci torniamo, mi tocchera' almeno leggere le istruzioni su wikipedia.


Cmq....
- lo stadio: e' molto bello, anche perche' da una parte si apre sulla citta' (e' cosi' ovunque?),
- i tifosi: credo che le trasferte dei tifosi non esistano (anche vista l'estensione degli stati uniti....), quindi quelli che c'erano tifavano tutti per la squadra locale, ma oltre che a tifare ... mangiavano! tutti mangiavano di tutto e di continuo: hot-dog, patatine, noccioline, pizza, zucchero filato, altre schifezze non identificate ...e ovviamente bevevano.
- il patriottismo: all'inizio c'e' stato un omino che cantava l'inno dal vivo e tutti, dico tutti, in piedi mano sul cuore a cantare l'inno!
- stretch time: ho scoperto che a meta' del settimo inning c'e' questo stretch time, tutti devono mettersi in piedi e stretchare le gambe.. che buffo... nel frattempo c'e' stato un altro canto patriottico (nel caso qualcuno si fosse dimenticato di essere in america)

Molto americana come esperienza :-)

314 - cagnetto si, cagnetto no

La mia famiglia dei sogni comprende: me e mio marito (ovvio), una bici a testa piu' un tandem (e ora ci siamo), una casa in california (e ci siamo, ma possiamo migliorare, magari tra qualche anno, se trovo un lavoro :-) ), un pick-up rosso o azzurro (siamo ancora lontani), 3 bambini di cui uno adottato (e siamo ancora lontani) e un cagnetto.

Fino a pochi anni fa avevo paura sia dei cani che dei gatti, poi lentamente sono cambiata... un po' perche' ci sono stati quei gattini selvatici che avevano deciso di vivere nel nostro giardinetto (impossibile non affezionarsi), un po' perche' i miei hanno un paio di cani "morbidi" (e con uno dei due si e' creato proprio un legame d'amore da un anno a questa parte), un po' perche' ho tanto di quel bisogno di maternita' dentro che ogni cosa nell'eta' "cucciolo" mi intenerisce!
L'altro giorno eravamo seduti sul prato e a un certo punto ho visto questo cagnolino (tipo quello della pubblicita' della carta ignienica, ma marrone) e lui mi guardava e io lo guardavo... e come nei migliori film romantici lui si e' messo a trotterellare verso di me e poi mi e' salito tra le gambe e mi ha leccato un braccio e io l'ho accarezzato.. e avevo gli occhi a cuore :-)

Anni fa avevamo deciso che quando avremmo avuto un bambino di almeno 6 anni avremmo potuto prendere anche un cane.

Ma ora siamo qui in california, senza bambini, e io sto spesso da sola a casa. Qui tutti hanno o 2 bambini o 2 cani.. e molti hanno questo tipo di cagnolino (che non so il nome) che fa davvero tenerezza!
Quindi ne stiamo un po' riparlando.

Entrambi saremmo contenti di avere un cagnolino, di portarlo in giro, di giocarci ecc. Il problema sono io... nel senso che io sto cercando un lavoro (ok, non ci sto mettendo l'anima, ma lo sto cmq cercando), se poi lo trovo non posso pero' lasciare il cagnolino tutto il giorno a casa da solo. Il marito propone anche "ok, non lavorare e ci facciamo il cagnolino". Ma non mi va di rinunciare a lavorare per questo. D'altra parte chi lo sa quanto tempo ci mettero' a trovar lavoro....
Insomma, ci stiamo pensando.

A volte vorrei essere un passo in la'... come quelle donne che vedo andare in giro in canotta, pantaloncino corto e cappellino per il sole, toniche e abbronzate, con una gravidanza in corso e un bambino nel passeggino, e un cagnolino bianco al seguito....

6/02/2010

313 - maleducati

Anche qui esistono i maleducati.
A volte mi sembra tutto cosi bello che dimentico possano esistere le cose "negative".
Ma ho visto diverse volte persone parcheggiare la macchina nel posto dei disabili, esibendo il distintivo (?) dei disabili, ma senza disabili a bordo.

E l'altro giorno in autostrada c'era un tipo che sorpassava tutti facendo zig-zag tra le macchine e ci ha fatto il "dito medio".
Non me l'aspettavo. Sono rimasta sconvolta!

312 - America, the story of us (e di nessun altro)

Tempo fa mi sono imbattuta per caso nella prima puntata di un documentario a puntate chiamato "America, the story of us", che parla appunto della storia dell'America.
Mi e' sembrato interessante, quindi ho impostato la registrazione di tutte le puntate.
E ora poco alla volta ce lo stiamo vedendo (siamo arrivati alla puntata 6 con la visione, ma credo che l'ultima puntata sia gia' andata in onda).

Devo ammettere che e' fatto bene, che prende, ed e' interessante, almeno per me che di storia in generale (e di quella americana in particolare) non so molto.

L'impostazione pero' e' molto "noi siamo i piu' bravi del mondo, questa e' la terra della liberta' e dei diritti, ce la siamo guadagnata, guardate quanto siamo stati bravi!".
Spesso si da ampio spazio a singoli personaggi, che in alcuni casi ha anche senso, ma in altri ... proprio no! Come per esempio l'inventore del filo spinato o la famiglia del Nebraska con la casa di fango o la ballerina newyorkese investita dalla tempesta di polvere.... Ma anche questo mi puo' andare bene, in fondo e' anche divertente.

Il problema grosso e' che tutti gli altri non esistono.
Ok, quando hanno parlato degli schiavi nel periodo del cotone c'e' stata un'ammissione di colpa... ma gia' quando hanno parlato degli indiani d'america mi sembra che la cosa sia stata trattata abbastanza superficialmente. Semplicemente "purtroppo abbiamo ucciso tutti i bisonti, che erano alla base del sistema di vita degli indiani, e poi avevamo bisogno di spazio per costruire le nostre cose, quindi purtroppo abbiamo dovuto spostarli nelle riserve".
Ok, quali indiani? Quanti? Da dove a dove li avete spostati? Chi erano? Come vivevano? Quanti ne sono rimasti?
Domande senza risposta.

Il top l'abbiamo toccato ieri sera, quando si parlava della seconda guerra mondiale. Senza entrare nel merito di cosa e' stato giusto e cosa e' stato sbagliato, ma dopo un quarto d'ora abbondante a parlare dell'incontro di pugilato tra un americano e un tedesco (che quindi simbolizzava il conflitto... ma chissene :-) ) e dopo un altro quarto d'ora sullo sbarco in normandia, con questo senso di angoscia per i poveri soldati americani, che in tanti sono morti per aiutarci (e vabene), il tutto finisce dicendo che purtroppo sul fronte giapponese la guerra andava avanti, ma alla fine gli americani rilasciarono le bombe atomiche e il giorno dopo il giappone si arrese.
Finalmente la guerra e' finita, grida di gioia, scene di esultanza.
Stop.

....


Cmq tante altre cose sono state interessanti, come la storia della statua della liberta', della diga di Hoover, dell'acquedotto di Los Angeles ecc.
E' solo che a volte mi lascia perplessa.

6/01/2010

311 - capitolo chiuso

Finalmente posso mettere la parola "fine" a questo capitolo iniziato praticamente i primi di marzo.

Ora posso tornare a zompettare in palestra, bere alcol (potrei iniziare, visto che ancora non lo facevo), non sobbalzare al minimo dolore e dormire sogni tranquilli.

E fare qualcos'altro.

E scusate se e' poco! :-)