1/13/2011

586 - guidare di piu'

Non mi e' mai piaciuto guidare e ho sempre evitato di farlo, per quanto possibile, ma dopo piu' di un anno a san diego devo riconoscere che il miglior modo per spostarsi in questa citta' e' guidando.

La citta' e' molto estesa ed i mezzi pubblici non la coprono tutta, per cui se si vive nelle zone centrali bene, ma se si vive in periferia (come nel nostro caso) la situazione e' piu' problematica. E cosi' per un anno quando dovevo andare a fare inglese ho fatto cosi':
- tratto in bici fino alla fermata del bus (all'andata 15 minuti tra pianura e discesa, al ritorno almeno 20 minuti tra pianura e salita),
- bus (di quelli che passano ogni 30 minuti),
- 15 minuti di attesa e secondo bus (di quelli che passano ogni 30 minuti),
- 5 minuti di attesa e terzo bus,
per un totale da porta a porta di 2 ore tonde.
Al ritorno stesso percorso ma al contrario, con l'aggravante che i bus non erano mai sincronizzati come all'andata, per cui tempo medio 3 ore.
Ok, io sono sempre dalla parte del trasporto pubblico e non mi sono mai lamentata, ho sempre colto l'occasione per ascoltare gli altri parlare, per leggere, per ascoltare musica, per guardarmi intorno.

Pero' per fare lo stesso percorso in macchina ci metto tipo 20 minuti.
E la differenza e' tanta.
Quindi da novembre/dicembre ho iniziato a prendere la macchina per il primo tratto, sostituendo bici e primo bus, e gia' li' la mia qualita' della vita e' migliorata.
Le ultime due volte ho preso la macchina per coprire tutto il tratto tranne l'ultimo bus... magari la prossima volta ce la faccio a fare tutto in macchina :-)

Tra i buoni propositi dell'anno nuovo, infatti, oltre a essere meno bigotta e mangiare meno carne, c'e' anche guidare di piu'. Inquino di piu' e mi dispiace, ma la mia salute psichico-mentale potrebbe risentirne positivamente :-)

E ieri mentre andavo a riprendere il marito ho anche acceso l'autoradio, cosa che non faccio mai: segno che mi sto proprio rilassando alla guida!
(E c'era questa bellissima canzone, per cui oltre a guidare e ascoltare la musica ho pure canticchiato).

Spero pero' di non diventare come quegli americani pigri che prendono la macchina per andare ovunque, ma di continuare a usare la mia fedele bici per i miei giretti quotidiani :-)

9 commenti:

Alberto ha detto...

trovo oggi questo blog e mi sa che non lo lascero' presto!

interessantissimo!

Emanuele ha detto...

E io... che in una bella auto ci vivrei! :-P
Ciao,
Emanuele

Lisa1012 ha detto...

Io odiavo guidare..e mi sono spostata tantissimo con i mezzi fino a alla fine dell'università. Poi per necessità di lavoro ho iniziato a guidare e devo dire che non mi fa più così schifo. Però ancora mi agito parecchio quando devo fare giri lunghi.

Anonimo ha detto...

perfetto il link alla canzone ma meglio se mettevi il "target_blank"

cosi si apriva una nuova finestra e non siamo costretti a leggerti senza quella bellissima canzone (conosci anche "before today"?)
ciao
marco

Francesca ha detto...

Io ho apprezzato la guida proprio in California, dove era divenuta una necessita`. Strade lunghe e diritte, palme e sempre la radio accesa...qui sto alle prese con la guida storta, periamo bene.
Fra

Marica ha detto...

Alberto: ti ho aggiunto sul reader! troppo bello il sottotitolo del tuo blog! :-)

Emanuele: ehehehe... ma mi sa che qui in America qualcuno ci vive davvero in macchina! :-/

Lisa: gia', alla fine e' una questione di abitudine...

Marco: ecco, questo e' quello che chiedo sempre al marito di spiegarmi come si fa ma lui non l'ha ancora fatto (dico fare in modo che il link di apra in un'altra finestra)... ora vedo di sistemarlo, grazie!
no, non conosco l'altra canzone, ora la vedo a sentire :-)

Francesca: eh si, devo riconoscere che qui si guida proprio bene... non credo guiderei mai in UK :-P

Manu ha detto...

Carissima Marica,

Ancora con il bel ricordo di ieri, leggo ora questo blog sulla guida. Da noi è come in America in fatto di necessità. I bus sono sostanzialmente inesistenti e se non hai l'auto...ti attacchi al tram anzi al palo. le strade però sono assai pericolose, con un asfalto spesso patinato dalla fanghiglia e dal ghiaccio, insieme costituiscono un pulviscolo pericoloso per gli automobilisti e i fuori strada sono frequenti. Tra poco prenderò anche il treno per andare al lavoro ma delle ferrovie italiane non mi fido. Certo che tre ore sono proprio tante....ma le città come San Diego devono essere proprio tanto estese...ma c'è traffico? Conosci vero il traffico di Roma??? Pensa mi hanno detto che a Manila è peggio!!!!

Paese che vai guida che trovi.

Però la bicicletta è uno spasso...

Belli gli obiettivi per il 2011. Ti auguro di tutto cuore di raggiungerli e superarli...

Un saluto tanto cordiale a te e Michele

Manu & Cla di Pocapaglia (CN)
manuplasmati@tiscali.it

Marica ha detto...

Manu: si, San Diego e' proprio estesa... ma per fortuna non c'e' traffico! In confronto a Roma e' proprio uno spasso :-P
Sono le distanze pero' ad essere enormi...

copisteriadrflash ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.