2/23/2011

646 - la signora peruviana

La persone a San Diego (ma credo che questo valga per tutti gli US, tranne che per NY :-P) attaccano bottone facilmente e iniziano a parlare con gli sconosciuti come se questo fosse la cosa piu' normale del mondo.
Beh, per me non lo e' ancora... ma questa abitudine mi piace, anche perche' mi permette di ascoltare e/o di praticare un po' di American English!
Tranne oggi... quando invece sono io che ho fatto praticare a qualcun altro una seconda lingua :-)

Oggi salendo su di un autobus una signora minuta di tipo 70 anni mi ha detto "mi scusi, ma lei e' italiana?" in italiano!
Le ho risposto in inglese: "yes, but... how do you know that?" [mica ce l'ho scritto in fronte!]
Beh, non era cosi' difficile: avevo una busta di quelle di stoffa con una frase in italiano stampata sopra :-)
E cosi' abbiamo parlato durante il viaggio: mi ha raccontato che lei e' peruviana, ma che parla l'italiano perche' e' stata diverse volte in italia e le piace la nostra cultura. Mi ha fatto un elenco di posti dove e' stata e ho provato un senso di vergogna, dato che io avro' visitato si e no un terzo di quei posti!
Mi ha detto che da giovane faceva la ballerina a Montecarlo e che ha viaggiato tantissimo in giro per il mondo, pero' non e' riuscita a visitare la Sicilia e che ormai non puo' piu', perche' e' avanti con l'eta'.
Mi ha incoraggiata a viaggiare, ora che sono giovane... eh... quanto ha ragione!

Insomma, abbiamo parlato per 10 minuti buoni, sempre in italiano, e mi ha colpito per la sua padronanza della lingua.. eppure dice che erano tanti anni che non parlava italiano e che non e' piu' in grado di parlarlo bene :-/
Cosa darei per parlare l'inglese cosi' come lei parla l'italiano!

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Di sicuro non capita in Italia ;-P

-Romina-

Gaia ha detto...

Marica, a me ha fatto ridere il fatto che lei ti abbia parlato in italiano e tu le abbia risposto d'impulso in inglese!!

Ti stai proprio inglesizzando, brava!!

Marica ha detto...

Romina: vero! :-)

Gaia: vero!! ahahahah

Manu di Pocapaglia (CN) ha detto...

Cara Marica...
bellissima esperienza vissuta in auitobus. D'altronde c'è da andare fieri per il valore incommensurabile della nostra cultura onorata e riconosciuta universalmente. Mah!! Forse gli italiani si riconoscono a distanza. Credo che siamo ben voluti dappertutto. Sono gli altri ora che vogliono venire da noi...vedi le cronache di questi giorni...Si sa che gli stranieri sanno dell'Italia più degli italiani ma su una cosa ha ragione: viaggia, viaggia, viaggia!!! E impara...soprattutto ad apprezzare ed amare la cultura altrui come la propria. Questo ti rebnderà forte, tollerante e aperta all'alterità. Da questa cosscienza sorgono menti e cuori illuminati che sono luce anche per altri. Buon cammino...che bello sull'autobus....

P.S. stasera continuerò a commentare i post precedenti...

Manu & Cla di Pocapaglia (CN)
manuplasmati@tiscali.it

Artemisia ha detto...

prima o poi succederà!

Marica ha detto...

Manu: si, dovrei viaggiare di piu'... dentro di me ci sono due mariche: una che ama le cose piccole, la tranquillita', stare davanti all'oceano e leggere un libro con il proprio marito e basta... l'altra che invece "brucia" dalla voglia di viaggiare, prendere uno zaino in spalla e partire, esplorare il mondo, costruire asili in africa... per ora la prima vince e la seconda vive di "fantasie" e si accontenta dei viaggi-vacanza... chissa' se un giorno riusciro' a raggiungere un buon compromesso :-)

artemisia: lo spero tanto... grazie per la fiducia!

Ilaria ha detto...

noi italiani siamo SEMPRE riconoscibilissimi... a volte è un bene e a volte è un male ma ci scoprono sempre ;-)

Pookelina ha detto...

Che bello quest'incontro! :)!