2/26/2011

652 - tempi duri per i fumatori



Oggi ho fatto caso a questo cartello, che dice che e' vietato fumare suilmarciapiede e sulla parte della strada affianco al marciapiede (per chi volesse fare il furbo e mettersi a fumare semplicemente scendendo il marciapiede).

Chi vuole fumare in mezzo alla strada pero' e' libero di farlo, a suo rischio e pericolo :-)

11 commenti:

Eleonora ha detto...

un po' troppo direi...

Anonimo ha detto...

anche a me pare troppo.
valescrive

Gaia ha detto...

Anche secondo me è troppo! Non approvo il fatto che la buona educazione ed il rispetto debbano essere imposti per legge. Infatti secondo me gli ammeregani non sono un popolo rispettoso dove non ci sono le regole ad imporlo (se qualcuno è stato ad esempio in Messico durante lo spring break sa di cosa parlo).
Da questo punto di vista il mio modello rimane il centro-nord europa, dove il rispetto per gli altri, per i loro diritti, i loro spazi e le loro necessità vengono trasmessi dalla mentalità e dal modo di vivere della comunità, non da apposite leggi che regolano ogni cosa.

Manu di Pocapaglia (CN) ha detto...

E invece secondo me le leggi servono ed anche severe. Ma occorrono anche i finanziamenti necessari perchè chi è deputato a controllare il rispetto delle leggi lo possa fare. Forse è esagerato ma reprimere il fumo con ogni mezzo è per me un comandamento visto che vengo da un'esperienza con mio padre proprio di impotenza...

Un saluto

Manu & Cla di Pocapaglia
manuplasmati@tiscali.it

Marica ha detto...

Secondo me non e' troppo... e preferisco il rispetto imposto per legge che il "non rispetto" non imposto :-)
Cmq in italia anche li' dove c'e' il divieto di fumo questo non viene rispettato (e la cosa potrebbe allargarsi anche ad altri campi), gli americani almeno le leggi le rispettano.
Poi cosa fanno quando le leggi non ci sono non lo so, ma io credo che ad un certo punto se uno e' abituato, per esempio, a non fumare per strada e poi va in una citta' dove invece questo e' permesso non credo che si metta a farlo... spero! :-)

Sara ha detto...

Anche per me le leggi servono e soprattutto è necessario che vengano fatte rispettare!
Vero anche che una buona campagna informativa e culturale all'interno delle scuole e tra i giovani può veramente fare molto. Sono stata in una scuola del Bronx, a NY, frequentata da gente assurda, ma avevano fatto una tale campagna contro il fumo, in cui sostenevano che chi fuma è uno sfigato che l'80% dei ragazzi che sentivi ti dicevano che è very out fumare, che schifo se fumi ...:-/ ... ecc.
Quindi io sono per le leggi+campagne educative e informative!
Purtroppo qui in italia le leggi sono poche e non vengono fatte rispettare e quando giri per roma ti viene l'esaurimento a cercare di schivare chi ti fuma davanti, chi fuma alla fermata del bus, davanti all'ingresso della metro ... che tristezza

Anonimo ha detto...

Sara,dato che fumare non è ancora illegale come il drogarsi o il rubare io penso che spaccare i maroni ai fumatori sia una cosa sbagliata..è giusto regolamentare la cosa come mettere divieti in certi ambienti e situazioni ma criminalizzarla come si sta facendo adesso è un'esasperazione..anche perchè il tabacco(così come l'alcohol) è tassato dallo stato e se proprio si deve salvaguardare la salute del cittadino senza ipocrisie allora se ne proibisca la vendita come x la marijuana (che oltretutto è ritenuta molto meno lesiva e fatale del tabacco). Daniel

Marica ha detto...

Sara: pienamente d'accordo! :-)

Daniel: e' vero che fumare non e' ancora illegale, ma io credo che chi voglia fumare debba anche avere un po' di rispetto verso chi non fuma, perche' non e' giusto che io debba tornare a casa con i vestiti e i capelli che puzzano di fumo (e quindi chissa' cosa c'e' nei polmoni) perche' gli altri non riescono a trattenersi. Se i fumatori vogliono fumare a casa propria o dentro la loro macchina ben venga (fin quando non mi invitano) :-P

Anonimo ha detto...

Marica hai pienamente ragione ma non penso che all'aria aperta in mezzo alla strada il fumo sia così letale e fastidioso,al massimo ti sposti di mezzo metro..anche a me dà fastidio essere avvolto dal fumo ma non quanto il ritrovarmi a correre sul lungomare e sentire più gli scarichi delle macchine del profumo salmastro..a volte penso sia più un preconcetto "perbenista" ,in Italia capita più raramente forse ma spesso gli ammeregani hanno questa sorta di occhiata degrinatoria verso il fumatore,manco ti stessi facendo di eroina..poi vabbè,il problema sta sempre nell'educazione e nel rispetto altrui che dovrebbe esserci a prescindere dalla legge.. Daniel

Anonimo ha detto...

*denigratoria

Marica ha detto...

daniel: non posso darti torto... quando si e' all'aria aperta, basta spostarsi di "qualche" metro o mettersi a sfavore di vento... ma puo' essere cmq fastidioso :-)