4/01/2011

696 - il deserto di Anza-Borrego

Lo scorso fine settimana siamo andati nel deserto di Anza-Borrego, a circa due ore di guida da San Diego, direzione est.
Si tratta di un parco naturale che deve il suo nome all'esploratore spagnolo "de Anza" e alla parola spagnola "borrego" che significa "bighorn sheep" (come tradurla? pecora con le corna? ariete?), uno degli animali caratteristici di questa zona (ecco la foto, ma noi non l'abbiamo visto).

Il periodo migliore per visitare Anza-Borrego e' marzo-aprile, quando si ha la fioritura nel deserto e quando le temperature sono ancora gradevoli; tra giugno e settembre di giorno ci sono circa 40 gradi C.
Questa fioritura e' un evento, un po' come il cherry blossom in giappone :-), e sul sito del parco ci sono continui aggiornamenti sul desert blossom! Noi siamo stati fortunati e l'abbiamo presa in pieno!




Ad Anza Borrego ci sono diversi percorsi hiking, ma la maggior parte si possono raggiungere solo con un mezzo 4x4. Noi con la nostra macchinina da citta' siamo andati diretti al Visitor Center e li' abbiamo chiesto consigli su dove andare; ci hanno consigliato il Palm Canyon Trail e ci e' piaciuto molto!
Andata e ritorno sono 4.2 miglia, il percorso e' abbastanza facile (da fare con scarpe adatte) e c'erano tanti fiori! Alla fine del percorso si arriva ad una piccola oasi :-)



Consiglio di non andare oltre aprile, perche' le temperature salgono molto: all'inizio del percorso trail un cartello avvisa di portare almeno un gallone d'acqua per persona!

Consiglio inoltre di andare seguendo la CA79 e poi la S22 (nei pressi di Santa Ysabel c'e' l'intersezione) e di non prendere la CA78 (come invece abbiamo fatto noi, in base al navigatore, nonostante la segnaletica...), in questo modo si arriva subito al Visitor Center. Al ritorno invece e' una buona idea prendere la S3, in modo da vedere un po' di deserto guidando, e poi la CA78, ripassando cosi' da Julian giusti giusti per la merenda con la torta di mele.

Da notare che il deserto di Anza-Borrego si trova subito ad est di alcune catene montuose (sicuramente hanno un nome, ma io non lo so!): venendo da ovest le temperature sono basse (eravamo sui 5 gradi C) ed il paessaggio e' verde e costellato di mucche che pascolano tranquille, appena si supera il summit tutto diventa arido e brullo e caldo! Basta guardare la mappa "versione satellite" per farsi un'idea :-)

Foto versante est (tratta da wikipedia):



Foto versante ovest:

5 commenti:

Cinderella ha detto...

Dev'esser davvero stupendo! Seguo da qualche settimana il tuo blog, molto interessante e divertente, e grazie a te la California mi sembra più vicina :)

Cinderella

Marica ha detto...

Cinderella: grazie a te per essere qui! :-)

Anonimo ha detto...

Ciao Marica, non so se conosci www.usaontheroad.it è un forum in cui si organizzano viaggi negli USA. E' un forum di gente comune non tour operator, ma di consigli di gente del loco c'è sempre bisogno. Se ti capita facci un giro.

Manu di Pocapaglia (CN) ha detto...

Cara Marica...

Bellissima descrizione succinta e piena di consigli utili. Sono un appassionato di cactacee e succulente dai fiori meravigliosi. Sono piante straordinarie.Ne ho alcune a casa che curo con grande amore. Lo scenario del deserto deve essere fantastico. Chairo che le catene montuose fanno da barriera alle correnti oceaniche. La fisica è ineceppibile e spiega tutto ciò. Avete pagato qualche fee per l'ingresso e quanto? per curiosità.

Un caro saluto e abbraccione ad entrambi

Buona settimana..

Manu & Cla di Pocapaglia (CN)
manuplasmati@tiscali.it

Marica ha detto...

Anonimo: grazie per il consiglio.

Manu: questo parco e' gratis (meraviglia!) :-)