5/04/2011

728 - epilogo di un picnic

Qualcuno forse ricordera' che a meta' gennaio avevamo chiesto alla Vicina se volevamo fare un picnic tutti insieme e lei aveva detto "va bene, ma facciamolo a meta' febbraio" (relativo post).
Qualcuno forse ricodera' anche che a due giorni dalla data fissata mi ero sentita dire "mi dispiace, ma ora non possiamo, facciamo a fine aprile" (relativo post).

Poi e' successo che a meta' aprile c'e' stato il suo pranzo di compleanno, e sapendo che da li' a poco sarebbe stato il mio di compleanno mi ha detto "dai, Marica, organizza qualcosa, tipo quel picnic che era rimasto in sospeso, invita altra gente, dai". A me non andava, ma alla fine mi sono lasciata convincere, in fondo era pur sempre un'occasione per stare in compagnia.
La cosa che mi ha un po' dato fastidio e' che in pratica e' stata lei a decidere posto e orario, perche' le mie proposte non erano compatibili con le sue esigenze... ma vabene, tutti noi altri siamo elastici, non abbiamo figli, possiamo spostarci, quindi va bene. Solo che alla fine di tutto cio' appena sono arrivati al picnic mi ha detto "Sai, stamattina mia figlia voleva andare a messa come tutte le domeniche ma non ci e' potuta andare altrimenti non faceva in tempo a fare i compiti e tutte le altre attivita', visto che poi dovevamo venire al picnic...".
A volte resto senza parole, davvero.

Nonostante tutto questo, e' stato un piacevole picnic.
Ho preparato per l'occasione delle meringhe, delle crostatine con la crema, una macedonia (questa l'ha fatta il marito), un pan di spagna riempito di nutella e ricoperto di zucchero a velo. Sono stata in piacevole compagnia, ho ricevuto dei bei regali (grazie!), abbiamo fatto due chiacchiere, qualcuno ha giocato a palla... insomma, alla fine sono contenta di averlo fatto, ecco. :-)



Siamo andati al Seagrove park in Del Mar, un bellissimo prato a ridosso dell'oceano, dove spesso e volentieri ci sono questi bellissimi matrimoni all'aperto con tanto di archetto e sedioline bianche.
Domenica non c'erano matrimoni, ma c'erano tanti picnic in corso e c'erano tanti bambini che giocavano :-) In particolare ce n'era uno bellissimo e silenzioso che si e' messo a giocare a palla con quelli del nostro gruppo, anche bravo per la sua eta'... e quando i nostri tornavano a sedersi per bere o mangiare o riposarsi, lui arrivava e si metteva dietro a guardarli con i suoi occhioni e a fare spallucce :-)
Un altro bambino invece avvicinandosi poco per volta e' arrivato a curiosare tra di noi e le nostre cose, guardandosi attorno, indicando il cibo e chiedendo "what's thaaaaat?" per ogni cosa :-) E alla fine si e' messo a mangiare i biscotti con noi.

Tutto cio' e' meraviglioso.
Sono consapevole che molto probabilmente non e' cosi' ovunque negli states e quindi mi sento grata di vivere in questo piccolo angolo di paradiso, dove i bambini corrono scalzi sui prati (puliti), giocano con chiunque abbia un pallone, attaccano bottone facilmente e mangiano cibo dagli estranei, senza nessuna paranoia da parte dei genitori.
Io a 32 anni ho ancora le parole di mia mamma che mi risuonano in testa "non parlare con gli sconosciuti", "non mangiare MAI cibo offerto dagli sconosciuti"... al punto che anche quando tipo al supermercato o in giro ci sono le ragazze che fanno assaggiare dei prodotti per pubblicizzarli io non riesco mai a mangiarli.
[per non parlare di "MAI andare in giro con i calzini bucati o le mutande sporche, perche' quello sara' il giorno in cui ti investiranno e ti porteranno all'ospedale"]

E alla fine, noi pochi rimasti ci siamo goduti il tramonto.

16 commenti:

Anonimo ha detto...

la vicina e' sempre piu' fuori di testa :) E comunque pensavo che tutto sommato non andare in chiesa non puo' che averle fatto bene. (ma io sono anticlericale dentro :))

bello il picnic e ottimo menu. volevo venire pure ioooo! :)

valescrive

Giacomo ha detto...

finalmente il picnic tanto atteso!
anche io ho notato un sacco di liberta' in piu' nei bimbi, io sono ancora terrorizzato dagli sconosciuti che offrono il cibo, dagli zingari che ti rapiscono, dalle siringhe in spiaggia, e un sacco di altre cose.. son tutte vere (ed appurate, soprattutto le siringhe con cui una volta mi ci sono quasi punto.. a quell'eta' nemmeno sapevo perche' erano cosi' pericolose e soprattutto perche' c'erano siringhe usate tra la sabbia :/) che magari in italia ci sono ma spero che in california sono pura follia

PS: non dirci che vai in giro con le mutande sporche :/ ahah

sfollicolatamente ha detto...

Marica tu sei una santa, sei cosi dolce con tutti! E infatti tutti vengono da te, e la vicina di sicuro non se la fila nessuno, tsk

Marica ha detto...

valeria: ahahahaha :-)
dai, prossima volta vi invitiamo!

giacomo: si, qui i bambini mi sembrano piu' liberi e i genitori meno apprensivi, ma poi magari e' solo una mia impressione. quello che e' certo e' che non ci sono siringhe in spiaggia (in spiaggia c'e' solo sabbia), non ci sono cacche tra i prati... il rovescio della medaglia e' che ogni tanto qualche pazzo entra in qualche scuola e fa una strage :-(
(ma ormai accade anche in europa)

sfolli: ahahahah
pero' a volte essere dolci e rispondere a tutti ha una contropartita... (sto pensando di mettere una tariffa oraria per le email di risposta :-P)

Alessandra ha detto...

...la storia dei calzini bucati e delle mutande mi fa rotolare dalle risate..anche mia nonna ce lo ripeteva in continuazione, come il fatto di non dormire mai nudi che se c'è un terremoto di notte ti trovi in strada stile Adamo&Eva...bhè sempre se c'arrivi in strada!!!

sfollicolatamente ha detto...

eh, anche a me non fa piacere quando mi chiamano skinny...a me qualcuno ha pure chiesto se ero anoressica - grrrr, ma ti pare che a 33 anni suonati mi faccio le pare col cibo? Non e' colpa mia se ho le clavicole a rubinetto della bici eeeh. Ma perche' sta gente non si fa i fattacci propri io non so...

sfollicolatamente ha detto...

(non c'entrava niente col post, ma ho visto il tuo status update..)

Fabrizia ha detto...

alla faccia della vicina...sono convinta che il picnic sia andato bene!!

Marica ha detto...

Alessandra: ehm, qui devo farti "una confidenza" (chiamiamola cosi').
Ero in Giappone in vacanza con il marito e una notte decisi di dormire nuda (cosa che di solito non faccio). Ci svegliammo nel cuore della notte in pieno terremoto, tremava tutto, e io a cercare di recuperare il pigiama e di vestirmi :-/ Per quando finii era finito pure il terremoto :-/
Beh, ora qui siamo di nuovo in zona sismica e quindi.... :-(

sfolli: ahahah, troppo carino il tuo commento, grazie... ma stavolta me lo sono detta da sola :-(
Ieri la mia bilancia "ha toccato il fondo" se possiamo dire cosi'.. ora sto qui che mi abbuffo :-)

fabrizia: :-)

dovecome ha detto...

:)

dovecome ha detto...

Marica ma non è che mia madre e la tua sono gemelle separate alla nascita? Ahahahah Mi sembra di sentire le sue parole...con qualche differenza però. La cosa dei calzini bucati e delle mutande sporche non me l'ha mai detta e mai me la dirà...che io possa finire in ospedale è inconcepibile per lei anche solo come ipotesi remota.
Quello che mi dice sempre, quando esco di casa, è "stai attenta!" senza specificare a cosa...così a prescindere...tanto per mettermi un po' d'ansia. :)))

Marica ha detto...

dovecome: ahahahha, anche la mia, tutt'ora, mi dice sempre "stai attenta", ahahahahah ;-D

Manu di Pocapaglia (CN) ha detto...

Cara Marica,

in Italia sono più apprensivi poichè la società è fondamentalmente "mammona" e iper-protettiva. Ci sono i pro e i contro. Finalmente sto benedetto picnic. Confermo che sei una santa donna. Marica Santa Subito! Suona bene :-)))) Due cose: è bellissimo camminare a piedi nudi nell'erba soffice magari appena riscaldata dai primi raggi di sole con quel senso di frescura che ti penetra sotto i piedi. E poi skinny...e mangiare un pan di spagna riempito di nutella e ricoperto di zucchero a velo..ecco quella è la strada!! Anzi uhmmmmm...mi hai fatto venire un idea....

Tanti cari e affettuosi saluti da tutti noi

Manu & Cla & Damiano da Pocapaglia (CN)

Marica ha detto...

:-)
vado a mangiare un po' di nutella pure io...

Cri ha detto...

voglio venire anche io a mangiare la nutella sul prato di del mar con questa pazientissima marica che riesce a sopportare la vicina anche dopo tutte le cavolate che quella le ha detto!

Marica ha detto...

:-P
prossimo picnic ti invito!