5/26/2011

748 - brrrr, la breeze

Ore 3pm, fuori il cielo e' azzurro, il sole splende, il termometro mi dice che ci sono 30 gradi (celsius ovviamente).
Avevo deciso di fare un salto al mare.... ma poi non so, non sono piu' dell'umore, quindi decido di andare semplicemente a sbrigare le mie commissioni alla posta e al supermercato.

Esco di casa in maglietta-pantaloncino-infradito (eh, ci sono 30 gradi!), salgo sulla bici, due pedalate e... brrrr, che freddo!
Freddo? Si, freddo!
Colpa della ocean breeze, questa aria fresca (fredda) che viene dall'oceano!
Perche' il sole e' caldo si.. e quando l'aria e' ferma se ne sente il tepore sulla pelle, ma quando soffia il vento le temperature precipitano.

E cosi' in bici in discesa mi e' venuta la pelle d'oca :-(

9 commenti:

Simone ha detto...

per me sapere che dall'altra parte dl mondo una persona scrive un blog, ha intenzione di andare al mare o semplicemente deve andare alla posta quando io invece sono nel bel mezzo della fase rem è semplicemente fantastico!!!! diamine mi accontento di poco!!!

aliceintheland ha detto...

e' successo tante volte anche a me qui a dublino ma adesso quel (qui raro, devo ammettere) cielo blu non mi inganna piu'!

Anonimo ha detto...

Ocean breeze......
Immagino la goduria nello stare sdraiati a prendere il sole!

Emanuela

Marica ha detto...

simone: mi piace il tuo ottimismo! :-)

aliceintheland: :-)

emanuela: eh.. goduria.. freschetto piuttosto!

Steno ha detto...

quando ho letto 30° a san diego mi sono detto "ma allora io dove vivo??" poi leggendo ho capito :) e confermo. fa caldo e freddo nello stesso momento qui, è un casino scegliere come vestirsi!

Marica ha detto...

steno: esatto, fa caldo e freddo allo stesso momento.. esci di casa e devi portarti le varie "opzioni" dietro :-)

Steno ha detto...

e si è proprio così, infatti zainetto sempre sulle spalle :)

Manu di Pocapaglia (CN) ha detto...

Cara Marica,

goditi l'ocean breeze. Sarò pleonastico ma meglio l'ocean breeze che il blizzard di Boston. Comunque nulla mi toglie dal cuore che ho una nostalgia matta per quelle belle invernate di tramontana con quel cielo blu meraviglioso che assaporavo a Roma quando ero bambino. Ne andavo matto. Mi piaceva essere trasportato dal vento

Cari saluti

Manu & Cla di Pocapaglia (CN)

Marica ha detto...

:-)