7/18/2011

803 - il centro commerciale e il drybar

Da diversi mesi sono partiti i lavori di ristrutturazione del centro commerciale vicino casa, quello per intenderci dove ci sono un paio di supermercati, la libreria, la farmacia, l'ottico, diversi posti che fanno cibo a portar via, il cinema e qualche negozietto di vestiti.
La ristrutturazione procede avanti per fasi, per cui ci sono parti del centro commerciale che sono state messe a nuovo, mentre altre sono ancora vecchio stile... e la cosa particolare e' che quelle zone che sono state ristrutturate si sono inspiegabilmente infighettite! :-/
Tipo: nelle zone vecchie c'e' ancora quello che fa i tacos a portar via o il riso fritto, dove lavorano messicani e orientali di nero vestiti; nelle zone ristrutturate hanno aperto un posto che fa gli hamburgers (mi scuso con i vegetariani) che sembra una discoteca di milano (non so perche' mi e' uscita cosi'... non sono mai stata in discoteca a milano) con tanto di musica, luci, fila fuori e cameriere che sembrano ragazze cubo... oppure hanno aperto un ristorante greco che e' al di fuori della solita catena di "dafne's" e sembra un ristorante vero.
Nella zona vecchia ci sono poi quei negozietti di vestiti tipo boutique, mentre nella zona nuova hanno aperto uno di quei negozi che io chiamo californiani (skates, felpe, infradito, costumi da mare e similari).
Il cinema, che e' stato ristrutturato, si chiama ora "cinepolis luxury cinema", e prima delle sale non c'e' il solito ragazzino in divisa bianca-rossa-blu che vende popcorns ed altre schifezze ma c'e' un barman incravattato, ci sono tavolini di vetro e poltroncine di pelle (mi scuso sempre con i vegetariani).
Insomma, qui si stanno infighettendo... la mia preoccupazione e' cosa ne sara' del supermercato e se potro' continuare ad andare a fare la spesa in infradito, t-shirt e pantaloncini da sport mettendo tutto nel cestino della bici...

Anyway... l'altra sera eravamo appunto andati al supermercato in tuta quando ci siamo bloccati davanti a questa vetrina:



Ci abbiamo messo un po' a capire di cosa si trattasse.
Lungo bancone bianco, sedie con davanti dei librettini, un paio di monitors della apple e la scritta "drybar"... ci siamo chiesti cosa si potesse fare li' dentro... poi abbiamo letto in vetrina "no cuts, no colors, just blowouts".
Cosa sia il blowouts ce lo stiamo ancora chiedendo, ma abbiamo dedotto si tratti di un posto dove semplicemente asciugano i capelli.
Questo e' il sito.
Questo in particolare e' il menu.

Non credo ci entrero' mai, ma conosco almeno un paio di persone in italia che sarebbero ben contente di avere un posto cosi' vicino casa :-)

15 commenti:

Nega Fink-Nottle ha detto...

Gulp, mai vista una cosa così O__O
Però mi sembra quasi simpatica come idea :)

pamela ha detto...

wow...è bellissimo!

Giacomo ha detto...

un posto solo per asciugare i capelli? che inutilita', i capelli si asciugano benissimo al vento o col phon di casa...
ed ecco che un esercito di gente coi capelli lunghi mi da' la caccia :D ahahah
sembra carino come posto, mai dire mai :D io voglio vedere il cinema pero'! :-P

Nikla ha detto...

Wow questa cosa dell'infighettimento generale è un po' inquietante...
Ci sarebbe da chiedersi dove vanno a finire quei negozietti e quei localini per mangiare tacos o quelli orientali...vanno da qualche altra parte? I dipendenti hanno perso il lavoro?

Ahhh Maki ti volevo chiedere una cosa, lì in California se vai in un ristorante o una pizzeria ma non finisci tutto, c'è la possibilità di portare a casa quello che hai lasciato oppure sei un cafone come qui in Italia se chiedi un cartone x pizza da asporto?

Cri ha detto...

ho visto nel sito che si possono anche organizzare "private parties" con le amiche....prossimo compleanno?

Brioscina ha detto...

Sai la cosa carina sono le foto con le diverse messe in piega! Io dal parrucchiere non riesco mai a spiegare come li volgio asciugati!

Ali ha detto...

Ecco, io sognerei un posto così vicino a casa! :)
Comunque il bello dell'america è che anche nei posti fighetti ti puoi presentare in shorts e infradito, o in tuta, e nessuno ti degna di uno sguardo. Non siamo mica in italia!!!

Fabrizia ha detto...

sono tra quelle che ci andrebbero volentieri:: non perchè sia una fedele frequentatrice di parrucchieri..anzi!ma perchè sono prorpio negata ad asciugarmi bene e con un minimo di piega i capelli!!

Laura ha detto...

Shoking! Certo che ne inventano sempre una.. :)

Eleonora ha detto...

A parte i prezzi assurdi, il drybar è fantastico!

Marica ha detto...

nega fink-nottle: :-)

pamela: ahahah :-)

giacomo: esattamente quello che dico io: i capelli si asciugano al vento o al limite con un colpo di phon... gratis :-P
vedro' di fare foto anche al cinema!

nikla: eh non lo so che fine fanno gli altri... tipo al posto dell'hamburger figo c'era un paninaro, e le persone che lavorano ora non sono le stesse che lavoravano prima... forse vengono messe a lavorare da un'altra parte? non so...
ah, per gli avanzi, e' vero, devo farci ancora il post: ti danno la scatola, sisisi, anzi ti chiedono loro se la vuoi! :-)

cri: ahahahahah! vero! :-/

brioscina: ma in quelle foto i capelli mi sembrano sempre uguali :-P, cmq si come idea puo' essere utile... soprattutto per chi e' in terra straniera :-)

ali: :-)
e' vero... hai ragione! ogni tanto me ne dimentico :-P

fabrizia: bene.. quindi anche in italia avrebbe successo... consideratelo come suggerimento per aprire un bussiness allora :-D

laura: :-)

eleonora: in effetti io le due volte che ho tagliato i capelli sono andata da una parrucchiera un po' sfigata che per 35 dollari mi ha fatto sia taglio che messa in piega :-)

Nikla ha detto...

Fantastico, qui ti guardano come il peggiore dei cafoni se chiedi di portare a casa gli avanzi!! Come se buttare il cibo fosse molto più chic :-/

Marica ha detto...

nikla: infatti!! qui stanno avanti :-D
appena vado a cena fuori e prendo la scatola ci faccio un post!

Brioscina ha detto...

A me è capitato che avevo lasciato tantissime cose nel piatto, e il cameriere voleva per forza che me le portassi a casa. Ma io ero in vacanza, il giorno dopo partivamo per una corciera, non sapevo prorpio cosa farci con gli avanzi! Alla fine mi ha fatto sentire in colpa che non me li stavo portando via! Per lui è stato quasi un affronto personale, e sì che gli avevo lasciato una bella mancia!

Marica ha detto...

questo in america suppongo, vero?