7/21/2011

808 - consapevolezze che portero' in valigia

Ogni volta che torno in Italia c'e' sempre qualcuno che, scherzando, mi dice "ah, e' tornata l'americana!", ma io americana non mi ci sono mai sentita ne' mi ci sento. Questa volta pero' mi sono accorta che tornando in Italia portero' con me in valigia diverse consapevolezze che mi ha dato l'America, insieme a quelle il cui seme era gia' dentro di me, ma solo qui e' germogliato.

Consapevolezze che portero' in valigia (in ordine casuale):

- che ricevere/donare un sorriso, anche se in alcuni casi finto, e' meglio di ricevere/donare un grugnito vero;
- che si puo' parlare con gli sconosciuti in giro per strada con il solo fine di parlare;
- che tutti ci possono donare qualcosa (non in termini materiali);
- che nella vita tutto si puo' fare, ma bisogna provarci;
- che la pizza gli americani non la sanno fare;
- che e' possibile un mondo dove tutti rispettano le cose e le persone, ed e' un mondo dove si vive meglio;
- che gli americani sono simpatici e disponibili e cordiali;
- che ci si puo' reinventare anche a 30 o a 40 o a 50 anni;
- che le distanze geografiche non sono poi cosi' grandi come sembrano;
- che le proprie diversita' non vanno nascoste, ma accettate e valorizzate;
- che l'inverno mite e' una gran figata;
- che l'estate mite e' una gran figata;
- che sarebbe opportuno istituzionalizzare quell'anno di passaggio tra scuole superiori e universita' come "anno del viaggio", obbligatorio per tutti, in cui si dovrebbe partire con un semplice zaino e un biglietto aereo alla scoperta di qualsiasi posto nel mondo, perche' quello che molti chiamerebbero "un anno perso" in realta' sarebbe "un anno guadagnato";
- che si lavora troppo;
- che fare sport fa bene;
- che esistono donne che hanno 3 figli e non sono affatto casalinghe snervate e sfatte;
- che non bisogna giudicare dall'abbigliamento;
- che se qualcuno ci si rivolge in modo scortese la miglior cosa da fare e' rispondergli in modo cortese;
- che ci si puo' fidare degli altri;
- che la felicita' e' dentro di noi;
- che la vita va presa come un gioco (take it easy);
- che a volte bisogna correre il rischio di essere un po' sfacciati;
- che ogni lasciata e' persa.

PS avevo dimenticato:
- che non c'e' niente di male nel mangiare qualcosa fuori casa o nel prendere qualcosa di pronto dal supermercato, quando non si ha voglia di cucinare :-)

30 commenti:

Giacomo ha detto...

oh che bello :-) hai tutta la mia approvazione

Anonimo ha detto...

bel post! saluti dal kentucky

Pentapata ha detto...

lo stampo e lo 'mpiccico dappertutto

Speranza ha detto...

Dove devo mettere la firma?
Così sarai tra noi fra poco! Chissà quante pizze mangerai!

Moky ha detto...

Marica, sottoscrivo a tutte le tueconsapevolezze, che vorrei chiamare "insights", ma non mi viene la parola in italiano!!
Vedrai che una volta in Italia, ti sentirai piu' "americana" di quello che pensi...

p.s.: secondo te, sii onesta, sono una casalinga sfatta e snervata? perche' ultimamente mi sento rotolare in quella direzione...

Buon viaggio e buona vacanza!!

Moro ha detto...

Dopo lo stampo e ci faccio un poster grande come la parete della camera!!

E con quello che scrivi la mia voglia di prendere e partire è sempre maggiore!!

giulia (SB) ha detto...

Buon viaggio Marica!!! (invidia invidia invidia.. ho voglia delle sere d'agosto italiano in giro per le sagre di paese!) :)

Nega Fink-Nottle ha detto...

Bellissimo post!! :))))
A me, che poi mi sono spostata di 500 km e non di continente, quando torno a casa mi dicono "Ah, è tornata la veneta!".
Sarà perchè ormai l'accento piemontese l'ho perso del tutto a favore di un veneto un po' ibrido, ma sono sempre gianduiotta nel cuore :D

marco ha detto...

Bellissimo post! Perchè si sente che sono tue, che le hai vissute, sudate e guadagnate.Brava!

Anonimo ha detto...

Quanto condivido!! tutto!! al 100%!! Non mi dire che tu arrivi in Italia e io parto per l'America?!! a fine agosto sarò a San Diego e sarebbe stato carino incontrarti.

Gaia ha detto...

Che belle riflessioni Marica! Ci penserò sopra con calma.
Intanto ti auguro buon viaggio... ma passerai anche da Torino o dalla Val di Susa?

Brioscina ha detto...

Quant'è vero... se passi da Roma fammi sapere!

Santarellina ha detto...

Ma una volta arrivata a Roma, svuoti la valigia e lasci tutto qui da noi, vero? :)

Fabrizia ha detto...

bellissimo post!

digitalnomad ha detto...

e sì a sentirti vien voglia pure a me di mollare tutto e venire lì a San Diego

Silvia ha detto...

bel post!
allora buon rientro in Italia!
Silvia

Anonimo ha detto...

Ditto!

Dora

Nikla ha detto...

Anche se non sono mai stata negli States la maggior parte di queste consapevolezze le ho anch'io...per cui non posso fare altro che condividere!

In valigia porta anche una bella confezione maxi di "pazienza" che insieme ai sorrisi ti aiuteranno a sopportare certe domande, certe battute e chi non sarà carino con te.
Un abbraccio

Marica ha detto...

Giacomo: :-) grazie per l'approvazione!

Anonimo: saluti a tutto il kentucky!

Pentapata: ahahahaha

Speranza: pizza pizza pizza! :-)

Moky: insights! mi piace questa parola!!
ma no, non sei sfatta e snervata, anzi! Immagino che gestire 4 figli non sia affatto facile e, giusto per farti un esempio, vorrei proprio vedere quante donne italiane con 4 figli partirebbero per un bel viaggio come quello che avete fatto voi!! :-)

Moro: :-D

Giulia: grazie... anche se per la partenza manca ancora...un mese! :-/

Nega Fink-Nottle: vero, in italia basta che ti sposti di pochissimo e pare che hai fatto chissa' quale cambiamento drastico nella vita :-)

marco: vero... che poi magari certe cose dipendono esclusivamente da me e non c'entrano niente con l'america, magari e' solo una coincidenza che mentre le ho maturate ero qui... oppure no :-)

Anonimo: a fine agosto saro' in italia! Ma quando arrivi e quando riparti? Certo incontrarsi con un anonimo sarebbe proprio incontro al buissimo!

Gaia: grazie :-)
Per il mio viaggio in Italia... ehm, credo che non ce la faro' ad arrivare anche in piemonte :-(

brioscina: ah, sei a roma! allora aspetto che prendo l'agendina degli impegni :-P

Santarellina; ahahahaha! carina questa! e per il ritorno la riempio di parmigiano, ciobar, zafferano, lievito pane angeli e galatine :-P

fabrizia: :-)

digitalnomad: :-)

silvia: grazie :-P

dora: ditto?

nikla: e' vero... avevo dimenticato che dovro' armarmi di tanta ma tanta pazienza... :-/

Silvia Pareschi ha detto...

Condivido anch'io! Saggia donna!

Pookelina ha detto...

Mi piacciono queste tue perle di saggezza! Un abbraccio, Marichina!

sfollicolatamente ha detto...

Quante cose verissime!
Soprattuto il take it easy, il gap year, e anche il sorriso finto, che io ci ho mesos un po' a capire sta cosa degli inglesi, ma poi mi sono resa conto che non vale la pena essere maleducati per il gusto di 'dire le cose come stanno', e non c'e' niente di male nel cercare di dire le cose in modo che sembrino un po' meglio di come sono (ora non dico piu: 'ma che paper orrendo che hai scritto', piuttosto dico 'e' un buon inizio, ma pensiamo a come migliorarlo insieme..' ;-))

Il bona ha detto...

Copio e incollo il Moro. Stampo e faccio il poster, non scherzo lo faccio davvero.
Mentre per quanto riguarda la voglia di mollare tutto e venire in California, beh era già ai livelli massimi. Ah Marica grazie x il blog è uno spasso.

Marica ha detto...

Silvia: :-)

Pookelina: ma chi si rivede!!! :-D

Sfollicolatamente: bravissima! :-)

Il bona: :-)
me stai simpatico! :-)

Bruno ha detto...

Beh ritorni con un bel bagaglio di pensieri, soprattutto si lavora troppo e le distanze non sono poi così grandi come sembrano !

Marica ha detto...

bruno: :-)

Dindomia ha detto...

Hai ragione Marica... sono l'anonimo (di questo post e di altri... commercialista... ricordi?), scusa non mi sono ancora decisa a iscrivermi al tuo blog anche se ti seguo da un po'!! Sono Ornella (Dindomia) e sarò in USA dal 11 al 30 agosto con un tour on the road... non voglio dilungarmi forse è meglio se timando una mail.
Buona giornata

Giacomo ha detto...

Marica: se Dora non risponde: ditto vuol dire che anche lei e' d'accordo! il ditto mark sono quelle due lineette " che quando le metti all'interno di una frase vogliono dire che ripetono la parola nella frase sopra! come in italiano

Marica ha detto...

Dindomia: ehm.... ricordo? .. ehm...
bello il tour on the road!

Giacomo: oh! grazie!

Anonimo ha detto...

una splendida lista.

e condivido ogni "che..."


- chiaraluz

(http://chiaramente.style.it/)