8/02/2011

818 - i vicini

Eccovi una bella e accurata mappa del mio vialetto, cosi' vi presento tutti i vicini di casa:



Abitiamo in una stradina senza uscita (qui chiamata cul de sac), una delle tante che caratterizzano i sobborghi americani; la casetta A e' la prima che si incontra entrando, da li' le ho nominate con le lettere dell'alfabeto italiano in senso anti-orario... e io abito in S (si, quella che vedete sono io :-P).

A: quelli un po' scontrosi: una volta il marito era andato a parlarci ma loro erano stati un po' scontrosi, ci limitiamo a salutarli; hanno una prius, un cane grosso e dall'aspetto scontroso, e un bambino biondissimo di circa sei mesi.

B: quelli in affitto: stanno qui da un annetto e sono in affitto, nel garage hanno solo la macchina... il che e' impressionante per gli standard americani :-); non ho capito bene quanti siano, io vedo sempre e solo una donna bionda, pero' hanno due macchine, quindi presumo siano almeno in due.

C: quelli con il garage strapieno: hanno il garage strapieno! Hanno l'abitudine di entrare e uscire dalla porta del garage anche quando sono a piedi, per cui mi capita spesso di buttarci un occhio... tempo fa c'era solo uno stretto corridoio tra due file di scatoloni che arrivavano fino al soffitto, ultimamente hanno dato una ripulita e riescono a parcheggiare la macchina all'interno, mentre l'altra meta' del garage e' sempre sommersa dagli scatoloni; coppia anziana.

D: il single: uomo solitario sui 45-50 anni, tutti i giorni (compreso il weekend) rientra a casa alle 2:40pm e va subito a buttare la spazzatura. Nel garage ha gli attrezzi per fare sport e spesso esce in bici.

E: quelli di fronte: coppia di qualche anno piu' grande di noi, hanno una bellissima vespa gialla (invidia!), un pick-up nero, almeno 5 o 6 biciclette, e ultimamente hanno cambiato macchina e si sono fatti un suv; anche loro "problemi procreativi", ma ultimamente a me sembra che lei abbia la panza... auguri :-)

F: la Vicina: lei quella con la V maiuscola, con rispettivi figli; praticamente mi abita in diagonale, ma quando richiama i figli la sento anche se le porte e le finestre di casa sono chiuse.

G: quelli a casa di Victor: un paio di mesi fa Victor si e' trasferito a San Francisco per lavoro, e ha dato casa in affitto ad una giovane coppia con un bellissimo bambino biondo di 15 mesi :-)

H: il ragazzo delle bici: non so cosa faccia nella vita, avra' piu' o meno 30 anni, solitamente ha la porta del garage aperta e lo si puo' osservare metre olia o sistema le bici (tipo 4); sempre supersorridente :-)

I: la coppia anomala: lui avra' tipo sessant'anni... lei tipo trenta e sembra pocahontas.

L: Mary: signora sui sessanta, simpatica e sorridente.

M: Jim: Jim e moglie, hanno un pickup, che parcheggiano sempre fuori dal garage, ed almeno 4 bici pure loro (non e' che sono fissata io con le bici... lo sono gli americani :-) )

N: i Weasleys: lei ha i capelli rossi, il marito non l'ho mai visto ma prob ce li ha rossi pure lui, hanno due figli con i capelli rossi ricci e le lentiggini di circa 10 anni.. piu' hanno un cane e forse un gatto.

O: il vicino diverso: di lui ho parlato tempo fa, vive qui con il suo cane che sembra lui fatto animale... si vede spesso fumare fuori casa.

P: la casa del mistero: boh...

Q: i cinesi con la bambina: si sono trasferiti da pochi mesi, una coppia di cinesi con una bellissima bambina che ha meno di un anno, sembra una bambola, e' sempre immobile, con i capelli nerissimi e gli occhi enormi che osserva senza battere ciglio :-)

R: gli invisibili: una coppia di anziani che vengono in questa casa mediamente una volta ogni due mesi per un weekend, per il resto e' vuota :-/

S: noi!

T: i russi: coppia di signori russi sui sessanta, cordiali e disponibili; lei esce tutti i giorni in tuta per buttare la spazzatura verso le 3pm, lui rientra verso le 5pm.

U: i cinesi con il bambino: hanno traslocato da tre settimane, coppia di cinesi con un bambinetto di sei mesi circa e una coppia di genitori che vive con loro.

Se avete letto tutto avrete capito che le case in blu sono quelle con bambini piccoli o bambini che stanno per nascere... casualmente casa nostra e' piu' o meno quella a meta' strada tra tutti, specialmente tra i cinesi con la bambina e i cinesi con il bambino, che si incrociano qui davanti e chiacchierano... mi sento un po' circondata da tutti questi bimbi: se sono di luna buona li chiamo i futuri compagni di giochi, se sono di luna storta li chiamo i piccoli mostri :-)

8 commenti:

erix ha detto...

sulla casetta N me sò tajata...

:D

Moro ha detto...

Una spiegazione perfetta, mi sembra quasi di essere un vostro vicino dal tuo schemino!!E soprattutto..sorprendente la multietnia e la varietà di personaggi in una singola via, non oso immaginare SD nel suo complesso!!

Wanesia ha detto...

Prenderei volentieri la casa R "degli invisibili", pobrabilmente possono affittarla..., :))) (ho visto un film, con questa trama....gli invisibili erano dei fantasmi che venivano nella loro vecchia caasa, pero´ la casa era stata affittata ad una giovane coppia :P uhmmm brividi :P)))
Opss ma cosi´ se tu abiti in S siamo vicini vicini ^^
ciao buona giornata

Manu di Pocapaglia (CN) ha detto...

Cara Marica,

bellissimo capitolo quasi romanzesco questa descrizione dei tuoi vicini con con uno schema che ricorda una catena dell'alfabeto di chimica. Cose sorprendenti: i cinesi! Ma quanti ce ne sono in giro! Quello che colpisce è la presenza variegata di nazionalità e la presenza di biciclette..e mi ha colpito il fatto che menzioni l'ora in cui vanno a buttare la spazzatura! La sensazione complessiva però è complessivamente una atmosfera di estraneità e di convivenza forzata, di isolamento nel proprio orticello e di estemporaneità, di precarietà. Come se la situazione cambi continuamente. Non so è quello che provo. Non credo che sia facile per i bimbi adattarsi ad una simile situazione in quanto hanno anche bisogno di una certa stabilità. Cmq è una situazione che ho riscontrato anche a Boston.

Aahhaha...piccoli mostri...capisco...Aahahahah :-))

Cari saluti

Manu & Cla di Pocapaglia (CN)

Giacomo ha detto...

ma il disegno l'hai fatto fare a un bimbo? :-) ahahah

Marica ha detto...

erix: :-D

moro: vero... alquanto multietnico (che la Vicina e' anch'essa coreana)

wanesia: ahahaha, ma si vieni qui nella casa R, dai! :-)

manu: vero, c'e' un po' di isolamento... perche' ognuno ha la propria casetta... pero' a volte quando qualcuno lascia il garage aperto e' quasi un invito per quelli che passano a lasciare un saluto e magari fare due chiacchiere....

giacomo: :-/.....

Dario ha detto...

La prossima sfida sarà quella di riconoscere il passaggio dei tuoi vicini solo attraverso l'ascolto del rumore dell'auto. :-)

Marica ha detto...

:-D