8/08/2011

824 - serata di musica dal vivo

Io e il marito siamo molto casalinghi, cioe' la sera spesso stiamo a casa, in parte perche' durante la settimana il marito mi torna a casa distrutto, sia perche' durante il fine settimana preferiamo uscire di giorno e fare vita all'aria aperta, e poi quando arriva la sera siamo stanchi :-).
A novembre (scorso) ho deciso che una sera saremmo usciti per andare a ballare, solo che siamo cosi' pigri che abbiamo rimandato e rimandato e rimandato... qualche settimana fa un sabato sera siamo usciti in ricognizione, cioe' verso le 22 abbiamo preso la macchina e in tuta e con poca voglia addosso abbiamo fatto un giro nei dintorni (senza arrivare a downtown) per capire dove ci fosse movimento. Abbiamo individuato un paio di locali, di uno dei quali avevo gia' sentito parlare, il BellyUp.
Consultando poi il sito internet ho visto che il BellyUp e' un posto dove fanno spesso e volentieri musica dal vivo, quindi ho deciso che anziche' andare a ballare musica dance a downtown vestita come una sgallettata sarebbe stato meglio iniziare con un posto con musica dal vivo vicino casa dove sarei potuta andare tranquillamente in jeans e maglietta [non che a downtown la musica dance bisogna ballarla vestiti in un certo modo, ma e' per far capire la differenza].

Venerdi' quindi siamo andati, con una serata di covers di musica rock in programma. La musica iniziava alle 21... ma noi abbiamo ancora problemi con questi orari, quindi siamo arrivati alle 21:30. Il posto mi e' piaciuto: palco sul fondo, spazio vuoto davanti (per chi vuole ballare o stare in piedi ecc), tavolini con sedie di lato, bancone dall'altro lato. Ho ripensato a quando andavamo alle serate di Radio Rock a Roma, ma ho notato due differenze sostanziali.
La prima e' l'eta' media. A Roma quando andavamo a ballare gli ultimi tempi (e parlo di anni fa) io e le amiche eravamo tra le piu' vecchie, che l'eta' media era sui 20 anni; in questo posto invece l'ingresso e' vietato ai minori di 21 anni (ehehehe) e l'eta' media era cmq alta... oserei dire sui 35-40 anni. "Colpa" delle covers in questione (Led Zeppelin, AC-DC, Rush)? Non saprei, forse si. Bisognera' tornarci per capirlo.
Altra differenza e' che era vietato fumare... ma non come in italia, dove in teoria e' vietato fumare, qui era vietato davvero. E siccome era vietato anche fare "ins and outs" (uscire e rientrare) praticamente nessuno fumava e/o puzzava di fumo. Quindi siamo usciti dal locale che non puzzavamo. Wow :-)
Quando pero' siamo usciti ci siamo resi conto che era veramente da tanto che non andavamo in un posto del genere, e abbiamo riscoperto la brutta sensazione delle orecchie che fischiano :-(

La musica non era il mio genere, pero' e' stata cmq una bella serata. In particolare mi sono divertita assai con il secondo gruppo (in tutto erano tre): il cantante era fisicamente come Paolo Villaggio, ma vestito come Jovanotti e con atteggiamenti e mosse alla Piero Pelu'. Qualcosa di tragicomico :-).
Questa e' la foto fatta dal marito, ma non si capisce bene:



(un'altra su questo sito).
In compenso il chitarrista era un gran bel ragazzo, che ad un certo punto ha ben deciso di togliersi la camicia e di suonare a petto nudo :-P.

Ora che sono tornata sul sito del BellyUp ho individuato la mia prossima serata: sabato 13 agosto con musica reggae e ska :-) Sulla relativa pagina a destra si puo' ascoltare un assaggio dei gruppi che suoneranno, e mi piace :-)

A questo punto ho pero' una richiesta; Nikla!!!!! Teletrasportati qui che andiamo!!

[Per chi cerca info sulla nightlife a San Diego questo sito potrebbe essere utile]

12 commenti:

Anonimo ha detto...

Non ricordo quand'e' stata l'ultima volta che ho avuto il privilegio di andare ad ascoltare musica dal vivo :)))) Per quanto non ti sia piaciuta o non sia il tuo genere credimi, e' davvero un privilegio.


Aspetta che vi arrivi il pargolo e buona notte ai suonatori!

Mio marito e' in viaggio per lavoro e non ho nemmeno il privilegio di andare in bagno da sola! Mia figlia mi segue ovunqueeeeeeeee! E non solo mi segue anche li' ma non si accontenta di stare a guardarmi in silenzio no! Mi avvilisce con le dita negli occhi, mi tira le orecchie, mi infila i giocattoli in bocca! Tutto per attirare la mia attenzione :(((((


Per non parlare poi del fatto che siccome il padre non c'e' sta dormendo nel lettone con me e prima di addormentarsi fa in ordine di tempo:

-trenta minuti di capriole
-venti minuti di saltelli
-venticinque minuti di calci nella pancia della mamma
-quindici minuti di pugni in faccia alla mamma
-dieci minuti di strilli e pianti perche' io ho perso la pazienza e le ho dato uno sculaccione
-cinque minuti di capricci perche' ha perso il giocattolino che si era portata a letto con noi (e si deve sperare che il giocattolo che deve dormire con noi non sia un pallone ad elio o qualcosa del genere)

e poi finalmente ritrovato il giocattolino, mi abbraccia, mi bacia, mi dice I love you bene mamma, e dopo altri dieci minuti di capricci perche' vuole vedere i cartoni animati e io non glie li faccio vedere, si addormenta.

Tu sei ancora giovane e forse non farai tanta fatica a star dietro ad un figlio ma io la sera sono distrutta. Mi sembra di aver scalato il Mt Everest!


Dora

Marica ha detto...

dora: va bene che io ci ho fatto il callo a certe cose... ma questo non ti sembra come mangiare una bistecca davanti ad un vegetariano?

manulea ha detto...

"anziche' andare a ballare musica dance a downtown vestita come una sgallettata"... ha ha ha, Marica, sei forte... mi hai fatto morire dalle risate!

Giacomo ha detto...

orecchie che fischiano? perche'? :P

erix ha detto...

-trenta minuti di capriole
-venti minuti di saltelli
-venticinque minuti di calci nella pancia della mamma
-quindici minuti di pugni in faccia alla mamma
-dieci minuti di strilli e pianti perche' io ho perso la pazienza e le ho dato uno sculaccione

Solo dopo 95 minuti perdi la pazienza?
Complimenti, io je menavo subito, subito nel letto suo e buona notte!

gG ha detto...

@dora, @erix,

io non mi ricordo di aver mai fatto "procedure" così da piccolo, ma credo che dipenda dal fatto che la prima volta che l'ho solo pensato ce le ho prese e me so bastate... ^_^

Nikla ha detto...

Makiiiii ora mi metto a piangere!!
Quanti ricordi :')
Certo è che le ultime volte già non mi sentivo più a mio agio in mezzo ai ragazzini di primo anno universitario.

E cmq sta tranquilla, io con Nicla sono andata a diverse serate di musica dal vivo, quand'era ancora nel carrozzino. Se la portassi adesso starebbe a ballare al centro della pista molto più tempo di me!!

Anch'io mi sono impigrita parecchio con gli anni, mi piace molto più l'ambiente domestico...le cene...
Immagino che lì questi live siano molto più organizzati dei nostri, dalla foto sembra un bel palco...qui i musicisti vengono trattati vergognosamente, strumentazioni del dopoguerra, se pigliano 50 euro è andata bene...e i risultati si vedono!!
Basta ho deciso, mi teletrasporto lì!

Anonimo ha detto...

Marica,

Ti assicuro che se sono sincera quando dico che mi mancano tantissimo la liberta' di poter uscire o di poter andare in bagno da sola. Del resto il momento in cui non potrai piu' fare queste cose verra' anche per te. Per noi che abitiamo lontani dalla famiglia l'aiuto e' nullo a parte il nostro partner e quando nemmeno questo c'e' perche' in viaggio siamo assolutamente sole. Personalmente ci sono momenti in cui sono disperata perche' mi mancano le forze. Vedrai quando capitera' a te e mi darai ragione. Goditi l'attesa. Ti ricordi la poesia "il sabato del villaggio?" Ecco e' cosi'. E' bello anche immaginare cio' che verra'. Perche' affligersi nel pensiero negativo che potrebbe non succedere o cose del genere? Sei ancora tanto giovane e avete fatto tutto quello che potevate e dovevate fare no? Quindi ora godetevi l'attesa come un momento positivo, cogliete l'occasione per fare le cose che potete fare ora. Ricorda solo che una volta che le cose cambieranno sara' per sempre, lo so che e' esattamente questo che tu vuoi ma in futuro non ci sara' nemmeno un secondo della vita vecchia, nemmeno un secondo in cui potrai fare una delle cose della vecchia vita che amavi, o almeno non nel modo in cui le facevi prima. Dovrai aspettare anni e anni prima che potrai farlo di nuovo. There's no coming back, come dicono gli Americani, quindi tanto vale godersi cio' che ti piace ora, tanto poi cio' che sara' sara'.

Non era mia intenzione cercare di farti invidiare la situazione. Ho avuto mia figlia a 41 anni. Prima non ho potuto. Ci sono vari motivi per cui non si possono avere figli. Io non ho potuto aver figli prima perche' non ero con nessuno e non si possono aver figli da soli no? Sono stata sposata precedentemente ma il mio primo matrimonio faceva schifo e decisi che non era il caso di mettere al mondo un figlio con il partner sbagliato. Poi il divorzio e poi sono stata single per un po'. Storie varie ma niente di serio. Sinceramente quando ho conosciuto il mio attuale marito non credevo che avrei avuto una seconda possibilita' e invece e' successo. Ho sempre pensato che sarei voluta diventare mamma ma ad un certo punto avevo pensato che avrei dovuto rinunciarci. E invece poi e' successo lo stesso. Ora pero' capisco che ci sono tante cose che una volta che sei mamma non puoi piu' fare e non potrai mai piu' fare, almeno non finche' tuo figlio non andra' all'universita' e penso che forse avrei dovuto assaporare meglio quelle cose prima e godermele con uno spirito diverso invece che star li' a piangere perche' non avevo un figlio da godermi. Capito cosa voglio dire?
Insomma, non viviamo appieno le cose che facciamo nell'attesa di un figlio perche' desideriamo il figlio e poi dopo quando abbiamo il figlio ce ne pentiamo perche' non possiamo piu' farle.


Dora

Anonimo ha detto...

@ Erix & Gc

Perdo la pazienza con mia figlia almeno 20 volte al giorno. Se volessi perdere la pazienza dopo solo 1 minuto di quelle procedure anziche' 20 volte al giorno la perderei 2 milioni di volte al giorno. Mia figlia e' un tornado! Non sta mai ferma. Per portarla a letto la devo trascinare perche' durante il tragitto saltella, corre, gioca, accarezza i gatti, li rincorre e fa un milione di altre cose. Se la mando nel suo letto lei si alza e torna nel mio e non posso nemmeno chiudere la porta a chiave perche' ha imparato ad aprirla. Andiamo a letto alle 9 e si addormenta alle 11. Io crollo prima.
Per la cronaca: ha tre anni.

Dora

Marica ha detto...

manuela: :-D

giacomo: eh si, hai presente... quando la musica e' troppo alta e ti rintrona...

erix and gG: pure io certe cose non le ho mai fatte, anzi nemmeno lontanamente pensate... se solo penso alla possibilita' di saltare sul letto di mia mamma quando andava a dormire mi vengono i brividi ancora ora :-/

nikla: vero, lei sta crescendo praticamente nella musica :-)
:-)

dora: si, capisco quello che vuoi dire.. .pero' il fatto che da novembre che lo abbiamo deciso ci siamo andati ad agosto, vuol dire che non e' la nostra priorita' andare fuori a ballare ;-)
cmq si, ho deciso che era ora di farlo in vista del fatto che un giorno non potremmo farlo piu' (almeno per un po').

il bona ha detto...

Marica, perchè dici che in Italia è vietato fumare solo in teoria? Io da quando è stata introdotta la legge non ho mai più visto una sigaretta.
Non è che a Roma siete un po più indisciplinati che a Milano?
E dopo aver perso quei pochi punti che avevo conquistato recentemente, ti saluto.
A proposito, bella la musica Rock dal vivo...

Marica ha detto...

il bona: mah... che io mi ricordi nei locali "danzerecci" c'era cmq puzza di fumo... pero' e' anche vero che e' da tanto che non li frequento :-)
bella la musica dal vivo, sisi :-)