9/20/2011

851 - sustainability

Copio dal libro di preparazione per la parte di ingegneria ambientale del FE:

"It is a simple fact that those of us living in the United States are, by far, the greatest per capita consumer of Earth's resources in the world today.
[bene, riconosciamo le nostre colpe]
Even more disconcerting is the fact that several societies, specifically China and India, look toward the United States as a model for acquiring material possessions.
[questo "even more" gia' mi lascia perplessa... ok, China e India guardano al modello americano, ma questo non mi sembra cosi' sconcertante... poi continua:]
Needless to say, the populations of those two countries alore far exceed that of the United States, and the Earth's remaining resources will not be able to satisfy those additional demands if they were to consume at our current rate."
[quindi il problema e' che India e China sono troppo popolose e vogliono consumare allo stesso ritmo degli USA? la mia impressione e' che chi ha scritto questo libro voglia togliersi le responsabilita' di dosso... anziche' criticare gli altri forse bisognerebbe fare un po' piu' di auto-analisi... se gli USA non consumassero cosi' tanto forse ora staremmo tutti un po' meglio :-)]

12 commenti:

Silvia Pareschi ha detto...

Cioè, non si accenna al fatto che *prima* gli Usa dovrebbero diminuire i loro consumi, prima di predicare agli altri? Che faccia tosta!

Marica ha detto...

silvia: gia'! non si puo' dare il cattivo esempio e poi semplicemente lamentarsi che gli altri fanno la stessa identica cosa...

Manu di Pocapaglia (CN) ha detto...

Credo sia una questione delicata e non ne verremo fuori in tempi brevi. E' facile rincorrere la ricchezza molto ma molto più difficile rinunciarci. E inconsapevolmente è così pure per noi. Ricchezza= consumo. A pensarci bene la crisi mondiale attuale è la manifestazione di questo semplice paradigma.

Altra questione è la questione legata ai cambiamenti climatici dove le frodi scientifiche per favorire le lobby sono sotto gli occhi di tutti...

Cari saluti

Manu & Cla di Pocapaglia (CN)

studiare in Inghilterra ha detto...

Il discorso torna, bisogna vedere il contesto non mi sembra che si vada a criticare gli altri, é un fatto. Gli americani consumano troppo e sono stati educati a farlo dal "consumo di massa" però hanno anche avuto la possibilità di farlo. In china e india non tutti potranno farlo, non parlo di fasce di reddito ma semplicemente di scarsità di risorse e spazio. essendo 2 miliardi e mezzo contro 300 milioni.
Almeno lo spero come spero anche che negli usa si sveglino, in europa consumiami meno ma si potrebbe fare di più.

Comunque stando a http://mondoalbino.wordpress.com/ sono gli australiani con i consumi pro capita più alti!

Giacomo ha detto...

Io non vedo una critica verso gli altri, mi pare di capire che vuole solamente dire che se fino ad ora solo gli US consumavano la maggior parte delle risorse, ora si aggiungono altre due nazioni che potrebbero anche raggiungere consumi ben oltre quelli attuali americani per via della grandissima popolazione. E quindi è un casino. Cioè ha preso gli US come punto di riferimento, ed è disconcerning che nonostante il modello sbagliato altre nazioni gli stanno andando dietro. Non so se l'ho inteso male io

Marica ha detto...

manu: :-/

studiareininghilterra: anche se gli americani possono (hanno potuto) consumare cosi tante risorse, questo non giustifica che possano continuare a farlo... altrimenti dove andiamo a finire? :-(


giacomo: eh.... si, ho capito... pero' non e' corretto dire "noi abbiamo sbagliato (ammettiamo che lo dicano), ormai e' cosi', pero' voi non potete sbagliare come abbiamo fatto noi"...
dovrebbe essere (secondo me) "noi abbiamo sbagliato, vediamo di correggerci, in modo che altri possano seguire il nostro esempio!" :-)

from uk ha detto...

ma infatti nessuno li giustifica, solo che hanno avuto i mezzi per farlo senza che gli pesasse particolarmente.

Marica ha detto...

from uk: si, ora pero' le conseguenze pesano su tutti :-/

GnamoInUSA ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
GnamoInUSA ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
GnamoInUSA ha detto...

@ from uk
I mezzi per farlo senza che gli pesasse? Lo hanno fatto e basta, senza pensare alle conseguenze, senza curarsi di niente, nessuno e facendolo pesare sul resto del mondo. Tanto per capirci: secondo i dati del 2010 gli USA importano il 49% del petrolio che usano (www.eia.gov/energy_in_brief/foreign_oil_dependence.cfm), questo dovrebbe gia' farti riflettere. Poi qui ci sono politici che si riempiono la bocca parlando di "autosufficienza energetica"... mi scappa da ridere.

Marica ha detto...

;-/