4/09/2012

965 - WEBA

Agli Americani piacciono gli acronimi (e' risaputo), e allora WEBA sta per Wildfire Expense Balancing Account.

Qualche giorno fa (pensavo fossero pochi, invece il tempo e' volato!) ci e' arrivata la convocazione da parte della SDGE (San Diego Gas & Electric, l'azienda che si occupa della fornitura di gas ed elettricita') per una public participation hearing. Purtroppo non so ora quella cartolina che fine abbia fatto (avrei voluto pubblicarne la foto), ma appunto si trattava di un invito rivolto a tutti gli abitanti di San Diego per partecipare a questa discussione dal tema "da dove tirare fuori i soldi per ripagare i danni provocati dall'incendio del 2007".
In pratica la SDGE pare sia accusata di negligent maintenance, ed e' stata la cattiva condizione di alcuni cavi elettrici a contribuire (tra altre cause) all'innesco dell'incendio del 2007... pare che l'ammontare dei danni sia stato qualcosa tipo 2 bilioni di dollari :-/, che l'assicurazione della SDGE abbia pagato 1.1 bilioni di dollari, altri soldi sono saltati fuori in qualche modo, ma restano da pagare circa 600 milioni di dollari (urgh).
La SDGE propone che questa spesa sia ripartita nell'arco di 4 anni tra le varie utenze, il che comporterebbe un aumento in bolletta di 5-10 dollari al mese per ogni utente per i prossimi 4 anni. Non e' tanto, certo, ma tutti sono incavolati piu' che altro per una questione di principio (reazione dei ratepayers).

Nel 2007 probabilmente io non sapevo nemmeno dove fosse San Diego, quindi siccome di questo incendio non sapevo nulla sono andata a fare qualche ricerchina. E cosi' ho scoperto che nell'ottobre del 2007 nel sud della california sono scoppiati diversi incendi, per un totale di 500,000 acri di terra bruciati tra Santa Barbara e il confine con il Messico (1500 case bruciate e 9 morti). Il background ottimale e' stato creato da un periodo di estrema siccita' e da venti molto forti, le cause innescanti sono state diverse, tra le quali questi famosi cavi elettrici danneggiati dai venti.
Di tutti i vari incendi, pare che i due piu' grandi erano proprio nella contea di San Diego, e che centinaia di migliaia di persone sono state fatte evacuare (On October 24, 2007, San Diego County Sheriff Bill Kolender stated that the number of people evacuated in San Diego county had exceeded the number evacuated from New Orleans, Louisiana during Hurricane Katrina.).
La zona dove viviamo noi era tra quelle che erano state fatte evacuare (questa mappa che ho trovato su google maps veniva aggiornata continuamente tenendo conto dei vari ordini di evacuazione).

Niente, parliamo di 5 anni fa, quindi chissene, pero' questa foto (fonte) mi fa paura



e mi fa ricordare che devo ancora completare il kit di emergenza :-/

e capisco pure che per me magari 5 dollari in piu' in bolletta non mi cambiano nulla... ma per tante persone si tratta della "beffa" oltre il "danno"!

7 commenti:

Gaia ha detto...

Beh, mettila così: il tuo kit di emergenza ti sarebbe servito alla grande, e avrete acuto anche il tempo di caricarlo in macchina così com'è!
Come principio comunque mi sembra assurdo.. dovrebbero offrire sconti, non aumenti! Che poi non mi sembrano nemmeno così bassi!

ero Lucy ha detto...

Ora che ne scrivi me lo ricordo perfettamente, fu davvero un incendio devastante e duro' per giorni! E' proprio vero che la prevenzione fa sempre la differenza.

Moky ha detto...

Il sud degli US e' sempre stato prono agli incendi, e la Southern California ci sono volte che sembra sia una terra da maledizioni bibliche... :) Infatti quando vivevamo a Ventura avevamo una specie di filastrocca (nostra) che diceva qualcosa tipo "earthquakes, landslides and fires, you gotta love southern California..."
Il concetto della riunione pubblica, town hall meeting, e' una delle basi della vita politica americana. Secondo me un segno di civiltà.

Qualche anno fa la California era in bancarotta, finanziariamente completamente a terra. Ecco perche' non ci sono soldi per situazioni simili.

Marica ha detto...

gaia: gia'!

ero lucy: vero, anche io poi ci ho ripensato e l'ho ricordato!

moky: capisco :-/

Anonimo ha detto...

Ragazzi mi rivolgo a tutti voi ed in particolare a te Marica) ho bisogno di un suggerimento e spero possiate darmi una mano...ho ricevuto un offerta di lavoro a distanza da una azienda americana, la paga non è granché ma amici miei sostengono che se un giorno volessi provare a trasferirmi in Canada o USA un esperienza presso azienda americana sarebbe sicuramente più apprezzata di una corrispondente esperienza in azienda italiana...cosa ne dite?

Manu di Pocapaglia (CN) ha detto...

Carissima Marica,

anche il sud della California è una terra geologicamente giovane, e fragile da un punto di vista ecosistemico e geologico. Queste convocazioni pubbliche somigliano un pò alle riunioni di condominio e le trovo un eccellente modalità di partecipazione pubblica. Siete andati all'audizione? Mi pare cmq un sacrificio accettabile. Qui invece le bollette sono salatissime per effetto della tassazione e delle accise che gravano come macigni. Credo che sia da apprezzare il tentativo di ovviare al rischio di bancarotta con una soluzione partecipata che poi dopo 4 anni sarebbe magari ritrattata e non come da noi che ci portiamo appresso le accise per la guerra dell'abissina dopo 75 anni!!!!! sul prezzo dei carburanti...Ma se fossi nei californiani non mi lamenterei...guardando nelle case d'altri.

Altrochè...

E che dovremmo dire qui in Italia?

Cari saluti Marica

Manu & Cla di Pocapaglia (CN)

Marica ha detto...

anonimo: scusa, avevo perso questo commento.. che dire.. boh... l'alternativa quale sarebbe? valuta bene pro e contro :-)

manu: :-)