10/04/2012

1028 - tocca crescere

Domani faremo il grosso del trasloco (letti, divani, tavolo, sedie), in realta' molti scatoloni li abbiamo gia' spostati... ma da domani si dorme a casa nuova.
Era ottobre del 2009 quando siamo venuti a vivere qui.
Potrei scrivere tante cose, sul lasciare questa casa, sui vecchi vicini, sull'emozione per andare a vivere a casa nuova ecc ecc.

In  realta' ho un solo pensiero in testa: da domani notte Little D dormira' nella sua cameretta.
Quindi questa sara' l'ultima notte in cui mi addormentero' sentendo i suoi movimenti nel lettino, le sue capocciate contro le sbarre e i suoi piccoli grugniti.
Lo so che molte mamme fanno dormire i bimbi nella loro cameretta dalla prima notte, io non me la sentivo di farlo, e prendendo come giustificazioni le raccomandazioni della AAP l'ho tenuto in camera con noi fino ai 6 mesi... poi siamo andati in italia, poi siamo tornati ma c'era gia' lo stordimento del fuso orario, poi abbiamo avuto diversi ospiti durante l'estate (e che fai, smonti e rimonti il lettino ogni 2 settimane? eh no...), insomma ho sempre rimandato.... ma domani e' il big day, non posso continuare a rimandare per sempre.

Domattina, quindi, sara' l'ultima mattina in cui la prima cosa che vedro' (una volta messi gli occhiali) sara' Little D che saltella nel lettino facendo i suoi versetti per svegliarci, per poi sorridere tutto contento dopo che lo saluto dal letto.

Lo so, lui cresce, e pure io devo crescere....

25 commenti:

ha detto...

Come ormai sai, cara Marica, ogni mamma deve sempre e solo fare quel che sente. Non pensare "DEVO spostarlo", pensa se VUOI, cioè se lo senti giusto, se pensi sia il momento perl lui - che non è un bimbo teorico ma è il TUO bimbo :) che solo tu conosci perchè cresce insieme a te e tu con lui - e fa le tue valutazioni serena.
Io non ho spostato la mia eSSe all'anno, non mi è nemmeno passato per l'anticamera del cervello! :) Un po' noi siamo spesso nomadi ;) molto io non ho sentito questa esigenza. Ma credimi a un certo punto sono loro a manifestarti di desiderare uno spazio loro.
In realtà chi sposta i figli subito, o se li ritrova nel lettone alla prima malattia - e poi devi riprendere tutto da capo - o toglie a se' stesso e ai figli la possiblità di vivere un'esperienza che poi passa veramente in fretta.
La prima infanzia vola. E non torna.

Per cui lasciati la possibilità di cambiare idea, una o cento volte...

Tanti abbracci e buon trasloco! :)

Anonimo ha detto...

:)

Nega Fink-Nottle ha detto...

In bocca al lupo per il trasloco!!! E anche per il D-Day! ;)
Non vediamo l'ora di sapere come è andata :D

Eli ha detto...

Anch'io in questi giorni sono in questa fase di "mia crescita". Perchè hai scritto bene, non sono solo i nostri figli a crescere con questo passaggio, siamo soprattutto noi mamme!
Ok, però ce la posso fare! Ce la possiamo fare!
Un abbraccio da un'italiana che è stata a San Diego e se ne è innamorata!
Eli

Anonimo ha detto...

ah ma io ho pensato, già 3 anni che siete a S. DIEGO?
buon trasloco dear.
sandra frollins

Alessandra ha detto...

In bocca al lupo per tutto! :)

Anonimo ha detto...

Ciao carissima Marica, anche secondo me come dice Cì, le cose le devi fare se vuoi farle e se te la senti di farle. Non le devi fare perchè secondo altri vanno fatte in un'altro modo. Emotivamente non sai quanto ti capisco, perchè anche io, con motivi ben diversi mi sto staccando da mia figlia che va a studiare fuori proprio in questi giorni. La prendo come una crescita personale e formativa sia per me e mio marito che per nostra figlia. Ora si prova solo la parte che lasciamo.....ma vedrai poi gli arricchimenti in futuro. Per te la casa nuova mette in bilancio il passato quello che hai trascorso quello di bello e meno bello ricevuto. Ma vedendo Little D sai che hai ricevuto una enormità. Un grande abbraccio....buone dormite nella nuova casetta
Sira

Simonetta ha detto...

Fai quello Che ti sent di fare e te lo dice una " vecchia" mamma,prima figlia seguivo alla lettera Marcello Bernardi e quindi nell a sua cameretta da subito,secondo figlio,dopo qualche anno,ho seguito il cuore Ed e stato con noi fino a due anni e anche dopo ce lo trovavamo nel letto,c'e un tempo per tutto,ti abbraccio

gG ha detto...

...beh se che impari la strada per la stanza di little D. a memoria e che inforchi gli occhiali quando sei arrivata lì, almeno il risveglio te lo salvi ^_^

ero Lucy ha detto...

Oh che bello questo cambiamento!! In realta' ho letto un sacco di articoli in cui si dice che almeno per i primi tre mesi e' bene che i bimbi stiano in camera con i genitori in modo da poterli sentire. E poi sai che c'e'? Sono sempre convinta che l'importante e' che una mamma sia serena e convinta di quello che fa; metterlo a dormire in un'altra stanza e poi stare col senso di colpa/ansia/preoccupazione rovina il sonno e la serenita' di tutti e tre. Hai fatto bene. Bella riflessione e bella la prospettiva del cambiamento e della crescita. Mi piace tanto. Bacio.

Francesca ha detto...

Concordo con le altre, anche se io l'ho spostata presto in camera sua...ma mi sentivo tranquilla. Fai come ti viene, e se non ti piace, torni indietro :)
Pero` sul crescere e` vero, e` difficile lasciarli andare, anche nelle piccole cose!

Baci

Fabrizia ha detto...

tranquilla tanto poi tornano da soli nella tua camera!!!!
(e mentre ti scrivo il piccolo di sette mesi è diligentemente nella sua cameretta e il 'grande' di cinque anni si è appena infilato nel mio letto:-)!).baci

Anonimo ha detto...

Fallo solo se ti senti pronta.
(mi hai dato lo spunto per un altro post :))

valescrive

Rouges ha detto...

Buon lavoro!
Un abbraccio!

Nikla ha detto...

Che bello vi trasferite finalmente!!
Vedrai sarà emozionante sistemargli la cameretta, lasciarlo dormire da solo, ritrovarlo al mattino mentre in piedi ti chiama maaaammaaaaaaaa! :)
Ognuno ha i suoi tempi, ma comunque fai bene a fare questo cambiamento ora nella nuova casa.
A volte le piccole tappe dei nostri bimbi sono più un "trauma" per noi che per loro :)

sfollicolatamente ha detto...

Com'e' andata?

Marica ha detto...

grazie a tutte per i vostri commenti, e scusate se non vi rispondo singolarmente... ma ho fatto tesoro di tutto :-)

Ci: vero, la prima infanzia vola!


come e' andata? male!
di solito Little D si addormenta nel giro di 5 minuti quando e' ora della nanna, e senza nemmeno bisogno delle coccole o altro (e Lucia mi e' testimone), invece ieri notte e' stata una tragedia...
non so quanto abbia lui capito che gli toccava dormire da solo (beh, prob lo ha capito) ne' quanto abbia assorbito dal mio stato d'animo, ma e' stata veramente dura.. ha pianto tanto e forte, e siamo andati avanti per almeno 20/30 minuti prima che crollasse...
io invece ho fatti tanti incubi, in cui succedeva sempre la stessa cosa, e mi svegliavo con il battito a mille... e no, non ho dormito bene nemmeno io :-/

speriamo meglio stanotte!

lucia ha detto...

Posso testimoniare che non avevo mai visto nessun bambino così piccolo addormentarsi così tanto rapidamente, e dire che tra parenti e amici di bambini piccoli ne ho visti tanti! Comunque, al di là delle implicazioni personali (capisco che dopo tanti mesi non sia stato facile neanche per voi mettere Little D. a dormire nella sua cameretta), lui stesso adesso deve "abituarsi" a dormire da solo. E' vero che si addormentava già da solo, però sapeva che poi sareste arrivati anche voi e che al mattino vi avrebbe visti lì nel letto. Se sommi questo alla casa nuova ci vorrà magari qualche giorno prima che la situazione si tranquillizzi. Una cosa che forse puoi fare in questi giorni, se riesci, è tenerlo a giocare nella sua cameretta in modo che si affezioni alla stanza e che inizi a capire che è SUA. Posso lanciarmi adesso coi buoni consigli finchè non mi troverò io nella stessa situazione :-D
In bocca al lupo!

sfollicolatamente ha detto...

uh mamma mia speriamo che la seconda volta vada meglio!!

Marica ha detto...

sabato notte: siamo andati a cena fuori e lui si e' addormentato in macchina tornando a casa, bene... cambio di vestiti e di pannolino mentre era nel dormiveglia, messo giu' ha continuato a dormire tranquillamente...
alle 5:30 si e' svegliato piangendo, si era bagnato tutto (che non succedeva da mesi), quindi cambiato tra le urla disperate, poi messo a dormire con noi nel lettone :-P, perche' tra l'altro aveva il naso che non respirava bene
risultato: siamo riusciti a dormire oltre le 8 del mattino, wow :-)

domenica notte: anche stavolta pianti e disperazione, ma meno di venerdi'.. stiamo migliorando!

Santarellina ha detto...

Uh, ma già sono 3 giorni che siete a casa nuova?!? Come corre il tempo! Mio punto di vista: non mollare, tenerseli nel lettone è facile, insegnargli a essere sereni e tranquilli nella loro cameretta richiede più impegno, ma non toglie nulla al vostro rapporto e "crescere" è importante. Noi abbiamo traslocato in 3 case nei primi 3 anni di vita del piccolo e per lui indubbiamente all'inizio era un po' traumatico; mi ricordo quando siamo tornati nella vecchia casa a riprendere un ultimo scatolone tornando da una cena: lui aveva un anno ed è impazzito di gioia riconoscendo "casa sua", portarlo via per andare a dormire nell'altra casa è stato davvero avvilente...

antonella ha detto...

ciao,
anche noi abbiamo spostato g. nella sua stanza intorno ai sei mesi e all'inizio è statta dura perchè bisognava stare lì finchè non si addormentava, facendo dondolare il lettino, ninna nanna ecc. Poi è andata migliorando e lui ancora si ricorda con piacere quella fase prima di dormire.
(e non è certo piccolo).
Cmq è importante che voi ci siate come coppia diversa da lui perchè quello che potete trasmettergli è la solidità dell'affetto che c'è verso di lui e fra voi. Chiedi al marito dei nonni.
In ogni caso quando sarà un ò più grande potrà venire a svegliarvi e se ha dormito tranquillo lo puoi portare nel lettone a giocare.
Se posibile eviteri il ricorso al letto di mammapapà perchè poi è veramente difficile disabituarli e si innescano psicodrammi spiacevoli!
Baci a Tutti e complimenti per il tuo lavoro sulla casa.
Antonella

ha detto...

Certo deve essere un insieme che forse lo spaventa in una volta sola trovarsi in un ambiente che non conosce e senza i suoi genitori accanto, è un buon suggerimento farlo ambientare al suo spazio di giorno, così sarà un luogo conosciuto e sereno.

Un bacino a little D.

Anonimo ha detto...

Ciao, com'è andato il trasloco?
Spero bene. Tanti tanti auguri!
Anna (ti seguo sempre in silenzio e ti ringrazio di tanta cura e passione per quello che fai )

Anonimo ha detto...

Ops non avevo letto tutto!!! Sei già a casa nuova!!! Wow!!! Ottimo! Allora super auguri!! Anna