10/22/2012

1034 - i vicini e le vongole

Nuova casa, nuovi vicini :-)
Non sono ancora pronta per lo schemino come per casa vecchia, ho giusto conosciuto i vicini "confinanti".

Dando le spalle a Casa, abbiamo:

- a sinistra c'e' R.J., con moglie e due figli tra gli 8 e i 10 anni. Di solito modifico sempre i nomi per motivi di privacy, ma spero che R.J. non se la prenda se uso il suo vero nome... cioe' lui si presenta cosi', che fa molto "american", a me questa cosa di chiamarsi per sigla mi e' sempre sembrata buffa!
Mentre la moglie esce tutte le mattine (suppongo per andare a lavorare) e i figli vanno a scuola tutti i giorni, R.J. solitamente sta a casa, e lo si vede intento o a spolverare l'esterno della casa con un pennelletto (??) o praticare qualche sport o riporre in garage le varie attrezzature sportive (tavola da surf compresa).
Inutile dire che la loro casa gia' dall'esterno pare tenuta molto bene e... beh, lui una volta l'ho visto solo con i bermuda, e si applica quanto detto per l'esterno della casa :-P
[nota: ho scoperto il suo vero nome dal sito per pagare le tasse]

- a destra c'e' Brigitte, con marito e figlio in eta' da college. Lei e' del tipo sorriso perfetto, capello perfetto, alta e magra, vestita bene, supergentile... quando l'abbiamo conosciuta ci ha detto "welcome to the neighborhood" con un mega sorriso stringendoci la mano, ma a me sembrava dicesse "welcome to the united states".... insomma, molto americana, e ovviamente fuori casa hanno la bandiera!


Affianco la porta di casa hanno poi questo cartello che dice "we're happy as clams"... a lungo mi sono chiesta perche' questi fossero contenti come le vongole :-/, fin quando un giorno il marito l'ha googlato e mi ha riferito che l'espressione completa e' "we're happy as clams at high tide", perche' pare che le vongole quando c'e' l'alta marea non possono essere catturate e allora si sentono sicure e felici :-)
In pratica e' l'equivalente del nostro "contenti come una pasqua", per maggiori informazioni consultare la lezione numero 90 di Palbi ;-)

- a destra di Brigitte (quindi non confinante con noi) c'e' Jane, una signora over 60 e molto sportiva, credo che viva con marito e almeno un figlio... l'altra mattina uscivo alle 7 per andare in palestra, con un occhio chiuso e l'altro semiaperto, e lei stava rientrando da una sessione di jogging!
Durante il giorno la vedo sempre che o pulisce la macchina (pick up rosso) o pulisce la bici (da passeggio, rosa).
Quando si e' presentata mi ha fatto le solite domande di rito e poi mi ha detto che uno dei capi-fondatori (credo) dell'azienda dove lavora il marito (il mio intendo) prima abitava su quella stessa via... prima per l'appunto, perche' ora chissa' dove abita :-)

- di fronte abita Mario, che non e' il vero nome ma e' molto simile, tant'e' che volevo chiedergli perche' avesse un nome italiano, ma per fortuna ho evitato e poi il marito mi ha spiegato che e' messicano. Vive con moglie e un figlio sui 10 anni (o due?). A Mario piace... prendersi cura del giardino: durante il weekend nonostante la pioggia lo abbiamo visto che tagliava l'erba del front-yard e che lo fertilizzava... il front-yard e' ovviamente pulito e perfetto (non come il nostro), non oso immaginare che gioiellino sia il back-yard!

Insomma, questo neighborhood mi sembra molto piu' americano di quello che abbiamo lasciato!

12 commenti:

Ilmiosentiero ha detto...

Ciao!!!! Beh dai non male come vicinato!!! ;-) ..ps: che bello però conoscersi così....qui in Italia fanno fatica anche a salutarti! :-( ciaoooooooo

Valentina VK ha detto...

RJ potevi sempre nicknamizzarlo J.R....piu' american di cosi' :-D !!!
non ho avuto tempo in queste settimane di ringraziarti per aver condiviso il tuo percorso di trasloco restauro installazione nella casa...e' stato davvero interessante seguire il vostro progetto e scoprire tutte le piccole e grandi storie che vi sono connesse.
non so se l hai letto (o sei hai tempo di leggere, con little D. Io da quando e' nata la Viatrix ho letto forse 5 libri in 2 anni...) ma c'e' un libro di Bill Bryson che si intitola At Home e parte dal principio che lui va a vivere in questa vecchia casa inglese e si mette a ricercare tutte le storie connesse ad ogni stanza, da chi ha inventato le scale a che cosa significa dispensa...insomma fa la storia del mondo a partire da casa sua e in un certo senso i tuoi post me l hanno ricordato,
brava!

Anonimo ha detto...

madò troppo americani!
Bello bello, baci
sandra frollins

Simonetta ha detto...

Nel bel condominio dove abitavo a San diego non ho fatto amicizia con nessuno ,a mala pena ti salutavano e ci sono stata un anno,ma le uniche amiche con le quali sono sempre in contatto sono :origine argentina,messicana e italiana,con i " veri americani" c'era poco feeling perche' li trovo poco elastici e molto limitati.

Cherie Carrie ha detto...

Bene che i tuoi vicini abbiano case ordinate e pulite è bello vedrai che vi ameranno dato che state riordinando quella casa che era certamente l'orrore del loro quartierino per bene. Mi hai fatto sorridere quando hai presentato la tua vicina Brigette che forse sta per Bree Van De Kamp speriamo che il tutto non si trasformi in Wisteria Lane in cui certo non ti annoieresti ma meglio evitare.

Sabina ha detto...

"Felice come una vongola con l'alta marea": mi piace un sacco!!!

Bia ha detto...

Seguire il tuo blog è bellissimo... riesci ad immergerci nell'atmosfera dei telefilm americani che danno in TV.. E pensare che è vita vera!! Beh, devo confessarti che ti invidio un pò ;-))
Un bacino da Bia.

dario celli ha detto...

(Avete cambiato casa???)

Marica ha detto...

ilmiosentiero: vero! che poi tra l'altro Brigitte ci ha anche fatto il regalo di benvenuti :-)

valentina: grazie, ma che bel commento! non conoscevo questo libro, ora me lo segno per "il futuro" :-), sembra proprio carino!!

sandra: ;-D

simonetta: gia'... diciamo che con gli americani e' piu' facile attaccare bottone, parlare del piu' e del meno ecc, pero' poi fare amicizia per davvero e' un po' piu' complicato

cherie carrie: :-)

sabina: :-D

bia: che forte, grazie!!

dario: ma come... sono 3 mesi che non parlo d'altro :-D

Ilmiosentiero ha detto...

come ha fatto Brigitte si vede solo nei film ;-D ...di solito fanno vedere che portano cose da mangiare, torte, pasticci di vario genere tipo pasta ecc....beh lo trovo davvero molto socievole!!! :-) ciaoooo

Silvia Pareschi ha detto...

Ah, vedi, non si finisce mai d'imparare. Molti americani (compreso mio marito) sono convinti che "happy as a clam" (epressione un po' old-fashioned usata molto da sua madre, che adora le espressioni anni '50 e dintorni) venga dal fatto che la vongola aperta, vista di fronte, sembra che sorrida.

Juliette ha detto...

Ciao!
Ho trovato per caso il tuo blog, ho letto con molta curiosità qualche post perché tra qualche mese il mio ragazzo frequenterà l'università a andando Diego e anche se comparate le vostre ire non so o simili speravo di trovare un po' di conforto. Per ora sono invidia e voglia di prendere parte degli stati uniti!
Il mio blog parla di moda quindi non so quanto possa interessarti. Comunque ti faccio i miei complimenti per come coinvolgi nel discorso!
Un bacio da torino
juliette