8/31/2012

1011 - risposta

Complimenti a Marco B che ha capito di cosa si tratta, ma ne approfitto per fare un piccolo post sulla situazione di "casa vecchia".

Casa e' in vendita, ed e' rappresentata dal nostro agente immobiliare Woman :-).
Quando qualcuno vuole venire a vedere casa, il propio agente immobiliare chiama Woman, e Woman a sua volta mi chiama e mi dice "all'ora X del giorno Y verranno Pippo e Pluto a vedere casa". Io cerco di fare del mio meglio per fare trovare casa in condizioni agibili, apro casa e li faccio entrare, a volte con Little D aspettiamo fuori casa cosi' possono vederla con calma.
A volte succede che io non posso farmi trovare a casa all'ora X del giorno Y, allora Woman viene qui a casa, apre la porta a Pippo e Pluto e con l'occasione guida anche il tour :-)
Ultimamente pero' io sono sempre piu' impegnata, allora Woman ha deciso di mettere questo aggeggino sulla porta di casa, e funziona esattamente come ha detto Marco B. Se Pippo e Pluto vogliono vedere casa mentre io non ci sono, l'agente immobiliare mette una schedina dentro e digita un codice, l'aggeggino si apre e dentro c'e' la chiave per aprire la porta. Semplice e utile :-).

Casa e' in vendita da un bel po' ormai, e Woman ci ha anche fatto perdere un'occasione.
Speriamo che la situazione si sblocchi al piu' presto :-/

8/30/2012

1010 - indovina indovinello

In Italia non l'ho mai visto, quindi vi invito a indovinare che cos'e' :-)


Chi vive in America non puo' partecipare, ma puo' solo dire "lo so!" :-D

8/29/2012

1009 - renovation: giorni 11, 12 e 13

Eravamo rimasti che giovedi sera, andando a fare una visitina a casa, avevo visto che non c'erano stati progressi (a parte le prove dei colori) e mi ero un po' alterata.... Dobby si era scusato dicendo che aveva avuto problemi di scheduling (leggi: troppi lavori contemporaneamente), e io ho fatto pace con me stessa visto che non abbiamo urgenza di trasferirci.

Venerdi' mattina (undicesimo giorno di lavori) sono ripassata a casa per dare un altro sguardo al verde nella nostra camera (prima di andare in negozio a sceglierne un altro), e a casa non c'era nessuno a lavorare... in compenso c'era una lunga fila di formiche che attraversava la living room entrando dal muro marcio/in via di rifacimento, che a parte il telo nero impermeabile era aperto con l'esterno.
A quel punto mi sono "un po' alterata", di nuovo :-). Ho scritto a Dobby che ok che non avevamo fretta, ma non poteva lasciarmi quel muro cosi' aperto da martedi' fino al lunedi della settimana dopo!! E lui si e' di nuovo scusato dicendomi che l'avrebbe fatto sistemare in giornata, formiche comprese.
Quando sono passata venerdi' nel tardo pomeriggio l'ho infatti trovato cosi:


chiuso all'interno (mentre all'esterno non era ancora stato finito), e le formiche erano state eliminate... bene!

Lunedi' sono entrati in azione gli imbianchini: Consuelo, Tonio e Sancho Panza.
Consuelo e' il filo conduttore tra noi, gli altri imbianchini, e Dobby. E' buffo che con lei parlo in inglese e poi lei da' disposizioni agli altri due in spagnolo... considerando il livello generale d'inglese forse sarebbe meglio parlare tutti in italiano/spagnolo.
Tipo che io dico "this wall should be green" e lei dice agli altri "esta parete color verde" [non lo so lo spagnolo, cmq suona all'incirca cosi']. Oppure io dice "the closet doors should be white" e lei "las portas de los armadios biancas" [neanche qui so lo spagnolo, eh].
Lunedi mi hanno fatto vedere i colori per la stanza di Little D, e li ho approvati subito:


Mi hanno chiesto che tipo di bianco volevo per soffitti, bagni, porte, armadi e battiscopa.
Io ho risposto che volevo semplicemente "bianco", ma non mi sono sembrati convinti. Allora hanno chiamato Dobby e mi hanno fatto parlare con lui, e anche Dobby ha cercato di convincermi che ok bianco, ma non "bianco-bianco", forse sarebbe stato meglio un "bianco meno bianco".
Insomma, e' nata tutta una discussione sul bianco... la sera di lunedi' ho portato a fare un sopralluogo anche il marito e i nostri ospiti d'onore :-) e abbiamo fatto tutti le nostre considerazioni sul bianco, per giungere alla conclusione: per i soffitti il "bianco-bianco", mentre per il bagno, porte, armadi e battiscopa il "bianco meno bianco" (mi sembra di parlare di una pubblicita' di detersivi, con il "bianco che piu' bianco non si puo'!").
Intanto lunedi' gli imbianchini hanno preparato porte e pareti per la pittura.

Martedi' mattina sono andata per comunicare la Grande Decisione sui bianchi, e mi hanno fatto vedere questo:

lo sfondo e' il vecchio colore della living room, in alto c'e' il nuovo colore della L, sotto una strisciolina di "bianco-bianco" e sotto un'altra di "bianco meno bianco". Ho scoperto che l'ultimo bianco si schiama "Swiss coffee", che un color bianco si chiami "caffe'" mi sembra un po' "insolito".
Martedi' mi hanno anche fatto vedere i nuovi verdi, eccoli:


quello verso la finestra e' il "lemon thyme", che sostituisce il verde sopra, ed e' esattamente quello che cercavo, mentre il verde piu' scuro sara' utilizzato nella stanza degli ospiti (nella parete con la finestra).
Martedi' e' iniziata la pittura di soffitti, porte e armadi.
Questo cabinet in cucina inizialmente era color legno (come il resto della vecchia cucina), e abbiamo deciso di farlo ridipingere anziche' comprarlo nuovo:


E' stata finita la ricostruzione del muretto marcio:



Martedi' inoltre ci hanno consegnato la cucina ikea, eccola qui smontata e impacchettata in garage:


E in garage, su uno degli scaffali, ho trovato una gradita sorpresa :-)


8/24/2012

1008 - i colori: quali e dove

Eccoci con i colori! :-)
Prima di presentare i colori bisogna spiegare quali stanze andranno ad animare, e quindi ecco a voi la piantina di casa :-D. Con una laurea da ingegnere e con n anni di esperienza di autocad, questo e' il massimo che posso fare in questo momento (tra l'altro completamente fuori scala.. meglio cosi'!):


Brevemente: entrando dall'ingresso (in basso), alla cui sinistra c'e' lo spigolo con il muro marcio, la prima stanza (L) e' la "living room" ed e' alta alta alta e con tanta luce (non ha il piano sopra), girando a destra e poi a sinistra (due aperture ma senza porte) si arriva in cucina (illustrata nei post precedenti), l'area oltre il muretto basso della cucina si chiama "breakfast area" (B), a sinistra di B c'e' la "family room" (F), prima di entrare in cucina c'e' la "dining room" (D) [e da li' si accede al bagnetto e al garage]; sia da B che da L si accede al backyard.
Ho una foto di D da cui si vede l'ingresso per la cucina (dove e' poggiata la scopa), che forse serve ad illustrare meglio:


Qui dove viviamo ora abbiamo un unico ambiente che va sotto il nome di living room, ma girando per case piu' grandi (e gia' arredate) ho capito che (correggetemi se sbaglio):
- B e' lo spazio dove solitamente si mette un tavolino piccolo, da tutti i giorni;
- F e' l'ambiente dove si sta con la famiglia (solitamente c'e' il camino, tv ecc);
- D e' dove si mette il tavolo per mangiare, solitamente piu' grande e/o piu' formale;
- L e' quello che noi chiameremmo salotto vero e proprio, con divani, librerie ecc, un po' piu' serio ecco.
Nel nostro caso l'unico tavolo che abbiamo andra' in B, mentre D sara' convertita a stanza dei giochi, corredata da apposito cancelletto da poter chiudere all'occorrenza :-). Mi sarebbe piaciuto avere la stanza dei giochi in F, ma non e' stato possibile per due motivi: perche' c'e' il camino (cioe' fuoco e diversi spigoli vivi) e perche' c'e' gia' la tv appesa, quindi ci andranno lo stereo e tutta una serie di cavi per i quali Little D sente gia' una certa attrazione...

L e' l'unica stanza con soffitto alto (fino al piano di sopra), mentre B, F, D, cucina e bagno hanno il soffitto basso, perche' sopra hanno le camere. Ho quindi deciso che L doveva avere un colore abbastanza neutro, da usare quindi anche lungo le scale e per il corridoio di sopra (tutta l'area che si vede entrando in casa), mentre il resto di casa doveva essere piu' allegro :-).
Abbiamo deciso (... ho deciso?...) che i mobili della cucina sarebbero stati bianchi, quindi le pareti dovevano essere colorate, di un bel colore vivace, magari due colori vivaci...  mentre per le camere sarebbero stati adatti colori piu' rilassanti.

Sono andata nel negozio di vernici e mi hanno dato questo simpatico oggetto:


L'ho riportato a casa e per un paio di giorni e' stato a lungo oggetto di riflessioni e di discussioni...cosa, dove... ma alla fine abbiamo raggiunto un accordo (ahahahah :-P)!
Qui i colori inizialmente selezionati:


colore neutro per L e' il "tree bark"; colore per cucina, B, F e D (cioe' tutto quello che ha un piano sopra) e' "yellow submarine", ma (attenzione!) le pareti di B e F che si vedono entrando dal backyard (ci siamo capiti?) saranno "shine" :-); la camera di Little D sara' "tropical wind", a meno della parete dove c'e' la finestra che invece sara' "smalt"; per la camera degli ospiti avevo selezionato "half acre", con un colore piu' scuro per la parete con la finestra (simile alla prima cameratta) "edenist"; per la nostra camera sempre "half acre". Per i bagni un semplice bianco.
Non so se sono stata chiara... anche spiegarlo a Dobby non e' stato semplicissimo :-), quindi ora che inizieranno a dipingere dovro' andare a controllare spesso per non ritrovarmi i colori sulle pareti sbagliate :-).

Dei 7 colori, ieri me ne hanno "spalmati" 4...
Purtroppo tra foto e schermo del pc non si rende giustizia ai colori, cmq questa la situazione in cucina:



per ora si vede ancora un po' di celeste sotto i colori nuovi, ma quell'effetto sparira', quindi ho dato l'ok.

Il colore di L diventa cosi:

che sembra bianco, ma non lo e'... piu' chiaro del colore attuale, ho dato l'ok.

Nella nostra camera invece:


non ho trovato il verde che mi aspettavo... in effetti e' difficile giudicare da un quadratino piccolissimo, ma volevo un verde piu' "prato o foglia" mentre questo e' un verde piu' "acqua di stagno"... chiaro? :-D
Ho bocciato il verde e sono tornata in negozio per sceglierne un altro, che per ora e' "lemon thyme", che sara' accompagnato da "jungle bush" per la stanza degli ospiti... i nomi mi piacciono di piu', speriamo anche il risultato sia migliore :-)

Per i piu' curiosi: allo stato attuale la stanza di Little D e' cosi:


vale a dire che faccio dipingere di celeste quello che ora e' giallo e arancione, mentre faccio dipingere di giallo e arancione quello che ora e' celeste :-D

E la stanza degli ospiti ora e' cosi:


Allora, e' stato un post abbastanza colorato? :-D
Considerazioni e idee e critiche sono ben accette, prima che iniziano a dipingere!

8/23/2012

1007 - renovation: giorni 8, 9 e 10

Dopo un inizio promettente, i giorni successivi (martedi, mercoledi e giovedi) sono stati un lento declino...

Martedi' mattina sono passata a casa verso le 9, che dovevo incontrare The Gutter Man, e ho visto che Jose' e socio erano intenti ad abbattere la parte di muretto marcia e a togliere la relativa finestra.
Sono ripassata verso le 16, che dovevo controllare se avevano riallacciato il gas, e ho visto che il lavoro di rifacimento era a buon punto, piu' erano state fatte altre piccole cose: sistemato lo sprinkler rotto, tolte le porte a vetro delle vasche da bagno, tolti gli adesivi attaccati alle porte ecc... quindi nel complesso martedi' pomeriggio ero abbastanza soddisfatta.
Il muretto marcio era passato da cosi:


a cosi:

Vista dall'interno (e questo e' come sono i muri delle case californiane: assi verticali di legno (stud) solitamente ogni 16 inches, imbottitura di materiale isolante tra gli stud, e poi pannelli di legno (all'interno e all'esterno)):

[da cui segue che la porta blindata non serve].

Piccola nota su The Gutter Man.
Quando ho incontrato The Roofer Number 2 era uscito il discorso delle grondaie, e io ho detto che prima o poi forse avremmo dovuto metterle, ma l'ho detto tanto per dire, eh...(ebbene si, qui piove cosi' poco che non tutte le case hanno le grondaie). Qualche giorno dopo ci hanno chiamato per dirci che allora The Gutter Man sarebbe venuto martedi' mattina alle 9 :-/. Vabe', farsi fare un preventivo non costa nulla... piu' che altro ho cercato di farmi spiegare perche' avremmo dovuto mettere delle grondaie, ma il tipo non mi ha convinta. Gli ho chiesto allora se ci fossero degli incentivi per mettere dei raccoglitori di acqua piovana (che mi sembra l'unico motivo valido per dover mettere delle grondaie) ma lui non ne sapeva nulla, invece ci sono eccome (eccoli qui).
Preventivo per mettere le grondaie: $1500 circa.
Costo raccoglitore di acqua piovana da 50 galloni: $150-190 (dipende dallo stile).
Lavoro rimandato a data da destinarsi (sicuramente a quando avremo qualcosa da innaffiare).


Mercoledi' e giovedi non sono potuta passare a controllare casa in orario di lavoro di Jose'.
Si, perche' oltre a dover seguire i lavori di casa nuova e finire di comperare alcune cose, sto anche cercando di mantenere un certo decoro in questa casa (che ogni tanto ci sono sfilate di possibili compratori), cosi' come sto cercando di garantire una certa routine a Little D (almeno di farlo mangiare e dormire) e di incontrare almeno una volta tutti i nostri amici che in questa seconda meta' di agosto stanno passando per San Diego (mai successo prima di avere 5 visite diverse nel giro di due settimane!).
[ah, ogni tanto dimentico di mangiare, lo ammetto...]

Mercoledi' in serata sono passata a casa e ho visto che il lavoro del muretto era andato avanti:


quel "cornicione" e' il cosidetto plant-box, dove sopra si possono poggiare i vasi con i fiori... peccato che sotto il muro non era ancora stato ricostruito, quel nero che si vede e' un telo di plastica impermeabile (lo stesso che si vede nella foto dell'interno).
Dentro casa non c'erano altri progressi... ma vabe', non so quantificare quanto ci si metta a costruire il plant-box, e anche se mi sembrava poco per una giornata di lavoro ho lasciato correre.


Giovedi' Dobby mi ha detto che avrebbe fatto la prova colori in giornata e che dovevo passare per vedere se andavano bene, io gli ho risposto che ero disponibile fino all'una.
Premessa: domani faro' un bel post sui colori di casa, per ora basta dire che i colori scelti sono 7 (piu' il bianco)... li ho scelti basandomi su un quadratino di 2cm di lato, quindi prima di pennellare casa Dobby mi aveva promesso di pennellare dei pezzetti di muro per farmi avere un'idea migliore.
All'una arriva sms di Dobby: i colori sono pronti, puoi passare.... e gia' li' mi sono girate un po' le scatole (insieme ad un'altra cosa che e' successa ma che non mi va di dilungarmi troppo). Alla fine sono riuscita a passare a casa solo dopo le 16, e l'ho trovata nello stesso status in cui l'avevo lasciata mercoledi' sera, a parte le prove dei colori sulle pareti. Io pero' erano due giorni che giravo come una trottola, allora m'e' partito l'sms acido verso Dobby (no professional :-(, lo so.... ), lui si e' scusato e ha detto che hanno avuto problemi di scheduling.
[la mia impressione sinceramente e' stata che siccome sono donna e non parlo bene inglese e il marito non c'e', la gente tende ad essere piu' "rilassata" (diciamo cosi'), ma lo so che a volte tendo a fare la vittima, quindi non saprei :-)]
Oggi in pratica non ci sono stati progressi, a parte che ho visto 4 dei 7 colori, di cui 3 vanno bene ma uno non mi convince...

In the meantime ho fatto qualche acquisto.
Questo il lampadario per la stanza di Little D:

Questo il lampadario per la stanza "degli ospiti":
ahahahah :-)

Ho poi comprato le "mascherine" per le prese di corrente e gli interruttori. Per ora sono in queste condizioni:


ho comprato solo le mascherine esterne, bianche (dopo almeno 10 minuti passati nell'indecisione piu' totale tra quelle bianche e quelle color acciaio)... avrei voluto cambiare anche la parte dell'interruttore vero e proprio e le prese, ma dare questo tocco di "nuovo" vuol dire affrontare una spesa abbastanza consistente, visto che abbiamo: 36 prese di corrente (doppie), 14 interruttori semplici, 5 interruttori doppi (come quello in foto), e 2 scatolette con interruttore e presa di corrente [e no, non viviamo in un castello].
Vediamo come va e se il contrasto tra la mascherina esterna bianca e l'interruttore grigio/crema puo' essere accettabile :-).


Avrei dovuto comprare  (ma non l'ho ancora fatto) le maniglie delle porte e il ventilatore.
Le prime le ho scelte on-line (eccole) e domani cerco di passare da Home-Depot a prenderle.
Per il ventilatore ho fatto qualche ricerca on line e sono indecisa tra questi due: Lake Alice o Cherokee ?
Votate votate :-)

8/20/2012

1006 - renovation: giorno 7

Da oggi sono iniziati i lavori di rinnovo degli interni.
Il marito e' momentaneamente in Finlandia, cosi' io e Little D possiamo dirigere i lavori a nostro piacimento (ahahahaha, mi sfrego le mani :-P ).

La giornata e' iniziata male.
L'appuntamento era alle 8 con Dobby e il suo operaio (che da qui in poi chiamero' Jose'), sono arrivata qualche minuto prima e... panico perche' non riuscivo ad aprire la porta di casa, ne' gli altri presunti ingressi (finestre, porte, tutto chiuso...). In pratica gli omini della fumigation andando via avevano chiuso tutto il chiusibile, anche la seconda serratura dello screen door di cui non avevo la chiave :-/
Ho ricaricato Little D in macchina mentre arrivavano Dobby e Jose', sono corsa a casa, ho preso il pacco delle millemila chiavi che ci avevano lasciato i vecchi proprietari e sono tornata a casa nuova... e dopo qualche tentativo siamo riusciti ad entrare dentro!
Abbiamo rifatto il giro delle stanze e abbiamo detto a Jose' tutto quello che andava demolito e tolto; io ne ho approfittato per chiedere a Dobby di mandarci dei preventivi per un paio di cosette che mi piacerebbe cambiare :-P

Quando sono tornata a Casetta alle 4 del pomeriggio sono stata piacevolmente sorpresa, perche' l'opera di demolizione era davvero a buon punto, e soprattutto casa non l'avevo mai vista cosi' pulita! Sara' che avevano tolto anche le tende "bianco sporco" e che quindi entrava piu' luce, sara' che avevano tolto la moquette, non saprei, ma mi e' sembrata gia' molto piu' bella e luminosa :-)
Il "bello" della moquette e' che si toglie davvero facilmente e senza fare polvere/calcinacci, e in pochissimo tempo.

Facciamo parlare le foto.

Cucina prima:

Cucina dopo:

Scale prima:


Scale dopo:

Camera prima:

Camera dopo:

Vedere il pavimento di legno fa un certo effetto... un conto e' sapere che casa e' tutta di legno, un conto e' vederla e toccarla :-/

Ah, hanno anche pulito il garage, che da cosi:

e' diventato cosi:

Dicevo: la moquette si toglie facile, invece le mattonelle no... quindi abbiamo deciso che per ora i bagni restano cosi':

facciamo solo togliere la porta di vetro della vasca da bagno.
Per fortuna che verra' la Nonna ad aiutarci con Little D a settembre, perche' non so esattamente quanto tempo ci mettero' per far tornare bianche le fughe tra le mattonelle (i bagni sono tre e sono tutti in queste condizioni... gia' mi ci vedo li' con il fazzoletto in testa, secchio affianco, guanti, e spazzolone tra le mani a faticare...).


Oggi inoltre e' venuto Roofer Number 3.
Purtroppo mi ha tenuta bloccata tutta la giornata, che doveva venire alle 9 e alla fine e' venuto alle 4.
Gli ho fatto vedere le macchie sul soffitto, lui ha preso nota, e' salito sul tetto, ha fatto foto, ha preso misure, e' sceso sotto e.... non mi ha detto nessuna cifra :-). Dice che ci manda un preventivo con varie possibilita', in base a quanto vogliamo/possiamo investire. Quello che consiglia lui e' di sostituire il tar-paper solo nella sezione di tetto sopra il salotto (dove ci sono state le perdite), che in pratica e' la faccia esposta verso sud, per cui piu' esposta al sole e in cui ci sono piu' tegole rotte o che si romperanno.
Mi pare che il suo ragionamento abbia senso, e per ora e' in cima alla classifica.
C'e' anche da dire che e' stato l'unico Roofer a salutare Little D, e anche questo gli da' punti :-)
Non e' che pretendo che tutti gli facciano le moine ecc, ma mentre i primi due Roofer dopo avermi spiegato la situazione del tetto non hanno fatto altro che parlare di quanto sono bravi, di quanti soldi fanno ecc, Roofer Number 3 invece mi ha chiesto di Little D, mi ha detto che anche lui ha due figli (3 e 5 anni), ma e' divorziato, e sua moglie (finlandese) e' tornata a vivere in Finlandia, e lui i figli li vede solo un paio di settimane l'anno, piu' due collegamenti settimanali con skype (con 10 ore di fuso orario!). Questa storia mi ha sciolto il cuore devo dire... e quindi io sceglierei Roofer Number 3 a prescindere da tutto [perche' io sono ingegnere, eh, e valuto in base alla professionalita' :-D ]

8/19/2012

1005 - renovation: giorni 4, 5 e 6

Giovedi' mattina sono venuti gli omini per la fumigazione.
Ci avevano dato come orario di arrivo la mattina tra le 11 e le 13, allora avevamo chiesto di chiamarci almeno una mezzoretta prima in modo che sarei andata con Little D per aprire la porta e farli entrare, che stare li' ad aspettare due ore non era il massimo, soprattutto a ridosso del pranzo.
Quando si sono fatte le 12:30 ho deciso cmq di andare, e ho trovato che avevano quasi finito di mettere la tenda :-/. C'era stato un malinteso e l'agenzia delle termiti aveva dato agli omini un numero di telefono sbagliato, che loro avevano chiamato piu' e piu' volte senza risposta... normalmente in questi casi sarebbero andati via (e poi bisognava rischedulare il tutto), ma l'omino stesso mi ha detto "non e' stato cosi' difficile entrare in casa, anche se la porta d'ingresso era chiusa a chiave".... bene...
[Proprio il giorno prima mi ero accorta che una delle porte/finestre che da' sul giardino non si chiude, mentre la porticina laterale del garage ha il meccanismo delle porte dei bagni, per cui si apre da dentro ma non da fuori... dettagli, la porta e' cmq di marzapane :-) ]

Insomma, giovedi' mattina hanno impacchettato casa per bene e poi hanno sparato dentro il gas.
Per impacchettarla hanno anche dovuto buttare giu' un pezzetto di recinto :-/.
Questa e' casa impacchettata, con i vari cartelli di "pericolo":


Sembra un tendone del circo, ma le care bestioline dentro non si sono fatte certo belle risate :-P
Il gas utilizzato e' stato il sulfuryl fluoride, che interagisce con il metabolismo degli insettini e li ammazza... mi dispiace per le persone sensibili, so che suona atroce, ma ... andava fatto!
Insieme al gas letale (che e' inodore e incolore) viene inserito anche un tracciante (in questo caso il chloropicrin). Ho letto che quando si fa la fumigazione sono poche le cose che bisogna togliere dall'interno, tipo il materasso dei bambini o le confezioni di cibo gia' aperto, ma io sono ben contenta di averla fatta con casa vuota :-/

Sabato mattina sono invece venuti a togliere la tenda; una volta tolta, il gas si diffonde molto velocemente e poche ore dopo si puo' gia' rientrare in casa.
Questo e' il cartello che ci hanno messo sulla porta di ingresso:


Sempre per stare sicuri, io ci rientrero' domattina alle 8, quando inzieranno i lavori all'interno :-).
Non ho nemmeno controllato se hanno lasciato porte e finestre chiuse o aperte :-D.

Ah, per fare la fumigazione ci hanno dovuto staccare il gas per un paio di giorni, e verranno a riattivarlo martedi' pomeriggio.
[anche sui rubinetti generali di gas e acqua e sul quadro generale della corrente andra' fatto apposito post]

8/16/2012

1004 - renovation: giorni 1, 2 e 3

Lunedi' 13 sono iniziati i lavori di ristrutturazione a casa, finalmente!
E' venuto un omino da parte dell'agenzia delle termiti (Ettore) e ha iniziato a fare le riparazioni dei legni rovinati (dalle termiti appunto). Si trattava di sostituire la porta laterale del garage, dei legni lungo il bordo del tetto e una specie di plant box lungo la finestra affianco all'ingresso, prima di fare la fumigazione.
[il totale per queste riparazioni piu' fumigazione era inizialmente di $4500 e doveva essere a nostro carico, ma poi ci sono state trattative con le banche creditrici, gli agenti immobiliari e l'agenzia delle termini e alla fine abbiamo pagato $450, bene!]
Quando lunedi' pomeriggio sono passata a vedere come stava andando, Ettore mi ha dato una brutta notizia: dato che il plant box era marcio (e c'era uno sprinkler proprio li) il legno dietro il plant box e' tutto rovinato, e il palo di legno (portante) dello spigolo e' marcio nella parte bassa.
Per capirci: questo e' il palo di legno che costituisce lo spigolo (lateralmente ci sono finestre), e sotto e' rimasto ben poco:

Dettaglio:

Il brutto dell'avere una casa di legno :-(.
Ettore ci ha detto che si tratta di sostituire tutto il palo e la parte di muro sottostante, tempo di lavoro 3 giorni, preventivo $4400.

Martedi' 14 abbiamo chiesto a Dobby di venire a dare uno sguardo, e lui ci ha detto che non e' necessario sostituire tutto il palo (che per farlo bisogna smontare le finestre e tutto il resto del muro), ma si puo' mettere un pezzo di palo nuovo sotto e collegarlo (con degli straps) con la parte sopra ancora sana.
Il bello dell'avere una casa di legno :-).
Preventivo $1300.
Abbiamo scelto la seconda soluzione.

Mercoledi' 15 e' venuto l'elettricista a fare un sopralluogo, perche' leggendo le varie specifiche tecniche dei forni da cucina avevo capito che quasi tutti funzionano con la corrente a 220V, ma in cucina noi abbiamo solo la 110V.... la 220V ce l'abbiamo in garage, per attaccare la lavatrice, ma mettere il forno in garage non e' una soluzione :-).
L'elettricista ci ha detto "non c'e' problema", basta far uscire un cavo con la corrente a 220 dalla scatola elettrica, far passare il suddetto cavo dentro al garage, poi farlo uscire fuori, far costeggiare casa (lungo il bordo basso) e poi farlo risalire in corrispondenza della parete della cucina, facendolo entrare dove serve... semplice, quando la casa e' di legno :-).

Sempre mercoledi' e' venuto il Roofer Number 1 (omino che lavora con i tetti) per ispezionare il tetto, perche' ci sono delle macchiette di umidita' sul soffitto, e anche Ettore ci aveva avvisati che c'erano delle tegole rotte.
Roofer Number 1 ha guardato le macchioline, e' salito subito sul tetto e ci e' stato 15 minuti buoni, ha fatto foto, ha preso misure, e' sceso sotto e mi ha detto "10 mila dollari" :-/.
Mi ha spiegato che ci sono tegole rotte, tegole spostate, buchi vari, quindi diversi punti da cui l'acqua si e' infiltrata e ha consumato il tar paper sottostante, che e' uno strato impermeabile (di catrame) che viene messo tra la struttura di legno del tetto e le tegole. Mi ha detto che il tetto ormai ha 25 anni e che gia' di per se' non era stato fatto bene, il suo verdetto e' stato di sostituire tutto il tar paper prima che inizi a rovinarsi anche il legno sottostante, ha concluso dicendo "fatto questo, state tranquilli per i prossimi 50 anni".

Roofer Number 2 (che in realta' e' venuto giovedi mattina) ha guardato invece per bene le macchioline, ne ha trovate anche altre in camera da letto (alcune riverniciate sopra), poi e' salito sul tetto e ci e' stato meno tempo, non ha fatto foto ne' ha preso le misure, e' sceso sotto e mi ha detto "1500 dollari" :-/.
Mi ha spiegato che la situazione non e' drammatica, ha concordato che il tetto e' vecchio e che non e' stato fatto con buona qualita', ma ha suggerito di sostituire il tar paper solo localmente in corrispondenza delle tegole rotte/spostate, piu' sistemare per bene gli spigoli tra le tegole che non erano mai stati impermeabilizzati (cosa che aveva detto anche Roofer Number 1). Mi ha anche detto che si puo' fare un lavoro piu' completo sistemando meglio gli air vents, che vanno sigillati per bene, e altre piccole cose di cui non ho capito nulla, vuoi per i termini tecnici vuoi per il suo accento; preventivo per lavoro piu' completo 3000 dollari; ha concluso dicendo "dipende da quanto tempo pensate di vivere in questa casa".
Good point: sicuramente non ci vivremo per 50 anni!

Sempre mercoledi' Ettore ha finito le sue riparazioni e ha preparato casa per la fumigazione.

Tanti lavori da fare, spese che aumentano... ma tutti fin'ora (Ettore, Dobby, i Roofers) ci hanno detto "una volta sistemata, verra' una bella casetta!" :-).
Speriamo sia vero.. quello che e' certo e' che gia' mi ci sto affezionando :-), non dico che e' come costruirla da zero, ma in un certo senso "parlera' di noi", cosi' come parla di noi casa a Roma (che abbiamo sistemato poco per volta), mentre non parla di noi (o cmq poco) casa dove siamo ora, che in tre anni che ci viviamo l'unica modifica che abbiamo fatto e' stata di mettere la tendina in cucina :-)

8/15/2012

1003 - gita al lago

Una decina di giorni fa siamo andati in gita in montagna, al Big Bear Lake (mappa).
E' una localita' sciistica e di solito ci si va d'inverno, ma avevamo deciso di provare la versione estiva :-).
[ho trovato molto utile questo sito qui durante la preparazione della mini-vacanza]
Il posto ci e' sembrato carino, adatto per staccare la spina per un paio di giorni.
Peccato che le previsioni davano pioggia e il cielo era grigio ed ogni tanto cadevano due gocce di pioggerellina....
E cosi'...

... siamo arrivati venerdi' a ora di pranzo, Little D aveva fame allora ci siamo fermati a pranzare nel primo posto che abbiamo trovato lungo la strada (proprio poco prima di arrivare al villaggio),ed era un posto messicano (e gia' mangiare cibo messicano in montagna mi sembrava strano); ci siamo messi ai tavolini all'aperto, Little D era tutto contento, cosi' contento che ha deciso di donarci un pannolino sporco (lui che di solito dopo averla fatta al mattino sta bene tutto il giorno)... in bagno non c'era il changing table, e io ho fatto quello che faccio sempre in questi casi (ma di solito con pannolino bagnato): l'ho cambiato su un tavolino all'aperto :-D (la macchina era piena di bagagli e non potevo), cosi' siamo stati sgridati dalla cameriera e siamo stati cacciati via :-P

... siamo andati in albergo, carino, ogni camera aveva una vasca per l'idromassaggio al centro, e affianco il camino, bello, romantico... ogni stanza aveva sulla porta un disegno di orsetti in atteggiamenti "romantici" (.. ehm...), questa era la nostra porta:


 e ovviamente e' stato tanto che abbiamo fatto una doccia al volo :-)

... nel pomeriggio siamo andati a fare uno dei trail, ne avevamo individuati due facili per il primo giorno: uno era pavimentato e si poteva fare con il passeggino, l'altro no... c'e' stato un misunderstanding e alla fine ci siamo ritrovati a fare quello sterrato con il passeggino (che aveva ancora tutte e tre le ruote), sono iniziate a cadere le prime gocce di pioggia e l'abbiamo fatto quasi di corsa.

...abbiamo allora ripiegato per una passeggiata nel villaggio


[intanto le nuvole erano andate via], merenda, sosta in albergo, e cena con Little D che era stanco e faceva le storie :-/

... sabato mattina siamo andati ad affittare le bici, abbiamo chiesto se avevano la seggiolina per Little D e ci hanno risposto che avevano solo il carrettino , ci hanno detto che era molto piu' sicuro della seggiolina e siccome prima o poi vorremmo comprarlo abbiamo deciso di provarlo... ci hanno anche dato il caschetto per Little D [obbligatorio]. Bene, messo il caschetto (che gli stava grande e gli andava sugli occhi) e' iniziato il pianto, messo nel carrettino (che era decisamente per bimbi piu' grandi) e' iniziato il pianto disperato. Dopo pochi metri gli abbiamo tolto il casco e si e' calmato, dopo 20 minuti pero' siccome continuamente passava sotto le cinghie e si sdraiava e si sporgeva (piangendo) abbiamo deciso che non aveva senso continuare, e il marito ha riportato prima una bici poi l'altra.

... siamo andati allora allo sky chair, che e' una delle funivie (sciovie? boh) che resta aperta anche durante l'estate, porta in cima alla montagna e si possono fare passeggiate ecc; siamo arrivati alla base dello sky chair e piovigginava, si vedeva un nuvolone nero enorme sul cucuzzolo della montagna, lo sky chair era tutto aperto (esposto alla pioggia e al vento) e.. no, non ce la siamo sentita di rischiare con Little D :-/

... siamo tornati al lago e abbiamo cercato una spiaggetta dove far bagnare i piedini a Little D, ne abbiamo trovata una, con accesso di 5 dollari a persona... ma io dico, vengo da un posto dove ho la spiaggia gratis a 5 minuti da casa e qui devo pagare per starci mezzora? niente, ce ne siamo andati.

... siamo tornati al villaggio e abbiamo cercato un posto per mangiare, e mi e' sembrato cosi' strano che in un posto di montagna ci fossero tanti ristoranti tipo messicano, indiano, himalayano ecc,  e non ci fossero le trattorie come da noi :-). Alla fine abbiamo mangiato un wrap e un bagel, e' venuto giu' a piovere, e abbiamo passato un po' di tempo a chiacchierare con i vicini dei tavoli.

... continuava a piovigginare, allora siamo ripartiti con l'idea di trovare lungo la strada un punto dove fermarci per far immergere i piedini di Little D in acqua; ad un certo punto il marito ha detto "qui!", e' sceso con Little D, si e' fatto strada tra dei bambini che pescavano non so cosa in un punto del lago dove l'acqua stagnava e c'era anche un pesce morto a galla e ha cercato di immergere Little D... per fortuna lui si e' rifiutato, mentre io intanto mi stavo sentendo male :-/

.. siamo andati un po' piu' avanti e abbiamo trovato un punto di accesso al lago per le barche, c'era una mini spiaggia lunga un metro e mezzo, superaffollata, e li' finalmente Little D ha potuto bagnarsi i piedi.

... e tornati a casa abbiamo trovato il passeggino con la ruota ko :-)

In due giorni scarsi che siamo stati fuori casa, la tenera creatura ci ha donato 6 pannolini sporchi, come ad esprimere la sua opinione su questa vacanza [tornato a casa e' tornato incredibilmente regolare]

Pero' a parte quanto elencato e' stata una bella vacanza :-/
Magari tra qualche anno possiamo anche pensare di tornarci.

8/11/2012

1002 - la cucina

Nelle case californiane la cucina non e' (nel 90% dei casi) una stanza a parte, non ha quattro pareti, non e' chiusa dalla porta, ma e' spesso aperta nel salotto (sul "salotto/i" seguira' altro post).
Da quando sto qui solo una volta ho visto una cucina concepita come una vera "stanza".
E non ho mai ma proprio mai visto uno scolapiatti, di quelli che si mettono sopra il lavandino, chiuso da due ante: il lavandino e' quasi sempre (romanticamente) sotto la finestra oppure si affaccia verso il salotto... la mia idea e' che gli americani usano solo la lavastoviglie e non lavano niente a mano :-).

La nostra cucina si sviluppa su tre lati.
Il lato numero 1 ha solo la parte bassa, dietro c'e' un muretto con un piano un po' rialzato (che qui chiamano "bar", da cui "piano bar" :-/), muretto che divide (si fa per dire) la cucina dal resto del salotto, dove andra' il tavolo da pranzo. Questo e' il lato 1, con lavastoviglie e lavello appunto:


Per capire meglio cosa c'e' dietro riposto la foto del 999:


Questo e' il lato numero 2, con fornelli e forno:


Ah, altra caratteristica della cucina californiana: il microonde spesso e volentieri e' incassato sopra ai fornelli, come in questo caso.

E infine questo e' il lato numero 3, con lo spazio per il frigorifero:


Le ante sono quasi sempre cosi, almeno nelle case costruite negli anni '80-'90, e fanno veramente tristezza. Li' dove le cucine sono piu' recenti si possono trovare le ante bianche.. wow, bianche :-/.
I negozi di cucine sono una rarita', credo di averne visto solo uno in tre anni, e da fuori ho capito che era un negozio per persone molto ricche.

Ristrutturare la cucina da questa parti vuol dire chiamare un omino che si occupa di sostituire i cabinets e il piano di lavoro, e questa cosa per me e' veramente triste, dopo aver passato 8 mesi per riprogettare da capo la cucina a Roma, cambiare pavimenti, pareti, allacci, aver visitato n negozi, aver scelto il colore giusto tra n colori possibili e bellissimi, ed aver creato la cucina perfetta.... insomma, uno smacco, ma siamo in america e bisogna americanizzarsi :-/. Cercando pero' di essere il piu' possibile europei siamo andati all'Ikea, che almeno quella c'e' pure qui (altro che Scavolini ecc ecc), e abbiamo cercato di fare del nostro meglio pur tenendo la stessa posizione per elettrodomestici e lavandino.
Anche l'Ikea in realta' e' stata una delusione, perche' io mi ricordavo che in quella di Roma c'erano le cucine colorate, invece qui ci sono solo i colori legnosi (betulla, faggio, quercia, ecc ecc) piu' il bianco.... e alla fine ho scelto il bianco, perche' nella cucina color legno proprio non riesco a vedermici. Io ho scelto il bianco. Se me lo avessero detto anni fa mi sarei fatta grosse risate. Non ho mai accettato il bianco come colore. Ma siamo in america, e bisogna americanizzarsi.
Insomma, queste saranno le nuove ante:

Altra cosa che si vede tanto in america, o meglio nelle cucine anni '80/'90 e' il lavello di ceramica.
Ovviamente non mi piace :-) e preferisco l'alluminio a questo punto... la fragranite credo che non sia arrivata, e se anche fosse arrivata temo che sia fuori budget.
Questo e' il lavello attuale:


Lo sostituiremo quindi con uno di alluminio a vasca singola, da mettere incassato sotto il piano di lavoro (almeno questo tocco di classe ;-) ).

Il piano di lavoro... vogliamo parlarne di questa insana passione per fare i piani con mattonelle bianche 10cm x 10cm? Ogni volta pulire le fughe tra le mattonelle, che poi con il tempo diventano grigie ecc...sempre piu' convinta che gli americani in cucina non cucinano :-/


Per fortuna dall'Ikea c'era una scelta abbastanza varia, e alla fine abbiamo deciso di prender un piano in Corian, che e' quel materiale con cui si fanno i piani su misura, senza nessuna giuntura (da 1000 giunture a 0, non vedo l'ora!!). C'era anche la possibilita' di fare anche il lavello inglobato nel piano, tutto un blocco :-P, ma poi abbiamo scartato questa ipotesi... (l'abbiamo scartata?...).
Abbiamo scelto questo colore qui (cliccare), in realta' dal vivo e' piu' verdognolo che grigio, e con il bianco sta proprio bene :-).

Passiamo agli elettrodomestici.
Il frigo se lo sono portato via e quindi andra' ricomprato; qui va per la maggiore quello che noi chiamiamo "frigo americano", che qui si chiama side-by-side:


ma io preferisco invce il modello "french door":

La lavastoviglie ha un po' di muffetta e la porta che non si regge, il fornello/forno messo cosi' non mi piace (oltre ad avere una certa eta'), la cappa la preferisco a vista, quindi via, si cambia tutto :-D

Ora non voglio passare per quella spendacciona :-), ma mantenere la cucina come e' ora non mi sembra nemmeno igienico... d'altra parte all'ikea c'e' il 20% di sconto sulle cucine fino al 19 agosto, e anche da best-buy ci sono degli sconti se si acquistano almeno due elettrodomestici, quindi non prevedo di spendere molto.
Nei prossimi giorni finalizziamo le decisioni e si procedera' all'acquisto (si, vi diro' anche quanto spenderemo).
Per le foto della cucina versione aggiornata bisognera' pero' aspettare diverse settimane :-/