7/15/2013

1112 -

L'umore non e' esattamente dei migliori.
Little D e' sopra che dorme, coperto di bollicine rosse.
Io sono qui sul divano che vegeto, in preda al mal di pancia.
Le formiche non ci mollano... ormai le schiaccio a dita nude, come se niente fosse. Non so nemmeno se mi fanno piu ribrezzo quelle dentro i cassetti della cucina o quelle sugli asciugamani in bagno.
[si, abbiamo chiamato i disinfestatori, si abbiamo messo lo spray pure noi, si ho usato il borax (fuori casa) e si ho messo la cannella dentro cassetti e ante della cucina... a onor del vero non le ho piu' viste solo dove c'e' la cannella, ma non posso cospargere l'intera casa altrimenti mi sembra di vivere dentro il food shop dell'ikea]
L'umore non e' esattamente dei migliori, anche se so che sono una persona fortunata e fuori il sole splende.
Pero' non riesco a scrivere niente di allegro e/o vagamente interessate.


Era gennaio. Ero a Roma. Ero scesa per andare al supermercato a comprare un paio di cose per il viaggio Roma-Abruzzo in autobus (non ricordo cosa), era solo meta' vacanza e gia' avevamo ricevuto tanti di quei regali (soprattutto Little D) che sapevo non sarei mai riuscita a riportare a San Diego, e mentre facevo mente locale di cosa prendere e cosa lasciare, davanti alla porta del supermercato mi sono trovata davanti una donna africana (suppongo piu' giovane di me) con una bambina (stessa eta' di Little D), che chiedevano l'elemosina. La bambina era seduta nel passeggino e si guardava attorno immobile e tranquilla.
Non ho potuto fare a meno di pensare a quanto avessimo in comune e a quanto le nostri situazioni fossero diverse. Quando vivevo a Roma per me era quotidianita' fare degli incontri del genere, ora non lo e' piu'.
Quando sono uscita dal supermercato le ho lasciato qualche soldo, poi sono andata a comprarle un po' di pizza. Le avrei voluto dare tutti i regali di troppo che aveva ricevuto Little D, ma non credo le sarebbero stati "comodi".

Spesso quando ricevo le email del tipo "per favore aiutami", "mi daresti una dritta?", "voglio venire a vivere in america, in italia non si puo' piu' vivere" ecc mi chiedo quante di queste persone che vogliono un aiuto (di qualsiasi tipo) per espatriare siano disposte a dare una mano a chi invece e' arrivato in italia da straniero. Qualcuno mi aveva proprio scritto di voler venire a lavorare in america perche' non sopportava che in italia tanti lavori fossero in mano agli immigrati....

Forse a volte, oltre che guardare avanti, bisognerebbe guardare anche indietro.

16 commenti:

Cristina ha detto...

Meno male che nel mondo ci sono persone di cuore come te e non solo egoisti razzisti. Certo che gli avrai svoltato la giornata con unpezzo di pizza e la tua elemosina...

Cortès ha detto...

Questo momento passerà. Ora ti consiglio di riposare un po', di non pensare tanto. Sono proprio questi momenti che ci servono, che ci svuotano, che ci fanno riprendere dopo con più forza e con più gioia.
Sei bravissima perchè riesci a definirti fortunata. Da ciò che conosco di te, questo significa che hai saputo affrontare con ottimismo problemi che avrebbero buttato giù tanti altri.
Riguardo all'aiutare gli altri, purtroppo è sempre difficile capire quando si dà un aiuto e quando si fa un gesto controproducente, spesso, non potendo aiutare tutti si è costretti a scegliere, ed è proprio difficile

Mary Poppins ha detto...

Ti leggo sempre ma non commento mai. Insegno italiano ai migranti e non so nemmeno descrivere quanto abbia dal mio lavoro e soprattutto dai miei studenti. Ho deciso che per ora, finché ho qualche spicciolo in tasca, lo do a tutti quelli che incontro. Non sono nessuno per decidere "tu sì, tu no" e non sono nessuno per cambiare questa situazione tremenda. Certo è che mi sembra surreale vivere in un paese in cui sono solo i cittadini a cercare di "arginare" questo fenomeno, dato che dalla politica non viene niente. Comunque spesso è la nostra tenerezza a fregarci, nel senso che siamo portati a compatirli anziché avvicinarli. Come dici nel tuo post, ti sei immedesimata: sono persone come noi, con i nostri problemi, figli, mariti, famiglie. Solo che hanno una vita ancora più dura a causa dei pregiudizi e della mancanza di opportunità. Sono contenta quando incontro/leggo persone sensibili. Little D è fortunato ad avere una mamma come te. In bocca al lupo!

MaryA ha detto...

Si, sei molto fortunata e il riconoscerlo ti fa onore.
Forse chi vuole andare via dall'Italia per millemila motivi futili, sciocchi o altro, molto spesso è animato anche dalla speranza che in un altro posto lontano da quì, oltre che a migliorare il proprio status, gli venga evitato di vedere scene come quella da te descritta. Gli extracomunitari che mendicano ad ogni angolo sono tantissimi, e veramente mi si stringe il cuore perchè penso a me stessa nelle loro condizioni.....e a quello che farei. Prima offrivo un euro, cibo, o altro. Adesso mi è veramente difficile scansare dalla spesa qualche soldo per darlo a loro. Questo sta a significare che stiamo lentamente scendendo al loro livello, e mi riferisco a quelle famiglie "operaie" che per anni hanno sostenuto con il loro poco al mantenimento di questo paese. Lo spettro della miseria rende tutti più egoisti e insensibili alle necessità degli altri. Da questa parte del mondo sta diventando tutto estremamente difficile.

Sandra ha detto...

Mi conosci, sai come la penso riguardo l'aiuto agli altri e non solo come la penso via, ma piuttosto come agisco.
La gente quì ha voglia di scappare, ma io vedo anche tante teste di cavolo, che, tanto per stare sull'attualità, dà ragione alla frase di Calderoli.
un bacione a voi mi spiace saperti giù di morale, ma la tua intelligenza e sensibilità di permette sempre di saper riconoscere che sei comunque fortunata.

Mario Rossi ha detto...

Hai un'invasione di formiche?
Occhio che se sono le famigerate formiche argentine, sono difficilissime da eliminare e non muoiono con le esche e i veleni delle formiche normali.
Ho sentito che in California sono praticamente le uniche formiche con cui hanno a che fare i disinfestatori!

Matteo Palamà ha detto...

Condivido tutto.

Marica ha detto...

Critina: ma un giorno e' poco...
[oh, pero' non volevo fare il moralizzatore... cavolo, sembra che volevo fare la ramanzina, no no, la mia era solo una riflessione personale...]

Cortes: oh si, hai perfettamente ragione, a volte e' difficile capire cosa e' un aiuto e cosa e' controproducente :-(

Mary Poppins: grazie per il tuo commento! Hai ragione, sono i pregiudizi che ci fregano e la commiserazione...
avevo scritto ma poi ho cancellato che sono cresciuta in un ambiente in cui mi hanno insegnato che non si danno i soldi a chi chiede l'elemosina, perche' li usano "per la droga", "che invece andassero a lavorare" :-/

MarYa: anche tu hai perfettamente ragione... con la crisi economica e' piu' difficile per tutti risparmiare soldi e anche darli agli altri... ma non servono solo i soldi...
Nel post non l'ho scritto, ma a Roma c'e' una mia cara amica (un'anima bella) che spesso si ferma a parlare con queste persone, con quelle che vede spesso sempre negli stessi posti, chiede loro come stanno, che fanno, che problemi hanno.. a volte lascia qualche moneta, altre volte no (dice "oggi no"), pero' credo che anche un saluto e una parola valgano tanto :-)

Sandra: :-)

Mario Rossi: formiche argentine? e che fanno qui??
proprio ieri abbiamo messo pure le esche...

Matteo: :-D

Ali ha detto...

Che gente però. Spero che tu gli abbia risposto con una bella risata.

Per le formiche anche noi ne eravamo pieni.
Puoi usare anche il borotalco come "blocco" ma la cosa migliore è mettere quelle trappoline che trovi al supermercato. Funzionano così: le formiche entrano, trovano del cibo che però è avvelenato e lo portano all'interno del formicaio. In questo modo riesci a "sterminare" l'intero formicaio, uccidendo solo quelle fuori non risolvi nulla. Metti 3/4 di quelle trappoline vedrai che in 2 giorni non le vedi più. http://www.walmart.com/ip/Dial-Complete-Combat-Ant-Killing-System-Child-Resistant-Kills-Queen-Colony-6-BX/22133062?findingMethod=rr

Ali ha detto...

Uh, poi non so se la vostra casa è in brick o legno, occhio che non siano le formiche carpentiere, quelle ti rosicchiano i muri e sono devastanti, sono terribili! In quel caso ti serve davvero la disinfestazione.

Marica ha detto...

Ali: ho messo il borax come blocco davanti la porta-finestra che da' sul giardino (non so se e' lo stesso principio del borotalco) e ieri abbiamo messo 4 trappoline in giro per il giardino...
La casa e' in legno... formiche carpentiere????? Aiuto! la mia impressione e' che vivano proprio dentro i muri, infatti qualche giorno fa ho scoperto che c'e' una parte del muro che da' verso il giardino che ha delle fessure ... ma i disinfestatori non hanno detto nulla al riguardo, anzi mi hanno preso per matta quando ho detto che secondo me vivono dentro i muri... aiuto!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Cara Marica,
io penso che a San Diego tu non veda tanti poveretti a chiedere l'elemosina fuori dai supermercati perché vengono cacciati o dagli impiegati del supermercato stesso o addirittura viene chiamata la polizia. Certo non perché non esistano anche li.
giulia

Marica ha detto...

giulia: oh!
beh si in effetti a downtown ce ne sono diversi, ma di solito vedo solo uomini di mezza eta'... chissa' perche'!

Ali ha detto...

I miei ebbero il problema delle carpentiere, in Canada, non so se ci sono anche in California, magari no. Però le termiti si, ci sono, e ti mangiano i muri.
Noi paghiamo una ditta che viene ogni anno a controllare che non ci siano, spruzzano il veleno preventivo sul perimetro della casa, e abbiamo delle tavolette di legno interrate da controllare ogni tot per assicurarsi che non ce ne siano. E noi abbiamo il primo piano in mattoni, però qui sono molto attenti a queste cose, possono creare danni non indifferenti. Prova a cercare disinfestatori specializzati in formiche...

Il Frutto Della Passione ha detto...

Trovo che in Italia sia più comune incontrare persone che chiedono l'elemosina. Qui in Brasile, nonostante sia più evidente lo stato generale di povertà, è molto raro. Generalmente si inventano qualche lavoretto e con quello tirano avanti.

Ogni volta che incontro persone bisognose, non posso fare a meno di pensare a quanto, io e mio figlio, siamo fortunati.
Di fronte ai commenti sugli stranieri invece, io non vedo, non sento e non parlo. Per adesso.
Fino a quando non diventeranno troppo pesanti e in Italia, ne ho sentiti tanti. L'ignoranza è difficile da combattere, mentre un aiuto verso il prossimo, per piccolo che sia, fa sempre una grande differenza. Per chi riceve e per chi dona!!

Sulle formiche ti hanno già dato tutti i consigli.
Spero che il tuo umore sia migliorato. Idem per le bollicine di Little D.

Marica ha detto...

Ali: uh, mi spaventi...
ora abbiamo messo le trappole liquide... e abbiamo visto che le formiche escono fuori dai muri, ma quante ce ne sono??? :-/
cmq tra un mese al massimo facciamo pure noi il controllo annuale e vediamo, vorrei evitare di fare una seconda fumigazione :-/

il frutto della passione: grazie
Little D sta meglio, si! :-)