10/24/2013

1137 - volontari forzati :-)

Ormai Little D ha concluso il suo secondo mese di scuola, e devo dire che le cose stanno andando bene.
Siamo passati dalla disperazione piu' totale alla rassegnazione all'accettazione pacifica e infine all'entusiasmo (o quasi, ma prevedo di raggiungerlo nei prossimi mesi).

Non so come funzioni la scuola nelle altre parti di mondo, e anche se piu' o meno avevo intuito come funzionassero le cose qui in america, non mi aspettavo si iniziasse gia' dall'asilo.

Prima ci e' arrivato a casa (tramite la scuola intendo) un volantino di un sito web che vende libri, dicendo che se compriamo libri da quel sito poi la scuola ottiene dei libri grazie a noi.
Per questo mese abbiamo glissato, ma da qui a giugno sicuramente qualche libro prenderemo anche in questo modo.

Poi ci e' arrivato il volantino del picture day, cioe' nei prossimi giorni arriveranno a scuola dei fotografi per fare le foto "professionali" ai bambini (i genitori sono invitati a mandare i figli a scuola vestiti per bene per l'occasione), quindi i genitori potranno scegliere se comprare o meno le foto (ma si sa, saremo invitati a comprare, che parte del ricavato andra' a scuola...).

Poi e' arrivato un campione omaggio di blocchetti da costruzione, accompagnati dalla lettera della direttrice "cari genitori, come ben sapete abbiamo bisogno di comprare una tenda nuova per coprire il playground dai raggi del sole... se comprate questi tal blocchetti il 30% del ricavato andra' alla scuola per l'acquisto della tenda, piu' soldi arrivano migliore sara' la tenda che compreremo (e quindi piu' protetti saranno i vostri figli), invitiamo quindi ogni famiglia a comprare per almeno 100 dollari"
:-/

Poi e' arrivata l'email che spiega come funzionera' la giornata di halloween: ci sara' la sfilata attorno alla scuola, poi si tornera' nelle aule e ci sara' un "potluck" (non so come si traduce, e' quando ognuno porta qualcosa da mangiare).. con annesso il link per accedere alla pagina web dove scegliere cosa portare per il potluck (ogni cosa dovra' bastare per 20-25 persone), piu' richiesta di 4 volontari per preparere a 4 volontari per pulire.

Tutto cio' in soli due mesi (di asilo)... non oso immaginare cosa accadra' a ridosso del Natale! :-)
Io ogni volta mi ritrovo a pensare "ma non bastano i soldi che paghiamo ogni mese??".

Allora, ehm... qualcuno vuole degli Snapo? :-)
Volontari?

AGGIORNAMENTO
Ecco qui la differenza tra Snapo e Lego:


Questi sono i Snapo "piccoli" (per bambini da 3 anni in su) in confronto con i Lego "grandi" (per bambini piu' piccoli di 3 anni)... non so esattamente quando siano grandi i Snapo per bambini piccoli.
I Lego sono decisamente piu' belli e piu' colorati e di tante forme diverse, mentre i Snapo hanno un'unica forma (e in questo caso colori patriottici).


La caratteristica degli Snapo e' che si possono impilare e poi "ruotare", e questa cosa a D piace tanto (tipo avvitare per intenderci)... e invece se si uniscono lateralmente poi fanno "slide" (come si dice?), e in questo modo permettono di costruire diverse cose.

22 commenti:

Anonimo ha detto...

ma cosa hanno di diverso gli snapo dai nostri mitici Lego?
forse in usa i lego non arrivano? comunque anche questi sembrano simpatici e poi ai bimbi piace costruire....forza comprate mattoncini!
nonna in arrivo

Mario Rossi ha detto...

Poveri danesi, i Lego sono praticamente l'unica cosa famosa che hanno, lasciamogliela stare :D

Comunque sia i Lego sono abbastanza piccoli da poter essere ingoiati, gli Snapo sembrano più grossi...

Gli americani sono sempre dietro a tirar su soldi per tutto, almeno lo fanno con qualcosa in cambio e per un breve periodo (serve la copertura, compra i mattoncini così tu hai dei giochi noi dei soldi)da noi avrebbero semplicemente alzato la rata così dopo aver preso la tenda più scrausa del mercato, avrebbero avuto anche una bella cresta in più e coì via per altre spese.

Diciamo che loro sponsorizzano tutto, per questo nelle scuole "da ricchi" hanno le cose migliori, più dai più ricevi, al contrario nostro dove dai, dai, dai e non vedi cambiamenti (se non in peggio)

Agnes P ha detto...

Ma si festeggiano anche le feste di altre religioni (tipo hannukka?). In effetti mandare D al nido è più complesso che tenerlo a casa!!!

Moky ha detto...

100 di blocchetti da costruzione?? mamma mia che consiglio dispendioso.
Miciomao va in una scuola piccola, in tutto sono 60 bambini dalla prima alla 5 elementare. X ora nn hanno chiesto soldi, ma solo materiale didattico x i bambini di Chernobyl e torte fatte dalle mamme x raccogliere soldi per non ricordo bene cosa....

Marica ha detto...

nonna: in effetti a D sono piaciuti, quindi una scatola la compreremo :-)
ora metto una bella foto di confronto lego-snapo!

mario rossi: noi abbiamo i lego "grandi" e sono piu' grandi di questi snapo, poi aggiungo foto.
i lego sono piu' belli :-D
e' vero quello che dici sulle differenze tra le scuole nelle varie zone :-(

agnes: eh, bella domanda! per ora so che festeggeremo halloween, thanksgiving e natale, ma non e' arrivata nessuna notizia riguardo festivita' di altre religioni.. hannukka qui e' poco sentito/festeggiato in generale

moky: gia', "consiglio" appunto :-/
beh, cosi' mi sembra piu' "carino" :-)

Luciano ha detto...

Io mi sarei già abbastanza stufato di 'sta commedia.
Se alla scuola servono tanti soldi al mese per il necessario, che presentino il conto e facciamola finita.
Se c'è bisogno che portino il loro materiale (qui ti fanno la lista a inizio anno, dai pastelli al sapone liquido), va bene. Qualche iniziativa in cui ognuno sostiene se e come può ok. Ma mi sembra che si dia troppo per scontato che la gente è piena di soldi e che può sempre contribuire.
Mi sembra che manchi anche il prezioso insegnamento del saper fare a meno del superfluo.
Apprezzo tantissimo le maestre di mia figlia (proprio oggi ho avuto occasione di ringraziarle) e quando vedo queste cose le apprezzo ancora di più.
Ah, ma i lego non erano americani? Non è lì in California Legoland?

ero Lucy ha detto...

Io voglio comprare le costruzioni, ma infatti dal sito sti Snapo sembrano piu' brutti dei mega blocks che ho adocchiato!

Anonimo ha detto...

Ammazza quanto so' brutti 'sti Snapo!
Firmato: una "cultrice" dei Lego

Maffy ha detto...

Io sono rappresentante dei genitori nella classe della mia piccola che va alla Scuola per l'Infanzia e ti dico che ci limitiamo a chiedere 5 euro a fine anno per organizzare il banchetto alla festa di chiusura. Di solito chiediamo ai genitori di preparare torte e biscotti che poi a fine festa vendiamo all'asta, tutto ciò che raccogliamo viene donato alla scuola. Durante l'anno anche da noi c'è la vendita dei libri in accordo con la casa editrice che poi gira parte del ricavato in buoni spesa x la scuola.
Per quanto riguarda le festività (da noi Santa Lucia, Natale e Carnevale) sono i mitici Alpini che vengono ad intrattenere i bimbi mascherandosi e le maestre comprano giochi didattici e caramelle.
La nostra scuola non è certo ricca, è una scuola comunale e di sicuro avrebbe bisogno di qualche miglioria, ma ci facciamo molti scrupoli a chiedere i soldi anche solo a fine anno, in questo periodo poi....infatti mi sa che quest'anno ci arrangeremo coi soldi che ci sono in cassa.

Nikla ha detto...

Con tutti i soldi che sborso per l'asilo se me ne chiedessero altri forzatamente mi incazzerei!
Già ci sono parecchie attività e servizi extra (nuoto 2 volte a settimana, bilinguismo con lezione di inglese 3 volte anziché 1 del corso standard, fotografo 2 volte l'anno, 3 gite l'anno, festicciole varie).
Capita che le maestre ci chiedano materiali di riciclo come tappi, rotoli di carta igienica, bottiglie in plastica, che usano per lavoretti e laboratori. Oppure raccolgono libri e giocattoli che a noi non servono più...

Fatto sta che ora c'è halloween pure qui e noi mamme dovremo portare i nostri cuccioli mascherati più cibi e bevande per il buffet. Di solito mettiamo un foglio in bacheca e ognuno scrive nome e cosa porta, giusto per non avere troppi doppioni.

I lego erano la mia passione, da piccola ci passavo ore e ore. Vado a vedere questi snapo...

Maffy ha detto...

A sostegno delle scuole ultimamente qui si sono mobilitate alcune catene di ipermercati. La classica raccolta di bollini, solo che invece di pentole coperte o cuscini, tutte le schede completate vengono consegnate alla scuola d'interesse che ne otterrà in cambio materiale didattico.

Marica ha detto...

Luciano: eh no, i lego sono Danesi (e ci sono mi pare 6 Legoland sparsi per il mondo, ma il primo e' appunto quello in Danimarca).
Anche a me pare cosi' strano tutto cio'... ma qui mi pare sia la norma. Credo che loro la vedano cosi: anziche' chiedervi dei soldi direttamente vi facciamo comprare delle cose cosi: noi scuola ci guadagnamo cmq, voi genitori ci guadagnate perche' in cambio avete libri o giochi ecc piu' c'e' una terza azienda che ci guadagna perche' vende i suoi prodotti... insomma, l'economia che gira ;-)

ero Lucy: i Lego versione bambini piccoli sono bellissimi :-)

anonimo: :-D

Maffy: 5 euro, sigh :-(

Nikla: ma quante attivita' che fanno... pure nuoto?? ma a tutte le eta'?

maffy: questa mi sembra un'ottima iniziativa!!

Marica ha detto...

ho aggiornato il post!

Nikla ha detto...

Nuoto dai 3 ai 5 anni, li portano con il bus due volte alla settimana. Costicchia ma se vado a calcolare la benzina che spenderei io, il tempo, mettici pure che dovrei intrattenere il fratellino in piscina aspettando la sorella, mettici che Nicla vuole andare con i suoi compagni e l'autobus...beh diciamo che è un servizio che funziona alla grande.
Mi piace come asilo, hanno l'insegnante di musica... Quello di teatro...inglese. Musica la fanno anche i bimbi del nido (da 1 anno e mezzo a 3 anni) con il saggio finale insieme ai genitori :-)

trentazero ha detto...

Ad ogni modo questa collaborazione diretta tra famiglie e scuole e'... stupenda.
Costosa ma stupenda!

Luciano ha detto...

È proprio questo che mi infastidisce così tanto.
Devo riempirmi la casa di oggetti che non avrei mai comprato per ottenere che una piccola parte di quei soldi vada alla scuola?
100 $ di giocattoli per darne 30 per la tenda? Ma io vado lì a scuola e do direttamente 30 dollari, anche 50, ma per quel che serve. Non li spendo in un anno tutti quei soldi!
Non si fa girare l'economia comprando cose inutili, in questo modo riempiamo il mondo di monnezza.
Ma gliel'ha mai insegnato qualcuno a questi che il consumismo è il peggiore dei mali?

Marica ha detto...

Nikla: ma che bell'asilo, quante cose che fanno!!! ti chiedevo del nuoto perche' qui so che fino a una certa eta' i bimbi devono stare con i genitori per entrare in acqua, ma appunto 3 anni mi sembra un'eta' plausibile per farlo da soli... quante cose, bello!

trentazero: si, c'e' molto coinvolgimento dei genitori... soprattutto ci sono genitori che fanno volontari per le varie attivita'!

luciano: eh, guarda, io ho detto le tue esatte parole: piuttosto porto 30 dollari direttamente alla scuola! poi pero' ho cercato di ragionare come i "locali" :-), non dico di condividere, ma almeno di cercare di capire... la conseguenza del tuo (mio) ragionamento e' che in italia la piccola azienda snapo prob avrebbe gia' chiuso i battenti, invece qui va ancora avanti... d'altra parte in italia abbiamo l'abitudine di mettere da parte i soldi, mentre qui l'americano medio non ha quasi nulla da parte e prende continuamente prestiti...

Anonimo ha detto...

In italiano quelli che tu chiami blocchetti da costruzione si chiamano da sempre "cubetti".
Che brutto il tuo italiano! Approssimativo, spesso scorretto, sempre mal tradotto. Non si dice "apposto", né "affianco" (che sono voci verbali), ma "a posto" e "a fianco". Non si dice "vicino casa", ma "vicino a casa". c'è una bella differenza fra "sì" e "si".
Glisso sugli apostrofi che metti regolarmente al posto degli accenti (mi dirai che è la tastiera americana :D ). Non voglio nemmeno pensare a come parli inglese.

Marica ha detto...

si chiameranno cubetti se sono tutti a forma di cubo....
non ho gli accenti su questa tastiera...
non ti preoccupare, non ci pensare a come parlo inglese, meglio che resti solo con le preoccupazioni sul mio italiano :-)

Anonimo ha detto...

:D Ci avrei scommesso! :D
'Scolta: qualsiasi tastiera di qualsiasi computer prodotto in qualsiasi parte del mondo, e sicuramente la tastiera di un Mac, può essere "settata" per la lingua di preferenza, con caratteri e accenti relativi. (Altrimenti, come farebbe un traduttore italiano dal russo, dallo svedese o dall'ungherese a lavorare con un computer italiano? Non ci hai mai pensato?)
Se cerchi nel menu del tuo computerino quest'utile funzione, anche se vivi negli Usa potrai scrivere comodamente con gli accenti italiani proprio come se fossi a 'Mmalano. Believe me.

Anonimo ha detto...

E comunque in italiano, quando non sono cubetti veri e propri, si chiamano "pezzi" delle costruzioni, certamente non "blocchetti".
Da piccola tu li chiamavi forse "blocchetti"?
No, ora non rispondere che non giocavi con le costruzioni (you should have done).

Marica ha detto...

In effetti un lettore mi aveva gentilmente mandato il link a un programmino per fare questa cosa alla tastiera, ma ultimamente sono un po' pigra... magari durante le vacanze di natale :-/

io li chiamavo blocchetti... tanto per farti un esempio poi sappi che i cassetti io li chiamo tiretti, perche' dalle mie parti si chiamano cosi, forse e' lo stesso anche per i blocchetti