12/30/2013

1146 - Targhe (XXII)

Anche questo e' un post programmato... e' da tantissimo che non pubblico targhe, mi e' sembrato doveroso farlo prima della fine dell'anno!

Prima le targhe degli ospiti!
Una delle tante che mi ha mandato la lettrice Alice (ho visto che ha pubblicato bellissime foto della California sul suo blog):


["Amy loves Eric"]

Yuri invece, tra le altre, mi ha mandato questa:


["hugs for you", abbracci per te :-)]


Sabina da San Francisco invece mi ha mandato queste due... dai, che anche in California del Nord sono fantasiosi ;-)


["clear path", sentiero libero... oppure liberare/pulire il cammino]



["I'm weird", sono strano :-P ]

Valentina dal Texas:


["great mom", mamma bravissima]

E Nonsisamai sempre dal Texas:


["good to go", prob riferito alla macchina ?]


Invece tra le mie ho scelto:


["cycling", dove il porta targa dice anche "it's not just life, it's an adventure!"]



["escargot"]



["orca", direi che sta benissimo con quello sfondo!]



["sugar doctor", che non ho capito se e' un dottore o un pasticcere]



["wifi guy"]




["Yoga Del Mar" ?, non so cosa puo' indicare DM, ma Del Mar e' un centro abitato qui vicino]



["Yoga Diva" e' il nome dello studio yoga, e fa molto figo]

E per questo mese ci sono due targhe vincitrici a pari merito :-)


["love my family" :-) ]



["loved mom"]

Ancora auguri di buone feste a tutti!
[anche questo era un post programmato]

12/25/2013

1145 - Buon Natale

Signore e Signori, Ladies and Gentlemen... alla voce e alla chitarra Mr D e la sua Jingle Bells.

[clap clap clap clap clap]




Tanti auguri a tutti di Buon Natale!


Questo e' un post programmato... i bagagli sono pronti e noi siamo in partenza... speriamo di arrivare sani, salvi e puliti! :-)
Il mio pc resta a casa [a San Diego], il mio telefono in italia non funzionera'.
A presto :-)

12/20/2013

1144 - foto mancanti e eventi mancati

Lo spacchettamento regali al compleanno di D:


Il fiore della pianta "uccello del paradiso" [il primo e' gia' appassito, il secondo e' in fiore, il terzo sta per sbocciare]:


Un gradito ospite che ogni tanto viene a fare visita a un albero in giardino:


Il panda rosso, quello dello zoo:


Le piantine di fagioli [esperimento di scienza con D, ormai sono molto piu grandi e dovrei decidermi a metterle in un vaso con la terra]:



Oggi a scuola di D c'e' stato il Christmas Show: esibizione dei bimbi e incontro con Babbo Natale.
D ha iniziato da meta' novembre a cantare Jingle Bells e a leggere libri sul Natale, l'insegnante di musica mi aveva detto che D sarebbe stato il cantante capo (singing leader) della classe dei toddler.
Solo che D lunedi pomeriggio aveva la febbre... e l'ha avuta fino a ieri sera (giovedi), quindi anche se stamattina era sfebbrato (con pero' un po' di tosse/raffreddore) abbiamo deciso di non mandarlo [nel rispetto della sick policy della scuola e delle indicazioni del pediatra.. e per evitare ricadute!]
A me e' dispiaciuto veramente tanto. So che ci saranno tanti altri concertini di Natale a venire, e so che non sono ne' la prima ne' l'ultima mamma che ci deve rinunciare, e so che non sono questi i veri problemi... ma a me e' dispiaciuto proprio tanto :-(
Vuol dire che faremo un Christmas Show speciale sull'aereo verso l'Italia :-P

12/15/2013

1143 - il quadro

Seppure alla velocita' del bradipo, a casa facciamo piccoli progressi... lo so che quando sara' tutto "perfetto" sara' ora di traslocare, allora facciamo con calma :-)
Per esempio la settimana scorsa siamo riusciti ad andare all'ikea e comprare un mobiletto che andra' in garage... dopo una settimana abbiamo spostato le scatole di pochi centimetri in modo da poter uscire con la bici... chissa' quando lo monteremo...

Data quindi la nostra velocita' nelle migliorie e dato il nostro stile minimalista, mi sembra di rilievo segnalare che abbiamo comprato un quadro! Anzi, lo ha comprato la Nonna, ed e' il suo regalo di Natale per me, consegnato con un po' di anticipo.
Quando la Nonna e' venuta a trovarci il mese scorso siamo andati tutti insieme a casa dell'Artista: ci ha mostrato diversi quadri, abbiamo fatto una prima eliminazione, poi tra i possibili cinque abbiamo ridotto la scelta a due... e la scelta finale e' stata dura! Questo e' quello che abbiamo preso:


Sono contenta perche' i suoi quadri con gli alberi li avevo visti per la prima volta un paio d'anni fa e mi erano subito piaciuti , e questo e' bello colorato come piace a noi!
Ora ho il compito di farlo incorniciare...  ho chiesto all'Artista di consigliarmi/aiutarmi, e andremo presto insieme dal corniciaio!

Questo trattamento speciale perche' l'Artista, Cecilia, e' una mia amica qui a San Diego.
Inoltre e' anche mamma di un amico di D, quindi e' compagna di playground e di playdate :-)
Oltre ad essere artista, e' anche ingegnere .... e io ho sempre tanta ammirazione per quelle persone che si reinventano con il tempo, che non si sentono costrette in un ruolo, che hanno il coraggio di osare, di cambiare, di inseguire i propri sogni... come ha fatto Cecilia che, trasferitasi qui insieme al marito, ha colto l'occasione per inseguire il suo sogno di dedicarsi all'arte :-)
Come se cio' non bastasse, oltre a disegnare/dipingere, ha poi anche iniziato a lavorare... da ingegnere :-D

Questo e' il suo sito web, dove ci sono gli ultimi suoi lavori.
La serie sugli alberi non e' presente perche' fa parte del "passato", lei ora si sta dedicando soprattutto ai ritratti. Sul sito pero' c'e' il secondo candidato della nostra scelta, i melograni con le noci.

Una volta incorniciato, lo appenderemo sulla parete dietro al divano.
Nel frattempo infatti abbiamo comprato il divano (c'e' un terzo pezzo, monoposto, di cui si vede giusto un angolino), abbiamo comprato una lampada da terra, abbiamo srotolato il tappeto (che ci segue dall'italia, ma e' stato arrotolato per piu' di un anno)... abbiamo anche montato l'albero di Natale, ma solo perche' ce lo ha regalato Romina (altra cara amica). Dobbiamo ancora comprare le tende.. e se continuiamo cosi' e' probabile che cambieremo prima le finestre (visto che hanno quasi 30 anni, e si vede/si sente).


Inoltre Cecilia e' stata cosi' gentile che mi ha anche regalato un piccolo acquerello di un vicoletto romano, che andra' su un'altra parete.

Poco alla volta, casa prende forma!

12/11/2013

1142 - quando non si bada a spese

Ricordo una scena dal blog di Sandra, quando dentro un negozio Natallia si provava dei capi di abbigliamento e Sandra disse a sua madre "oggi non si bada a spese" (o "non si chiedono i prezzi", non ricordo esattamente, Sandra mi scusera' :-) ).

Personalmente faccio poco shopping, e quando lo faccio guardo sempre il prezzo, se supera un tot non prendo nemmeno in considerazione l'oggetto [sono fatta cosi...], ma ieri ho fatto proprio come aveva fatto Sandra... e per una ragione simile :-)
Tra le varie iniziative della scuola di D, in occasione del Natale hanno lanciato una raccolta di beneficenza per aiutare "bambini locali bisognosi"... nessun obbligo, ma hanno messo all'ingresso una lista di 10 bambini (nome, cognome, eta') con 4 cose ciascuno di cui hanno bisogno, e chi vuole puo' prendere una di queste cose (segnandolo sulla lista), impacchettarla e poi portarla a scuola.
La scuola fa parte del circuito "Boys and Girls Club", da cui viene l'iniziativa.... in realta' il nome dell'iniziativa lascia a desiderare, essendo io sensibile al tema avevo anche pensato di scrivere un'email in tema "linguaggio corretto nel mondo dell'adozione" ma per quest'anno ho lasciato perdere.

Ho pensato che a oggi avrei potuto avere una bambina di 6 anni, allora ne ho scelto una di quell'eta' (tra l'altro con un bel nome) e ho scelto di prenderle dei vestiti... sono andata da Gap Kid e ho cercato di fare del mio meglio :-)
All'inizio volevo andare molto sul pratico, tipo pantaloni morbidi e felpa... poi mi sono detta "che diamine, e' natale, ci vuole qualcosa di sfizioso!", allora ho cercato di metter su qualcosa di pratico/comodo ma anche bello/sfizioso :-)
Ho preso allora dei jeans scuri (boot cut, come piacciono a me), un maglioncino di lana leggero e morbido (c'era scritto enorme "machine washable", speriamo sia vero) e una maglietta di cotone ma con qualche sbirluccichino rosa.... non so quali possano essere i gusti di una sei-enne, speriamo bene!


Mi sono sentita bene di averlo fatto... e sto qui a raccontarlo non perche' voglio vantarmi o voglio sentirmi dire "ma che brava", nemmeno "beata te che puoi, in italia c'e' la crisi ecc" [perche' cmq io per me non spendo nulla, a parte uno o due caffe' a settimana], ma perche' davvero mi sono sentita bene all'idea di regalare un sorriso a qualcuno :-), perche' i random act of kindness gli atti gratuiti di gentilezza sono una gran bella cosa :-), e spero siano contagiosi (o meglio spero di contagiare qualcuno).


La sera poi su FB un'amica parlava dell'iniziativa di comprare un caffe' per uno sconosciuto, che a sua volta l'avrebbe comprato per un altro e/o sarebbe uscito con il sorriso dal bar e avrebbe cmq fatto a sua volta un suo atto di gentilezza.... :-)

[e ho appena scoperto esiste questo sito, me lo vado a leggere]

12/04/2013

1141 - cosa dice D

Si, devo ancora caricare delle foto, abbiate fede... ma lunedi il pediatra ci ha dato un foglio, quello che ci da sempre alla fine di ogni visita, dove a grandi linee c'e' scritto cosa aspettarsi nei prossimi mesi (in termini di sviluppo motorio, del linguaggio ecc ecc),  e il foglio dice "e' una buona idea aggiornare mensilmente un diario con gli sviluppi del bimbo" in modo da non perderne memoria...
Probabilmente lo faro' (non qui, non vi preoccupate), perche' ogni giorno D fa qualcosa di buffo... ma qui sul blog ci tenevo a fare un piccolo post su cosa dice D [o meglio su cosa diceva fino a due settimane fa].
E' la prima volta che seguo l'evoluzione del linguaggio di un bambino, ed e' davvero affascinante... ha un modo tutto suo di esprimersi, io lo capisco benissimo, ma a volte mi trovo a fare da interprete anche nei confronti del papa'.. allora ecco qui una breve guida dal titolo "cosa dice D".

Rispetto alla media dei bambini della sua eta' (sia monolingue che bilingue) D e' "indietro" in quanto a vocabolario [niente di cui preoccuparsi, c'e' chi cammina a 9 mesi e chi a 18, ma alla fine camminano tutti, cosi' pure per le parole], ma per me dice un mondo di cose :-)
Il suo linguaggio e' affascinante perche' e' un miscuglio di: italiano, inglese, linguaggio dei segni americano, gesti di vario tipo, suoni, canzoni...

Parole in italiano:
no, si, io, mamma, papa', nonna, nonno, zia, zio, latte, pasta, pizza, uva, torta, mano, dito, cacca, pipi, basta, dai, tardi, tanto, tutto, nanna, bimbo, bua, blu, verde, rosso

Parole in inglese:
up, down, hi, bye, potty, book, pumpkin, nose, playdough, wheel, sit down [e prob altre che lui mi dice ma io non capisco]

Parole nel linguaggio dei segni (tipo da qui):
ancora, pannolino, scuola, lavoro, per favore, grazie, grande, piccolo, cappello/caschetto, stroller, luce, bagnetto, banana [altri li abbiamo abbandondati per strada, sostituiti dalle parole]

Parole dette con i gesti (in alcuni casi accompagnati da suoni, questi andrebbero filmati):
bici (pedala con le mani), monopattino (mima l'azione), correre (mima l'azione), colorare (mima l'azione), aereo (mima il decollo), macchina (mima di girare il volante), violino (mima di suonarlo e emette il suono), tromba (idem), pianoforte (idem), doccia (con la mano sulla testa mima di lavarsi i capelli), coccodrillo, scimmia, serpente, elefante (questi ultimi dalla canzone dei due leocorni), tardi (anche se ormai lo dice a parole)

Parole dette con i suoni:
bere (aaahhhh, come dopo aver bevuto), mangiare (gnam gnam), casa (din don), treno (ciuff ciuff), vigili del fuoco (iiooo iiooo iiiooo), camion della spazzatura (aaaaa gnammm!), chitarra (dlen dlen), martello (den den den), altalena (imita cigolio), palla (tac!), cane, gatto, mucca, maiale, pecora, uccello, papera, asino, cavallo (per tutti gli animali fa il verso), farfalla (dlin dlin, da un giochino che aveva) cadere/farsi male (deng!!), babbo natale (oh oh oh!!)

Parole dette con le canzoni:
stella (windo windo aah, che sarebbe twinkle twinkle little star), autobus (all through the town, da the wheels on the bus), trattore/jeep (iaiao', da Old McDonald)
[queste ultime sono proprio carine :-) ]

Se si considerano le prime due categorie il suo linguaggio e' abbastanza limitato, ma in realta' lui si esprime in un modo molto variegato :-)
E nella stessa "frase" mette parole prese dai diversi gruppi, che quindi a un orecchio esterno possono sembrare suoni messi a caso.. ma cosi mi dice frasi tipo "mamma per favore alzati, c'e' il camion della spazzatura" oppure "a scuola un bimbo e' caduto dal trenino" oppure "papa' e' in ufficio torna tardi" oppure "papa' e' andato in ufficio in macchina" oppure "sono andato a scuola con papa' in bici e ho visto il camion della spazzatura mentre passava un aereo" :-P oppure "il libro rosso e' caduto" ecc.

Mischia inglese e italiano, ma non mi preoccupo... non ci sono parole che sa dire in entrambe le lingue, quindi se deve dire una parola la dice come la sa dire (tipo book rosso o playdough verde ecc).
Nelle ultime due settimane pero' e' cambiato qualcosa, ha iniziato a dire parole nuove ogni giorno... ma mentre prima diceva una parola nuova solo se si sentiva sicuro di dirla (per poi dirla discretamente bene e a bassa voce), ora si butta e ripete tante parole, ma non le dice bene e non le "usa", semplicemente le ripete alla meno peggio quando le sente.... probabilmente a forza di ripeterle le fara' sue.

E oggi una signora gli ha chiesto "Hi D, how old are you?" e lui ha subito risposto "due anni" :-)

12/01/2013

1140 - due

Durante gli anni trascorsi qui mi sono fatta l'idea che gli americani ci tengano molto alle feste di compleanno...  basta pensare che il parrucchiere per bambini offre la possibilita' di ospitare feste di compleanno, idem la "palestra" per bambini o il posto dove si dipinge ecc... piu' o meno qualsiasi posto offre il "birthday party".
Confesso di essere stata tentata dal "posto dove si dipinge": quando ci siamo andati D e' stato presissimo per due ore tra le varie attivita' e ho pensato che poteva essere divertente farci la festa con i suoi amici, ma mi sono fermata davanti al costo (costo che comprendeva l'affitto del locale e attivita' per due ore, decorazioni comprese, ma senza cibo/bibite).
Ho quindi deciso (approfittando del fatto che D e' ancora piccolo) di fare una semplice festicciola al parchetto, invitando quelli che mi sento di considerare i suoi "amici".

Il giorno prima del compleanno ho avuto attimi di scoraggiamento:
- il playground parchetto con i giochi scelto inizialmente (perche' fornito di gazebo sui tavoli) era sprovvisto di bagni, ma dato che tra gli amici ce ne sono un paio "spannolinati da poco" ho cambiato all'ultimo il posto dove fare la festa;
- D aveva il raffreddore, io il mal di pancia, il marito il mal di schiena;
- tutti i muffin sono venuti schiacciati e appiccicati alla carta degli stampini (evidentemente ho sbagliato qualcosa, di solito uso lo stampo di silicone e non ho di questi problemi);
- mi sono chiesta se le mamme degli altri bimbi si aspettassero delle "attivita' " visto che solitamente alle feste di compleanno "si fa" qualcosa;
- pioveva e pioveva e pioveva....

Il giorno dopo per fortuna c'era il sole, stavamo tutti un po' meglio, e ho deciso di non dare troppo peso ai muffin. Abbiamo caricato la macchina con tutto il necessario e siamo andati al parchetto, abbiamo scelto due tavoli e li abbiamo "marcati" con i palloncini blu. Dopo poco l'arrivo dell'ultimo dei bimbi invitati abbiamo aperto la torta (erano le 11 del mattino), e poi ognuno ha mangiato un po' quello che voleva, senza essere troppo formali.... un birthday brunch "festa di compleanno a meta' tra la colazione e il pranzo".
Io da parte mia ho cercato di fornire cibo a basso contenuto di zuccheri: muffin (senza o con poco zucchero) alle zucchine o alla zucca o alle patate dolci (alcuni con uova, altri senza perche' c'era un bimbo allergico), piccoli sandwich avocado-formaggio-prosciutto cotto, un piatto di verdure varie, macedonia.. e per bere rigorosamente acqua e succo di frutta all'arancia (il cui unico ingrediente fosse appunto arancia).
Poi certo c'era la torta, e sempre per tener conto delle varie allergie era senza uova, senza banana, senza ananas e senza mela... in realta' ho scoperto al momento di servirla che c'era la "salsa di mela", mi sono scusata, per fortuna pare non fosse un grosso problema (quella delle mele era un'intolleranza e i genitori stavano cercando di reintrodurle gradualmente).
Ho cosi' scoperto, io amante dei dolci e cioccolata dipendente, che si puo' fare una festa anche cosi :-), anzi le mamme mi hanno ringraziata :-)

Il sole ci ha salvato, asciugando il prato, la sabbia e i giochi.. e D ha avuto una bella idea: a mano a mano che arrivavano i pacchetti lui li voleva aprire, e una volta aperti ci giocava e ci faceva giocare gli altri bimbi... cosi ad ogni bambino che arrivava fornito di regalo si formava un capannello attorno a D, il regalo veniva aperto e sparpagliato sul prato e ci giocavano tutti insieme, fino ad apertura del prossimo pacchetto :-).
[ho cosi' risolto il "problema" delle attivita']
Alla fine siamo riusciti a recuperare tutti i pezzi dei regali e anche i giochi che avevamo portato da casa da condividere.... abbiamo perso solo una cosa: la palla gonfiabile sponsorizzata dall'agenzia dell'adozione (ricevuta in regalo durante l'estate), sopra c'era il logo dell'agenzia, probabilmente si e' allontanata con il vento e non l'abbiamo piu' ritrovata... mi piace pensare sia come un messaggio in bottiglia lanciato da D al mondo, vediamo cosa torna indietro :-)

Nota: al raggiungimento dei due anni di eta' D ha perso l'appellativo di Little.

Nota 2: domani aggiungo una foto... piu' le foto del post precedente ;-)