1/24/2014

1152 - addapassa'

Domenica mattina il marito mi dice "ma allora, ce la farete una settimana senza di me?" al che io rispondo:
"non ti preoccupare! l'altra volta che eri stato via 12 giorni e D non andava a scuola ed e' stato un po' faticoso, ma stavolta e' solo una settimana: D andra' a scuola tutte le mattine, tranne oggi che andiamo allo zoo e lunedi che e' festivo e andiamo da Romina.. e i pomeriggi abbiamo sempre playdate o storytime o lezione di musica, passera' in un attimo! Io inoltre devo finire di sistemare diverse cose a casa, di certo non ci annoieremo".

E il marito parti'... ma le cose non andarono come da programma :-/
Domenica mattina siamo stati allo zoo, ma dopo una mattinata impegnativa D ha deciso che non ne voleva sapere di fare il riposino.. e la domenica sera siamo arrivati a letto abbastanza "provati".
Lunedi mattina qualche colpo di tosse, niente di grave... e lunedi pomeriggio un playdate.
Martedi' mattina l'ho portato a scuola, ma qualcosa dentro di me credo prevedesse il peggio... e per fortuna mi sono affrettata a fare la spesa e sistemare delle cose a casa, quando l'ho ripreso la maestra mi ha detto "non ha pranzato", e dopo il riposino febbre alta e tosse.
[anche un altro dei bimbi del playdate malato]
E la mia vita e' rimasta in stand-by da allora....
A parte che non abbiamo fatto nulla di quanto programmato, ma soprattutto sono le notti che mi distruggono.
Ma non voglio lamentarmi, fa parte del gioco.

In aggiunta a cio'... si e' rotta la porta dell'armadio di D e ho dovuto trovare un tipo che me la sistemasse (e per un paio di notti far dormire D nel lettino da campeggio in altra stanza).
Il termostato ha deciso che le batterie erano scariche... e dopo tre giorni quelle nuove erano di nuovo scariche :-/
La spa si e' accesa da sola... me ne sono accorta l'altro giorno per caso, non so da quanto girasse.
L'appuntamento con il dottore era alla stessa ora dell'appuntamento con il tipo che installa le grondaie... ho cercato di disdire, non ci sono riuscita, ma per fortuna il tipo ha fatto lo stesso il preventivo e me lo ha lasciato nella cassetta della posta.
Piu' "le cose da donna".
Mi faccio forza pensando alle disavventure di Valentina, e mi ripeto "addapassa'".

Insomma, siamo in uno stato pietoso, casa compresa.
Domani e' sabato e si prevede che il marito arrivi a casa a mezzogiorno ora locale.
Se D nel frattempo guarisse non sarebbe male.

10 commenti:

Mel. ha detto...

Cavolo, mi spiace! Che poi certe cose capitano proprio nei momenti meno indicati (non che ce ne sia uno buono per avere un figlio ammalato :/ ).

Luciano ha detto...

Aggiungiamoci pure che fb ti pianta ;) (tanto per sdrammatizzare).
Essere da soli con i figli, non avere mai nessuno su cui contare quando c'è bisogno è dura e ti costringe a organizzare qualunque cosa di conseguenza.
E quando gira così anche le cose più piccole diventano un dramma.
Vediamo ciò che è andato bene:
1. La spesa l'avevi già fatta. Per quel che può mancarti c'è un'anima buona o un servizio di qualche supermercato che te la porta a casa?
2. L'armadio è sistemato
3. Gentilmente il tizio delle grondaie ha potuto farti un preventivo anche senza che tu ci fossi
4. Per le pile bisognerebbe trovare qualche altro apparecchio a cui si possono per il momento togliere (il telecomando?)
Insomma, super Marica ha compiuto anche questa missione

speranziamo ha detto...

ossignur! Meno male che sta per tornare il marito! Dai ancora un po' e speriamo che D si senta meglio.

Moky ha detto...

Ho capito a mie spese, che nulla va mai come programmato, nulla. L'importante è uscirne ....

lucia ha detto...

Mannaggia, che settimana :-( io sono stata poco bene due settimane fa e una delle prime cose che mi sono chiesta, mentre imploravo mauri al telefono di tornare a casa dal lavoro e venire a stare con samu perchè io non riuscivo ad alzarmi dal letto, "ma come avrebbe fatto la Marica col marito in trasferta in questo caso"? Ti giuro che non avrei saputo come uscirne... poi è ovvio che tutte le cose che devono succedere si concentrano tutte insieme :-( Dai che ormai ne sei uscita :-)

Alessandra ha detto...

Hai tutta la mia comprensione...dopo aver avuto in nano malato a casa per una settimana ieri l'ho riportato a scuola sebbene ci fosse il diluvio universale: o si bagnava o volava dalla finestra...o mi ci buttavo io dalla finestra!

Valentina VK ha detto...

alla fine passa sempre...forse aiuta non fare programmi ma semplicemente grandi linee: ti poni 3 o 4 obiettivi su 7 gg e sono cosi pochi che comunque ce la fai..oggi torna pawel dopo 9 gg, al quarto giorno volevo schiattare di sonno e tanti saluti a tutti, e invece sono ancora qui :-D ce la facciamo, dai!

Marica ha detto...

Mel: vero.. come si dice, la sfiga ci vee benissimo! :-)

Luciano: grazie mille per la tua ventata di ottimismo! :-)
ben tre amiche, appena saputo che D stava male e il marito non c'era, si sono offerte di andarmi a fare la spesa :-)
e verissimo tutto quello che dici!
e come al solito, cio' che non ci ammazza ci fortifica (o qualcosa del genere)

speranziamo: sabato e' tornato il marito e la febbre e' andata via... certo il marito e' ko per il fuso orario e il muco/catarro non ci abbandona, ma facciamo progressi :-)

moky: esatto!

lucia: il mio grande timore era quello infatti di ammalarmi pure io!! ma per ora sto bene :-) mi sono pure chiesta come avrei fatto con un neonato attorno, e sinceramente non mi sono risposta :-/

alessandra: ahahahah :-)

valentina: sei la mia fonte di ispirazione :-), nei momenti piu' bui penso sempre a te :-)

Sara Marfurt ha detto...

ti capisco!! :-)
Dai che è andata!

Ale - Espatriata al seguito ha detto...

un pò di lamentela (ma non per D ammalato, per il fatto di essere sola ad affrontare tutto) ci poteva anche stare :)