2/28/2014

1161 - e infine piove!

Dato che non piove mai, solo a novembre ci siamo resi conto che il lavoro fatto in giardino nel precedente marzo aveva aggravato un problema pre-esistente: lo smaltimento delle acque di pioggia.
Il vialetto laterale (che divide casa nostra da quella dei vicini) non ha la giusta pendenza e l'acqua piovana ristagna... a questa si aggiunge l'acqua che scola da meta' tetto (non c'era la grondaia), e il mulch sistemato dai giardinieri ha intasato il tutto ancora di piu'. Quindi una notte di novembre mi sono ritrovata sotto la pioggia con giubbetto impermeabile, pantaloni arrotolati fino al ginocchio, infradito e "paletta" da mare di D (quella gigante, almeno ha avuto una sua utilta') a spalare mulch :-/
Abbiamo allora deciso che potevamo pensare di mettere la grondaia, e smaltire cosi parte dell'acqua piovana... ci siamo fatti fare un preventivo (il giorno che D stava male), ci abbiamo pensato  abbiamo tagliato sul prezzo decidendo di mettere la grondaia solo su 2/3 del perimetro del tetto, e abbiamo deciso di aggiungere anche un rain barrel, cioe' un contenitore di raccolta dell'acqua piovana.

Lunedi mattina sono venuti gli operai, hanno montato grondaia e discendenti. Avevano portato un rain barrel da 65 galloni, ma siccome per forza di cose (troppe finestre lungo il perimetro o vialetto troppo stretto) il rain barrel andava messo davanti una di queste finestre, quello da 65 galloni ci sembrava troppo grosso... ne abbiamo fatto portare uno da 45 (il piu' piccolo che ci sia) e lo hanno installato attaccandolo al discendente della grondaia.
Mi hanno salutata dicendo "tra qualche giorno piove". E cosi' e' stato: giovedi pioggia, venerdi pioggia.
Il rain barrel si e' riempito molto in fretta (dopodiche' l'acqua defluisce a terra), al punto che stiamo valutando se aggiungerne un altro collegato in serie. Per dire la verita', venerdi pomeriggio c'e' stata cosi' tanta pioggia che l'acqua tracimava dalla grondaia da una parte (quella collegata con il rain barrel) e il vialetto era pieno d'acqua (devo togliere altro mulch altrimenti non defluisce abbastanza in fretta).
Appena smette di piovere seguiranno foto del rain barrel :-).

La citta' di San Diego offre degli incentivi a chi installa il rain barrell, un dollaro per gallone. Nei prossimi giorni manderemo quindi la nostra richiesta, corredata di foto "prima" e "dopo". Ho anche scoperto che ci sono degli incentivi per chi installa dei sistemi per riutilizzare le acque grigie: acque di scarico di lavatrici, doccia, vasca da bagno e lavandini dei bagni. Pare che queste acque si possano utilizzare per innaffiare ... prima di avventurarci in qualcosa del genere abbiamo pero' altre migliorie da apportare a casa. Io intanto mi sono armata di un bel secchio d'acqua per raccogliere l'acqua fredda della doccia e l'acqua di lavaggio delle verdure (fa abbastanza terzo mondo, lo so), cosi ci innaffio fiori e piante.

Un'altra iniziativa della citta' per incentivare il risparmio di acqua e' l'aumento del costo dei consumi d'acqua.
L'unita di misura e' l'hundred cubic feet HCF, che equivale a 784 galloni, cioe' 2970 litri.
Mentre prima c'erano 3 fasce di consumo, che andavano da $3.6/hcf a $4.4/hcf ora ce ne saranno 4, che fanno da $3.6/hcf a $8.2/hcf... cioe' piu' consumi e piu' l'acqua diventa cara!
La nostra ultima bolletta e' stata di 10 hcf in due mesi, cioe' 125 galloni al giorno, cioe' 470 litri al giorno, considerando che siamo 3 in casa (D conta perche' e' lui quello che consuma piu' acqua!) fanno 157 litri procapite al giorno, che e' in linea con il consumo medio in italia. La media USA si aggira invece tra gli 80 e i 100 galloni (300 - 380 litri) procapite al giorno.
D'estate pero' il nostro consumo cresce molto: le bollette estive hanno registrato 16 hcf bimensili. Tutta "colpa" del prato, per il quale cercheremo di trovare una soluzioni nei prossimi mesi/anni.

Sul sito del water department le altre iniziative.

Domande?


Aggiornamento foto:

Il rain barrel attaccato alla grondaia (il grosso contenitore dietro va spostato, quindi ci sarebbe spazio per mettere un secondo barrel).


Parte delle piante grasse che innaffiero' con l'acqua raccolta... inoltre in questa zona vorrei provare a mettere degli ortaggi, magari in vaso come prima volta e vedere se riesco a farli vivere! Ho preso semi di pomodori, zucchine, piselli e melone.

18 commenti:

Anonimo ha detto...

Non piove mai.
Saprai che l'Italia si sta trasformando in un paese dove piove molto più spesso rispetto a qualche anno fa? La situazione sta diventando abbastanza insostenibile, ora diluvia, tanto per cambiare. Ogni tanto ti butta lì una o due giornate spettacolo e ti illudi sia finita e poi trac si riparte con la pioggia per giorni e giorni e giorni, settimane, mesi. Non ne possiamo più per non considerare i danni seri in termini di alluvioni, sfollati, frane.
Bacioni Sandra frollini

Clyo ha detto...

Questa cosa che si possano utilizzare le acque grigie per annaffiare non mi suona tanto bene: e tutti i veleni di detersivi e saponi? Anche con un depuratore mi sembra strano che si riescano ad eliminare del tutto.
Sono curiosa di vedere il rain barrel!

alidep ha detto...

Noi qui stiamo tra i 3 e i 5 mila galloni al mese, cioè una media che va tra i 35 e i 55 galloni al giorno pro-capite (giusto?). Siamo bravi! Non abbiamo però spese di irrigazione o piscina, in quel caso o che le spese aumentano un bel po'. Anche qui il costo aumenta in base al consumo, noi infatti spendiamo attorno ai 34/40 dollari al mese al massimo. È anche vero che qui l'acqua non manca proprio... anzi! A volte è pure troppa! Eppure per l'irrigazione utilizzano acque riciclate, infatti spesso (in alcune zone, non so da cosa dipenda) quando partono gli sprinklers si sente odore di uovo marcio!

Moky ha detto...

L'idea di riciclare l'acqua piovana è ottima e quella dell'incentivo x chi lo fa ancor di più.
Qui sta piovendo talmente tanto in questo periodo che ci sono frane ovunque, anche nella mia valle e siamo rimasti 20 giorni con la strada provinciale chiusa, abbiamo dovuto fare il giro del pianeta x uscire, questa è una valle chiusa.

Jack ha detto...

Quando irrigano e si sente puzza di uovo marcio non è mica perché usano le acque di scarico!! E' impensabile usare gli scarichi così direttamente, è ovvio che prima vengono processati (altrimenti l'insalata vi sa di detersivo...)
Puzzano perché l'acqua è mescolata insieme ai fertilizzanti, niente di trascendentale, però puzza.

Silvia Pareschi ha detto...

Brava, brava, ricicla! E viva la pioggia (in California)!!

Marica ha detto...

Sandra: si lo so :-(, gia' da prima che andassi via era cosi, mi pare ogni anno peggiori :-(

Clyo: credo che si possano utilizzare solo determinati detersivi "biodegradabili"... e le acque non si possono utilizzare per innaffiare verdura e ortaggi... devo studiarlo meglio!

Alidep: piu' o meno consumiamo la stessa quantita'.. ma noi innaffiamo anche :-/, per quello d'estate spendiamo di piu' :-(.
La nostra ultima bolletta e' stata di 70 dollari al mese, ed e' stata quella piu' bassa, d'estate arriviamo a 100 ;-(
Anche qui ci sono credo 3 impianti per il riciclo delle acque, con cui innaffiano il verde pubblico... pero' vicino casa non mi arriva quell'acqua e non l'ho mai "annusata"... anche questo argomento devo approfondirlo, grazie!

Moky: uh :-(

Jack: grazie, non sapevo la mescolassero insieme ai fertilizzanti!!

Silvia: :-)

Laura ha detto...

Acqua di scarico della lavatrice? Per innaffiare? :O muoiono tutte le piante! ihihih :)
mi sembra sensata la tua idea, acqua fredda della doccia e quella delle verdure! Magari anche l'acqua di scolo della pasta! Ma le altre le eviterei in quanto ricche di saponi ...:D

Alessandro Marzini ha detto...

Salve a tutti, scusate l'intrusione, avrei il piacere di entrare in contatto con l'autrice del blog ma anche con altri italiani che vivono in America per organizzare un intervista con un noto giornalista italiano (Stefano Spadoni) che vive a New York e ha un podcast dove quotidianamente oltre a dare pillole di notizie sugli USA, intervista italiani emigranti ed emigrati in USA, è una persona molto piacevole ed il podcast è veramente carino da ascoltare, potete contattarmi per email: alessandro.marzini@gmail.com questo il podcast: http://stefanospadonidanewyork.com/

Luciano ha detto...

La prima cosa che ho fatto è stato calcolare quanti litri sono 45 galloni. 170 litri! E ho pensato che sono tanti, che in un giorno o due ti sono piovuti addosso 170 litri d'acqua. Pensavo che sarebbero serviti a tantissimo. Poi leggo che quella quantità d'acqua la facciamo fuori prima di pranzo, magari solo nello sciacquone, che scarica fino a 12 litri alla volta.
A questo punto, tra giardino e water finisce alla svelta. Certo, meglio di niente e fai stra bene. Ultimamente ho visto qualche progetto di lavandini che recuperano le acque grigie per la cassetta del wc, anche quello è molto bello.
E non c'è nulla di male a raccogliere l'acqua delle verdure e della doccia. Dal terzo mondo queste cose possiamo ben impararle.

alidep ha detto...

Oh, mi sono dimenticata di dirti che noi per contenere il mulch (con le piogge pazzesche che ci sono qui se ne andava tutto nel giro di pochi giorni) abbiamo preso da Home Depot dei mattoncini decorativi (ci sono bianchi e color mattone, costano pochissimo, li abbiamo presi scuri perché su quelli chiari si vede subito la muffetta che si forma e sembrano sporchi) e abbiamo fatto una cornice nel punto critico. Adesso il mulch è contenuto e l'acqua scorre via lo stesso! http://www.homedepot.com/p/Oldcastle-1-1-3-ft-Scallop-Concrete-Edging-14200710/100348831?N=5yc1vZbx74

Marica ha detto...

Laura: per ora infatti non lo stiamo facendo... anche perche la lavatrice e' da tutt'altra parte rispetto alle cose da innaffiare... ma pare che si puo', con opportuni detersivi :-)

Alessandro: grazie per l'interesse, ma io sono allergica alle interviste radiofoniche :-)

Luciano: verissimo!! ache io pensavo fosse tanto... poi mi sono resa conto che in un giorno ne consumiamo molta di piu' di acqua! (qui gli sciacquoni per legge non possono scaricare piu' di 1.6 galloni, cioe' tipo 6 litri). Pero' e' un buon "reminder" per usare meno acqua :-)
Anche io sto cercando il sistema per riutilizzare l'acqua del lavandino per lo scarico del water!

alidep: vado a vedere, grazie!

Marica ha detto...

grazie, e' proprio quello che mi servirebbe!!

GnamoInUSA ha detto...

Per calcolare il vero costo dell'acqua pero' ci dovresti aggiungere anche la fognatura, prezzo per hcf.

Marica ha detto...

Gnamo: eh si... il prezzo della fognatura e le quote fisse, per cui la bolletta e' venuta di 130 dollari in due mesi usando 10 hcf :-/ (anziche 40 dollari)

Luciano ha detto...

Che bello il rain barrel. Ogni volta che posti delle foto io non le guardo, letteralmente me le godo.

Santarellina ha detto...

Ma che strano che in un posto così non si usi costruire vere e proprie cisterne come parti integranti delle case! Mi ricordo una casa a Pantelleria in cui il seminterrato era due terzi garage e un terzo tutta cisterna, raccoglieva l'acqua di tutto il tetto e dei terrazzi. Se visiti le antiche città romane sparse intorno al Mediterraneo le cisterne ci sono sempre... Certo, servono quantomeno i mattoni, se non il cemento, con il legno la vedo poco pratica :)

lucia ha detto...

marica era da un po' che volevo commentare qui: noi abbiamo la bolletta dell'acqua condominiale, così ho chiesto ai miei suoceri quando costa 1mc di acqua esclusi i servizi di fognatura. 31 centesimi di euro! ottime le idee per il recupero dell'acqua, a volte penso che se costasse di più anche da questa parte dell'Oceano la gente ne sprecherebbe molta di meno!