8/19/2014

1173 - riassunto di una vacanza californiana

Piu' di un mese e mezzo fa siamo stati in vacanza.... siccome tra meno di un mese tre settimane saremo di nuovo in vacanza, mi sembra doveroso fare un post sulla prima esperienza :-)
(ho iniziato il post qualche giorno fa....)

La nostra vacanza e' stata di una settimana e l'abbiamo trascorsa in California, abbiamo fatto un giro simile a quello che avevamo gia' fatto nel 2010, ma percorrendo meno km e con piu' bagagli.

Giorno 1:
- mattinata a Dana Point, solo ad un'ora da San Diego, con visita a una bella nave pirata e passeggiata lungo il porto (oltre a noi, c'erano solo ricchi pensionati vestiti di bianco);
- dopo pranzo siamo partiti e al pomeriggio siamo arrivati a Ventura... abbiamo passato tutto il pomeriggio in spiaggia, solo per cena abbiamo fatto una passeggiata in centro e abbiamo trovato un buon ristorante siciliano vero.




Giorno 2:
- mattinata a Santa Barbara... veramente bella, devo riconoscere piu' bella di San Diego (piu' raccolta, ci sono i negozi e tanti ristorantini lungo il corso, c'e' uno shuttle che fa avanti e indietro dal centro al pontile, si gira tranquillamente in bici/a piedi)
- dopo pranzo siamo partiti alla volta di Morro Bay, dove abbiamo montato la nostra tenda in un bellissimo campeggio sulla baia.

Giorno 3:
- a Morro Bay non c'e' molto da fare, a parte la vita da campeggio e una escursione in barca nella baia, il tutto avvolti nel marine layer...
- pomeriggio a San Luis Obispo, piu' grande e piu' soleggiata... e questa volta, al terzo passaggio in questa cittadina, abbiamo avuto il coraggio di andare a vedere la "bubblegum alley" :-/, abbiamo anche visitato la Missione e ovviamente i playgrounds ;-)



Giorno 4:
- dopo la seconda notte in campeggio, mentre io e D abbiamo visitato il museo di Morro Bay (bello) il marito impacchettava la tenda :-), visita a Cayucos e alla sua "fabbrica" di biscotti... buoni! era il primo luglio e a Cayucos avevano gia' posizionato le sedie lungo la strada per la parata del 4 luglio...
- dopo pranzo abbiamo salutato le nuvole e il fresco dell'oceano per dirigerci verso l'entroterra... e nelle due ore e mezza di macchina successive (fino a Fresno) il paesaggio e' cambiato notevolmente: prima abbiamo attraversato la zona dei vigneti, con bellissimi casolari dagli stili piu' diversi, poi a mano a mano il paesaggio e' diventato piu' arido fino a quando e' diventato proprio deserto (del tipo "speriamo non mi si rompa la macchina qui") per poi ricominciare con i campi coltivati, alcuni dei quali ahime' completamente secchi e diversi cartelli del tipo "salvateci dalla siccita'", "meno acqua alle fattorie = meno lavoro e meno cibo per tutti" e similari... e quando siamo arrivati a Fresno alle 5 di pomeriggio e ho aperto lo sportello della macchina per scendere sembrava di essere dentro il getto d'aria calda di un phon :-/ [notte in albergo]

Giorno 5:
- di mattina presto siamo partiti per lo Yosemite, a circa due ore di macchina.... e una volta li' ci siamo "impattati" contro il turismo di massa :-/, come prima tappa avevamo la zona delle sequoia (a sud del parco), ma i parcheggi erano pieni, per lo shuttle bisognava fare una lunga fila, il caldo era tanto, e la visita non e' stata delle piu' piacevoli;
- nel primo pomeriggio siamo arrivati al campeggio e da li' le cose sono andate meglio :-) Prenotare il campeggio non era stato facile, ma dormire dentro la Valle e' qualcosa di unico.. certo bisogna un po' adattarsi, tipo che le docce piu' vicine sono a 15 minuti a piedi (a pagamento), ma uscire dalla tenda al mattino e vedere la luce che poco a poco entra nella valle illuminando le pareti delle vette attorno e' ... awesome :-D


Giorno 6:
- dato che la Valle e' tutta pianeggiante e con bei percorsi pedonabili/ciclabili abbiamo noleggiato delle bici per un paio d'ore... una bella idea, solo che quelle due ore in bici ci sono costate piu' delle due notti in campeggio! Abbiamo fatto i percorsi a piedi quelli piu' corti, abbiamo guardato le vette dal basso, abbiamo girato con lo shuttle e abbiamo incontrato tanti "giovani" con gli zaini in spalla che tornavano dalla giornata di camminate/arrampicate, come avevamo fatto noi anni fa....
- la sera ci siamo rilassati mangiando il gelato e guardando l'animazione per i bambini, per poi sempre incontrare qualche cervo tornando verso la tenda
[no, non ho foto che testimoniano i cervi, ultimamente non ho piu' la macchinetta fotografica a portata di mano come facevo un tempo, e il mio telefono non e' cosi' smart da fare le foto ]

Giorno 7:
- dopo aver impacchettato la tenda, abbiamo fatto un ultimo giro, visitato un nature center, fatto bagno nel fiume (quest'ultimo solo D, solo lui ha il coraggio di bagnarsi nelle acque gelide dei fiumi), pranzato e poi ripartiti alla volta di Fresno;
- a Fresno non c'e' nulla... lo avevamo intuito all'andata e lo abbiamo confermato al ritorno, quando era anche il 4 luglio e c'era la desolazione piu' totale, non abbiamo nemmeno trovato un posto aperto dove mangiare e siamo riusciti giusto in tempo a cenare in albergo :-/

Giorno 8:
- a Fresno c'e' solo una cosa da visitare, i Giardini Sotterranei... e ci sono piaciuti molto! Spero pero' nelle prossime settimane di avere l'occasione di farci un post a parte, perche' meritano. Dopo un pranzo presto siamo ripartiti, perche' le ore in macchina erano tante.
- dopo tre ore e mezza di macchina siamo arriva a Santa Monica: a delle temperature piu' sopportabili, alle palme, all'oceano, alla macchina con i finestrini aperti.. a quella california a cui siamo piu' abituati. Abbiamo trascorso il pomeriggio tra l'immensa spiaggia e la passeggiata lungo la "terza strada", animata da artisti di strada di ogni tipo e... gente di ogni tipo!
- dopo cena l'ultimo tratto di autostrada e due ore dopo eravamo a casa :-)

Magicamente D ha dormito sempre in macchina, per quasi tutta la durata degli spostamenti (programmati strategicamente dopo pranzo, quando possibile).
La california non e' solo oceano e palme.
E come si conclude uno dei nostri libri preferiti "la parte migliore delle vacanze e' spendere passare del tempo insieme". [scusa Silvia :-P]


13 commenti:

Vittorio Scardaci ha detto...

lo yosemite sara' tappa obbligata la prossima volta che veniamo in california, l'anno scorso abbiamo fatto solo la costa da LA a SF, causa il poco tempo a disposizione, anche a noi e' piaciuta tanto SB e anche noi ci siamo fermati a morro bay, solo 1 notte come tappa intermedia pero', dove abbiamo trovato, sempre anche noi, la nebbia che copriva il promontorio. pero' mi e' sembrata carina :)
mi incuriosiscono molto i giardini sotterranei, non vedo l'ora di leggere il futuro post :)

ps. stima profonda per il tuo telefono, anche io ne ho uno molto poco smart, e da ben 6 anni e mezzo! :D

Dany M ha detto...

CHE BEL VIAGGIO :)

Il Frutto Della Passione ha detto...

Allora non siamo gli unici che fanno viaggi movimentati in tre, con le ovvie e dovute attenzioni ;)
Sai, nella nostra ultima vacanza abbiamo dormito tutti e tre insieme, nonostante avessimo due stanze separate. Continuo a voler mantenere l'abitudine di lui che dorme nel suo lettino, ma durante le vacanze faciliterebbe molto ed è stato bello. Volevo fartelo sapere :)
Bell'itinerario. Adesso che abbiamo la cittadinanza, possiamo cominciare a pensare a qualche bella vacanza americana!!

Sabina ha detto...

Che bel giro avete fatto! Ne terrò presente per i prossimi viaggi col pupo!

Anche noi nel 2010 abbiamo girato la California e siamo passati per molti dei centri che hai nominato: anche a me è piaciuta molto Santa Barbara, a San Luis Obispo abbiamo fatto una serata al cinema drive-in e a Fresno... beh, a Fresno ci siamo persi! :-/ Curiosa di sapere dei giardini sotterranei!

sognoaustraliano ha detto...

Adoro la California ma adesso adoro anche la tua ultima frase. :)

Marica ha detto...

vittorio: eh, anche tu hai trascurato san diego... :-)
yosemite consigliato, ma anche il sequoia e' bello e molto piu' tranquillo!
viva gli "stupid-phone", cosi' li chiamo io... purtroppo il mio caro vecchio fedele Nokia e' stato messo ko da D qualche mese fa (in realta' mi ha messo ko il caricabatterie, ma non riesco a trovarne un altro da comperare)... ora ho un ex-smart-phone di mio marito, che pero' e' senza scheda e non fa le foto e niente... e inoltre a certe persone non mi vuole mandare gli sms :-(
vabe' scusa la divagazione!

Dany: :-D grazie!

Il frutto della passione: bene per questo cambiamento ;-)
noi in vacanza spesso dormiamo insieme (in campeggio per forza) ma poi tornati a casa si torna alla normalita' :-)
vi aspettiamo a san diego allora!!!!

Sabina: arrivera' pure quel post! :-) ma voi in campeggio poi siete andati?

sognoaustraliano: ahaha, e' da un libro di Curious George :-P

Anonimo ha detto...

santa barbara, santa monica,nfresno, i giardini sotteranei, mi ricorda tanto il giro che facemmo noi qualche anno fa, pero' senza campeggio (nonna vecchiarella) e per fortuna senza bubblegum alley! ma a Daniel come l'avete spiegata questa "meraviglia"?

Moky ha detto...

Che bella vacanza.
Vorrei tanto ritornare in California. ne 2008, quando Miciomao aveva un anno, abbiamo fatto San francisco-Las Vegas in macchina, passando per il Sequoia dove abbiamo visto gli orsi da vicinissimo e molti altri strani animali giganti.

Vittorio Scardaci ha detto...

marica purtroppo abbiamo dovuto fare delle scelte dolorose perche volevamo fare il gran canyon e dintorni e il tempo a disposizione era quello che era, ma SD e' sempre nei miei pensieri, infatti grazie a questo ho trovato il tuo blog :)
siamo rimasti colpiti e innamorati della california e vogliamo sicuramente tornarci, in un modo o in un altro ;)

lucia ha detto...

uh sono contenta che vi sia piaciuto il giardino sotterraneo :-) a morro bay ricordo un freddo cane, la nebbia e una ragazza in acqua col surf e tutti i capelli bagnati :-/
California stiamo arrivando :-)

Luciano Canosa ha detto...

Direi proprio che sono dei posti in cui la natura dà il meglio di sé. Complimenti per il racconto, mi hai trasmesso l'emozione e il desiderio di essere lì.

Silvia Pareschi ha detto...

Mito che ti sei corretta! :-D
I giardini sotterranei! Una volta ho tradotto un racconto omonimo di T. C. Boyle che ne parlava, se ti capita leggilo, è molto carino. Qui c'è l'abstract:
http://www.newyorker.com/magazine/1998/05/25/the-underground-gardens

Marica ha detto...

nonna renata: D e' proprio contento quando andiamo in vacanza, qualche giorno fa mi ha cheisto quando torniamo in campeggio... tocca organizzare un campeggio autunnale :-)

Moky: bello!

Vittorio: ole'! :-)

Lucia: eccovi qui ;-D

Luciano: vi aspettiamo!

Silvia: grazie, vado a vedere