6/25/2015

1210 - Baseball

Qualche settimana fa ho chiesto a D se fosse interessato anche lui ad andare a lezione di calcio, come fanno molti dei suoi amici (o al pomeriggio dopo scuola, o durante il weekend). Non che a noi interessi che lui giochi a calcio, ma piu' che altro per spronarlo a superare la sua timidezza e a relazionarsi con persone diverse (coach e bambini). Ha risposto subito di no. Gli ho chiesto se volevamo andare insieme a vedere come funzionava l'allenamento, una volta che c'era uno dei suoi amici... all'inizio non voleva, ma l'ho convinto a vedere un po' di allenamento per poi andare subito a giocare al playground.
La sua risposta e' stata "mamma, il calcio non mi interessa, piuttosto preferisco il baseball".

Nessuno sa da dove gli sia venuta questa idea (di certo non dall'ambiente domestico), ma mi sono messa a cercare qualcosa di adatto.
Ci sono molte possibilita' per far praticare sport ai bambini, di solito fino ai due anni e mezzo le classi sono dette "mommy and me" (perche' c'e' bisogno di un genitore in campo che giochi con il bimbo), poi iniziano le classi "regular". Lo sport piu' gettonato, sia per i bimbi che per le bimbe, e' il soccer (probabilmente e' il piu' semplice per iniziare), ed e' quello che fanno molti dei suoi amici. Dai tre anni iniziano anche le classi di ginnastica e di balletto, gli altri sport sono solitamente per bambini dai 5 anni in su. Sono pero' riuscita a trovare una classe di baseball per bambini tra i 3 e i 5 anni, in un parco non distante da casa. All'inizio eravamo titubanti perche' il baseball non sembra uno sport che sviluppi bene/simmetricamente i muscoli del corpo... ma in fondo a quell'eta' e' un gioco, non e' un sport, quindi lo abbiamo iscritto.

Ieri siamo andati per la prima lezione.
Ovviamente a quel punto, di fronte ai fatti, ha detto "ma io non lo voglio fare", pero' quando il coach ha chiamato i bambini e ha detto loro dove dovevano mettersi/cosa fare, e' andato avanti senza timore.
All'inizio si sono allenati sulla parte di corsa:


prima una base alla volta, poi due, poi tre e poi tutte e quattro.

Poi sono stati divisi in due gruppi da 4 bambini l'uno, nel gruppo di D si sono allenati, uno alla volta, a battere la palla, con il coach che spiegava bene la posizione di piedi, mani, braccia, swing:


Poi hanno fatto pratica di lancio della pallina, sempre con enfasi sulla posizione corretta del corpo, e infine come raccogliere la pallina con il guantone e poi lanciarla.
Io ne ho approfittato per imparare un po' di terminologia, dato che di baseball non ne so proprio nulla.
Nella seconda parte dell'allenamento (lanci e raccolta pallina) mi e' sembrato che D fosse un po' in difficolta', allora mi sono resa conto di essere stata una mamma degenere/sbadata e di non aver notificato il coach che D e' mancino :-/. L'ho fatto appena finito l'allenamento e lui mi ha detto che la prossima volta gli porta il guantone apposito e gli fara' fare tutto nel verso giusto... e ovviamente la prossima volta io andro' a ricordarglielo prima che l'allenamento inizi!

D si e' divertito, ed e' stato entusiasta del saluto finale, quando tutti hanno messo il pugno sopra il pugno del coach e poi hanno urlato insieme il nome della "squadra" (non la smetteva di ridere!).
E a fine allenamento il coach ha regalto ad ogni bimbo delle "baseball cards", che a me hanno tanto ricordato le figurine panini dei calciatori:


4 commenti:

mariantonietta ha detto...

Ma guarda un po' come cresce il nostro Capitan America <3

Sempre Mamma ha detto...

Miciomao vorrebbe fare baseball, ma qui non so nemmeno dove lo facciano :(

Moky in AZ ha detto...

A quell'eta si chiama t-ball (https://en.wikipedia.org/wiki/Tee-ball) E comunque sappi che i "lefties" in baseball sono molto ricercati, perché mettono in difficoltà i batters (se sono destrorsi).Ancora di più se e' ambidestro e può tirare la palla/mazza con entrambe le braccia!! :)

numero assistenza whatsapp ha detto...

Grazie per le post!!!
mi piace tuttoooo!!!
baccio ♥♥♥