7/20/2015

1214 - Non so che titolo dare

Non e' il caso di stare qui a raccontare i dettagli delle urine di D, pero' questa storia della raccolta delle urine nelle 24 ore merita.
Insomma, eravamo in ospedale nel reparto di nefrologia/urologia quando la dottoressa ci aveva detto che bisognava fare questa raccolta, mi aspettavo ci dessero il contenitore, da poi riportare pieno li' in ospedale. Invece no. Mi aspettavo allora dicessero di andare a prenderlo in farmacia, e invece no, ci hanno dato un numero di telefono da chiamare per richiedere questo contenitore.
Il 2 luglio, era un giovedi, finita la visita alle 5 di pomeriggio abbiamo telefonato, ma gli uffici erano gia' chiusi, Il giorno successivo era festivo per via del 4 luglio, quindi ho chiamato il lunedi 6, e al telefono mi hanno detto che il contenitore ci avrebbe messo 5/7 giorni lavorativi per arrivare.
Da dove arrivata il contenitore? L'ho scoperto il venerdi pomeriggio: dall'Ohio.
E dove abbiamo dovuto rispedirlo, una volta raccolte le urine? A Chicago.

Ora... San Diego - Chicago sono a due fusi orari di differenza, 30 ore di macchina (non stop), o 4 ore di aereo (non stop). Come, piu' o meno, Roma - Mosca.
Perche'? A San Diego non c'era nessuna struttura in grado di analizzare queste urine? O almeno nel resto della California?
Lo scopriremo nelle prossime settimane.

14 commenti:

Silvia Pareschi ha detto...

E poi ci chiediamo perché la sanità americana sia la più cara del mondo?
Un enorme in bocca al lupo per le analisi :-)

Santarellina ha detto...

Ok, questa fa il paio con il cambio contatori di tutte le case in cui avete abitato... non so quale sia più pazzesca!

Sabrina Finocchio ha detto...

Questa è da manuale....

Anonimo ha detto...

nonna perplessa, sempre piu' perplessa, perplessissima.....talmente perplessa che....senza parole!

luciaaaa ha detto...

Io ce l'ho l'oggetto del post: ai confini della realtà :-)
sono pazzi questi americani!

Mel. ha detto...

In bocca al lupo per i risultati.
Chissa' sta storia del viaggio delle urine :/

Anonimo ha detto...

molto grave come cosa francamente .. good luck !
-luca

Marica ha detto...

Silvia: eh, crepi!

Santarellina: che poi facevamo la "raccolta" lo stesso giorno che c'era la perdita dell'acqua e ho dovuto telefonare.... uan giornataccia!
[grazier per l'email... ti scrivo presto!]

Sabrina: gia' :-/

Nonna: eh pure io

Lucia: ;-)

Mel: ci avete messo meno tempo voi a vendere casa e traslocare, che non noi ad avere un responso per le urine :-/

Luca: grave il fatto di spedire le urine? o pensi che sia grave il responso? :-/

Luciano ha detto...

Ma poi com'era fatto sto contenitore per dover essere così speciale? Se gli dici che in Italia lo vendono alla farmacia sotto casa che ti dicono? "Oh uotastreingaidia?" (what a strange idea)

Silvia Pareschi ha detto...

Marica, guarda che bello questo articolo sull'adozione (anche se si tratta di un caso un po' estremo...)
http://www.newyorker.com/magazine/2015/08/03/the-children-of-strangers

Rabb-it ha detto...

Da San Diego a Chicago passando dall'Ohio...però!
:-/

Spero che D stia meglio e non fosse nulla di grave.

NonPuòEssereVero ha detto...

Ma perchè? Misteri!

unisalute telefono ha detto...

ciao
combinazioni avrebbero bisogno di conoscere il volo per andare a vedere
la finale della Coppa America .
Qualcuno ha il telefono Easyjet Italia ?
Grazie

sda telefono ha detto...

grazie per tutti!!!
bacci
mi piace molto la publicazione!!!
:)